Ristruttura casa e abbandona “gli scarti” accanto ad un albero

Ristruttura casa e abbandona "gli scarti" accanto ad un albero

Avezzano –  Come si vede in foto vicino a un albero in via Monsignor Bagnoli, a pochi passi dalla Caritas, sono stati abbandonati dei rifiuti, si tratta di materiali di risulta di lavori edili.
Tali materiali risultano depositati da diversi giorni, situati in modo pericoloso per i passanti”. Così si lamenta un nostro lettore facendo presente di aver avvisato già le autorità preposte.

Medici in Mobilitazione Permanente, la chiamata per i colleghi marsicani per il 29 maggio

Doctors

Sanità – I medici italiani scenderanno in piazza venerdì 29 maggio. L’emergenza sanitaria Covid-19, infatti, ha permesso a numerose lacune del sistema sanitario di emergere e portare all’attenzione dell’intera cittadinanza italiana problematiche consistenti.

Tra queste, in particolare, numerosi medici italiani, ritengono che sia urgente risolvere il problema dei “camici grigi”, ossia di tutti i medici neolaureati che non possono accedere alle scuole di specializzazione post laurea poiché a numero chiuso. La mobilitazione prevista per il prossimo venerdì, dunque, mira a porre l’attenzione sulla dannosità di questo “imbuto formativo” che impedisce ai medici di svolgere al meglio la propria professione e che mette in condizione gli italiani di subire la mancanza dei medici specialisti.

Dunque la Mobilitazione Permanente chiede a tutti i colleghi e ai cittadini vittime del sistema sbagliato di scendere in numerose piazze italiane venerdì 29 maggio: tra queste, anche la vicina Piazza Duomo, a L’Aquila.

Oltre alla manifestazione, un semplice gesto è il simbolo di questa manifestazione: una X disegnata su tutte le mascherine, indossate dai medici e, ormai, da tutti gli italiani.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 3491044566, ecco il link dell’evento su Facebook:

Di seguito le parole di “Associazione Salviamo Ippocrate”, “Chi si cura di te?”, “ER, Ex Rappresentanti in prima linea”, “Farmacia Politica”, “Link Area Medica”, “Materia Grigia” e “Segretariato Italiano Giovani Medici”:

Come spesso accade, le situazioni di difficoltà generano unità. L’emergere di criticità ingenti nell’ambito della Sanità e della formazione post-laurea dei Medici, ha portato alla mobilitazione di migliaia di laureati e alla coalizione di un gran numero di associazioni e gruppi di rappresentanza. In questo contesto si è manifestato un vero e proprio atto di resistenza, che sta coinvolgendo studentesse e studenti, Medici neaobilitati, camici grigi, Medici in formazione
specialistica e corsisti di Medicina generale. Tante figure diverse accomunate dalla necessità di una mobilitazione, che ha come tema centrale la riforma della formazione medica. Così è nato il nostro Coordinamento.

Quello che non siamo più disposti ad accettare è il persistere, ormai da troppi anni, di una situazione malsana e contraddittoria: la carenza di Medici Specialisti nelle strutture ospedaliere e, contemporaneamente, il blocco del sistema formativo per i laureati in Medicina. Abbiamo visto come la carenza di personale sia un danno per tutta la popolazione: l’emergenza COVID-19 ha scoperchiato un vaso di Pandora che da anni veniva volutamente ignorato dalla politica. Oggi, di colpo, ci accorgiamo degli effetti di tutti i tagli alla Sanità dell’ultimo decennio, pertanto, è necessario ora più che mai rivedere la programmazione del
personale sanitario. L’equazione è semplice e immediata: se mancano i Medici, l’intero sistema lavora in un continuo stato di precarietà, rischiando il collasso quando la richiesta di cure è superiore al normale.

I Medici specialisti in ospedale sono pochi, eppure sono tantissimi quelli che restano fuori dalle sue porte, in attesa di proseguire il proprio percorso di formazione. Questi sono i cosiddetti “camici grigi”, Medici neolaureati che sono rimasti esclusi dalle Scuole di Specializzazione e dal corso di Medicina generale per carenza di posti. Negli anni, l’accumulo dei camici grigi ha progressivamente costituito e alimentato il cosiddetto “imbuto formativo”.
Quello che chiediamo è che questo “imbuto formativo” venga annullato, dando la possibilità a tutti i Medici di accedere al percorso post laurea e permettendo, di conseguenza, di rispondere concretamente alla richiesta di personale sanitario negli ospedali e sul territorio. Richiediamo inoltre una revisione della figura dello specializzando che ancora oggi viene visto come un semplice studente quando in realtà è un Medico in formazione: è necessario una modifica del contratto che lo renda lavoratore a tutti gli effetti. Assistiamo in questi giorni a una tempesta di numeri, spesso svianti, ma quello che è certo è che 4.200 posti in più nelle Scuole di Specializzazione non risolveranno il problema. C’è bisogno di una riforma che includa un rapporto 1:1, un ampliamento della rete formativa, unarevisione delle condizioni contrattuali dello specializzando e una valorizzazione della Medicina Territoriale.

La Mobilitazione Permanente che è nata si rivolge non solo ai tanti colleghi rimasti incastrati nell’imbuto formativo, ma alla popolazione intera, perché in ballo non c’è solo il nostro futuro, ma quello del Servizio Sanitario Nazionale. Il simbolo di questa protesta è una X sulle mascherine e un numero, 29. Infatti, il 29 maggio si terrà un grande atto di resistenza: ci ritroveremo nelle maggiori piazze italiane e lì lasceremo un camice, una scatola di farmaci vuota, oggetti simbolo di una Sanità abbandonata a se stessa. Vogliamo essere i protagonisti del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Vogliamo fare il nostro lavoro da Specialisti e non da Medici precari. Crediamo che questa battaglia debba essere di tutti e quindi facciamo un appello a tutti i cittadini affinché scendano con noi in piazza il 29. E per chi non lo potrà fare chiediamo di porre il simbolo della rivolta sulla mascherina, oggetto diventato oramai di uso comune.

 

Avezzano: due senzatetto dormono sul marciapiede sotto gli occhi della città

Avezzano: due senzatetto dormono sul marciapiede sotto gli occhi della città

Avezzano – Due persone fotografate mentre dormono di notte, per strada, nel centro di Avezzano. Da mesi è così: il duro marciapiede è il loro letto, la loro casa. L’immagine, simbolo della marginalità, giunge in redazione da un nostro lettore.

“Sono due mesi – racconta – che questi senzatetto dormono sul marciapiede sebbene Comune, Caritas e associazioni stiano facendo il possibile per aiutare coloro che sono in difficoltà. Sapere che vi sono persone che passano la notte in strada, senza avere un altro posto dove andare, stringe il cuore.
Chiediamo, a chi di dovere, di aiutarli”
.

Arriva la nuova ambulanza per Ovindoli

Arriva la nuova ambulanza per Ovindoli

OVINDOLI – Ieri pomeriggio e’ stata benedetta la nuova ambulanza di Ovindoli a cura del parroco Don Bruno. Alla cerimonia erano presenti i ragazzi della Croce Rossa di Ovindoli , il sindaco ed il vice sindaco. A presenziare il cerimoniale in forma ristretta , per rispetto delle norme anti – covid, anche le famiglie di due illustri ovindolesi , storici ed amatissimi maestri di sci , Gaetano Pierleoni e Mario Ciminelli , dei quali nomi l’Unità di Trasporto sanitaria si è fregiata , scomparsi purtroppo prematuramente. Si legge infatti sul retro e sui lati dell’automezzo la dicitura”In memoria degli amici Mario e Gaetano”.

Arriva la nuova ambulanza per Ovindoli

L’Ambulanza è stata acquistata con contributo libero da parte della cittadinanza e delle migliaia di turisti che frequentano il Comune marsicano.

Determinanti anche le donazioni effettuate dagli organizzatori dei memorial per onorare le figure di Mario e Gaetano, nonchè quella di Marco Angelosante il quale ha donato le rimanenze del proprio negozio.

Con un post facebook i promotori dell’iniziativa ringraziano cosi tutti coloro i quali hanno contribuito significativamente all’acquisto del veicolo: “Siamo lieti di annunciarvi finalmente l’arrivo della nuova ambulanza per la CRI di Ovindoli! Questa mezzo  sarà soprattutto VOSTRO, infatti solo grazie alla generosità di voi tutti è stato possibile l’acquisto. Da questo momento la qualità dei nostri servizi sanitari non può che migliorare, vista l’efficienza di questa ambulanza anche con la neve ed il fango. Un ringraziamento speciale vá soprattutto alla famiglia di Marco Angelosante che  ha donato l’intero ricavato ottenuto tramite la svendita dei propri prodotti. Ringraziamo anche la famiglia Ciminelli, loro sono il vero esempio di #UnItaliaCheAiuta. Non manchiamo di ringraziare anche l’amministrazione comunale di Ovindoli, la Regione Abruzzo ed il Comitato Locale di Avezzano. Ci teniamo a dirvi inoltre che, appena finita l’emergenza da COVID-19 faremo una cerimonia di inaugurazione con tutti voi, per ringraziarvi di persona!
Grazie di cuore ancora a tutti voi da parte di noi cittadini di Ovindoli.”.

 

 

Rinviato il concorso di poesia “Romolo Liberale”

Rinviato il concorso di poesia "Romolo Liberale"

Avezzano – Il presidente Associazione Presenza Culturale Amici di “Romolo Liberale”, il prof. Ilio Leonio, nel manifestare la più viva gratitudine ai partecipanti al Concorso di Poesia“Romolo Liberale” 2020, con rammarico comunicano il rinvio della Cerimonia di Premiazione prevista per il giorno 23 maggio 2020, presso l’aula magna “Ugo Maria Palanza” del Liceo Classico “Alessandro Torlonia” di Avezzano”.

“La drammatica situazione relativa alla pandemia in atto purtroppo impedisce lo svolgimento della cerimonia di conferimento dei premi. Deve essere necessariamente rinviata a data da definirsi, in relazione all’evoluzione della tormentata emergenza che stiamo vivendo.” La Giuria del Premio, comunque, valutando le opere pervenute, farà conoscere i risultati quando saranno maturi i tempi per la programmazione della cerimonia di premiazione. Rivolgendosi poi a ogni singolo poeta partecipante al concorso, il presidente Leonio così si esprime “La Sua partecipazione alla sesta edizione del premio di poesia intitolato a Romolo Liberale, ci compiace e ci onora. Data la situazione di emergenza sanitaria nazionale in corso, ci vediamo costretti con sincero con rammarico ad annunciare il rinvio”.

Borgo Universo in lizza per i luoghi nel cuore FAI

Borgo Universo in lizza per i luoghi nel cuore FAI

Aielli – Il FAI – Fondo Ambiente Italiano, ha dato il via alla decima edizione de “I Luoghi del Cuore”, dal 6 maggio al 15 dicembre 2020. I cittadini possono votare i luoghi italiani che amano di più e vorrebbero vedere tutelati e valorizzati.

Tra questi figura anche il Borgo Universo di Aielli, il festival di street art, musica, performance e astronomia che utilizza il linguaggio dell’arte e dell’astronomia per valorizzare gli scorci, i panorami, e la storia del borgo medievale. Oltre ai tantissimi eventi che caratterizzano questo divertente festival, giunto quest’anno alla quinta edizione, il suo successo è dovuto anche ai numerosi murales realizzati nelle quattro edizioni del festival da artisti della street art come Ericailcane, Alleg, Gio Pistone, Luca Zamoc per nominarne alcuni, insieme a quelli di David De La Cruz e Okudart che hanno caratterizzato la scorsa edizione. Nonostante la presentazione sia avvenuta con qualche giorno di ritardo il nostro borgo sta già scalando la classifica. per votare basta visitare il sito ufficiale del FAI.

 

 

 

 

Arrivato a L’Aquila il primo stock di mascherine dalla Russia, 120mila mascherine ffp2 e 100mila mascherine chirurgiche

Arrivato a L'Aquila il primo stock di mascherine dalla Russia, 120mila mascherine ffp2 e 100mila mascherine chirurgiche

Abruzzo – Ieri è arrivato dalla Russia il primo camion con le mascherine, dopo diverse settimane di attesa sembra si sia finalmente sbloccata la situazione. Il Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsillo “Un carico che stiamo attendendo da diverso tempo. Stiamo combattendo una sporca guerra commerciale in giro per il mondo. Non è facile far muovere questi mezzi e questi materiali, ci stiamo riuscendo con fatica, attivando le nostre risorse.
Non è stato facile trovarli, siamo soddisfatti di questo primo arrivo che ci da fiducia sulle nuove consegne per le quali da giorni stiamo lottando”.

 

 

Vento forte ad Ovindoli, due alberi caduti | il sindaco raccomanda di non uscire o limitare le uscite dalle proprie abitazioni fino a cessata emergenza

Vento forte ad Ovindoli, due alberi caduti | il sindaco raccomanda di non uscire o limitare le uscite dalle proprie abitazioni fino a cessata emergenza

Ovindoli – Nella mattinata di oggi sono caduti due alberi ad Ovindoli in zona pineta a causa del forte vento. 

Il sindaco tramite una nota sul profilo Facebook del comune di Ovindoli invita i residenti a mobilitarsi solo in caso di necessità.

Così si legge sulla pagina del comune di Ovindoli. 

≪ A causa delle forti raffiche di vento che stanno interessando il territorio comunale e causando danni, si raccomanda vivamente di non uscire o limitare le uscite dalle proprie abitazioni fino a cessata emergenza.  Si rappresenta altresì che questo comune sta provvedendo con apposita ordinanza ad aprire il coc (centro operativo comunale) presso la sede comunale in via Sirente per ogni qualsiasi esigenza TEL 0863710183≫ 

(R.F.)

Troppi escrementi di cane nei pressi della nuova scuola di Magliano De’ Marsi, le lamentele dei genitori

Troppi escrementi di cane nei pressi della nuova scuola di Magliano De' Marsi, le lamentele dei genitori
Magliano Dei Marsi – “I nostri figli a volte vanno da soli a scuola, e tornano con le scarpe e gli zaini (trolley) sporchi e dal cattivo odore” – Comincia così la lamentala di uno dei genitori dei bambini che frequentano la nuova scuola inaugurata a settembre. “Il comune che si trova nel lato opposto è pulito, – fa notare – vogliamo invitare i vigili presenti ogni giorno all’entrata e all’uscita della scuola a controllare e multare chi sporca, vogliamo maggior controllo per verificare se, il posto è  scelto appositamente dai proprietari dei cani, o se si tratta di cani randagi comunque di trovare una soluzione sopratutto perché è un’area dove transitano i bambini”.
Ad Avezzano invece alcuni cittadini sembrerebbero lamentarsi di una nuova moda, che è quella di gettare escrementi di animali domestici direttamente dai balconi degli appartamenti, non curanti dei passanti.
Il vivere con un animali domestici porta molti benefici e le ricerche scientifiche ne danno conferma Cio’ che la legge ricorda, e’ che ci sono anche dei diritti e dei doveri da rispettare.
La legge riforma del condominio legge 220/2012 ha modificato la normativa che riguarda il possesso di animali domestici all’interno di un condominio, la prima novità risiede nel fatto che non può più essere vietata dagli altri condomini la possibilità di tenere un animale nel proprio appartamento, (modifica dell’ articolo 1138 del codice civile). Lo scopo della nuova legge è quello di non impedire la scelta personale di qualcuno che vuole coabitare con un animale domestico, perché è considerato un vero e proprio componente della famiglia. C’è un unico caso in cui è ammesso il divieto di detenzione degli animali in un contratto di locazione il proprietario di casa può Infatti specificatamente vietare all’inquilino il possesso di animali indicandola come clausola nel contratto di affitto in questione.
Comunque la loro presenza comporta delle regole che bisogna rispettare, Infatti, se così non fosse, il condominio può chiederne l’estromissione in specifiche circostanze (,quali ad esempio, la mancanza di igiene o patologie dell’animale) appositamente documentate (da ASL anche da veterinari privati). Tra le regole da rispettare ricordiamo che:
  • il cane che circola libero negli spazi comuni deve sempre indossare il guinzaglio corto;
  • il proprietario è tenuto a vigilare sul suo cane affinché non arrechi danni agli altri e non sporchi (occorre sempre portare con sé la busta per i bisogni);
  • Per quanto riguarda la museruola, invece, il padrone deve portarla sempre con sé e deve farla indossare al cane in caso di necessità, per esempio in ascensore va messa sempre ( Ministero della Salute ordinanza 6.8.3023 Gazzetta Ufficiale 6.09.13).
  • qualsiasi Delibera condominiale che imponga restrizioni agli animali che per esempio impedisce al cane di usare l’ascensore è annullabile dal giudice e l’interessato può presentare ricorso al tribunale entro un mese.

Autobus in fiamme all’autogrill di Tivoli, a bordo 50 persone partite dalla Marsica per C’è Posta Per Te

Autobus in fiamme all'autogrill di Tivoli, a bordo 50 persone partite dalla Marsica per C'è Posta Per Te

Avezzano – Una sosta all’autogrill di Tivoli per un pausa caffè, e poco dopo l’autista, che mantenendo la calma avverte, c’è qualche cosa che non va, mi sa che l’autobus sta andando in fiamme. Incredulo il gruppo di circa 50 persone partite dalla Marsica, area fucense e Valle Roveto, che si stava recando a Roma per la registrazione di C’E’ Posta Per Te, scende di fretta dal mezzo e poco dopo non può che assistere ad uno spettacolo drammatico, l’autobus va in fiamme nel piazzale dell’autogrill. Ci sono stati attimi di panico e l’autista ha ritardato il propagarsi delle fiamme con l’estintore di bordo, ma l’epilogo è stato inevitabile. Sul posto arrivano i pompieri che hanno spento l’incendio.

E della serie “the show must go one”, il gruppo di persone è atteso alla registrazione della trasmissione e non può mancare, quindi sta arrivando un autobus sostitutivo che li accompagnerà alla loro destinazione.

Non si conoscono le cause che hanno scatenato l’incendio.

Notizia in aggiornamento

https://www.facebook.com/terremarsicane/videos/2265063440458203/?__xts__[0]=68.ARBmxN03HfV8A23ZnxkvkyRUBsvFeMkRVznK2yjq_Q6Ed5jiLKVxIm8wqNfd-X4f6Fi56OJUSjmLew8yHoS5kC5GxJTEiIR-blYf4ZGpivMMyj699iYIHcl3uF3kto9bA37PuzmHmkxPYz0QkMMMe9TqOFWPUO1ZtO_tkdrqxkgur7g4E-pXUVzRUwB-gZfid8ORCoQe1rw53iz8sG2n-yiSfFBl8gzkIcBMzaV1M_oifjGttxre1xsBAbZZRilxmQCALRlpwh67YK5WpUiYCv7d5JVUdahr0QCM6l8T1hhbCgW9WzII2S6e5NtE3swX2ktZBQCKbbCQr63Zwrp_E_sK5q9cpT07RTDokA&__tn__=-R