Sergio Rozzi a Pescina con l’assessore allo sport e territorio, Antonio Odorisio, per la firma della Pergamena di adesione a La Via dei Marsi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescina – Il percorso di ricognizione de La Via dei Marsi è partito, sabato 24 luglio, dal territorio di Pescina fino a toccare quello di Ortona dei Marsi. Dalla 5′ tappa (che ha contemplato Collelongo, Ortucchio, San Benedetto dei Marsi, Pescina) ci si è inoltrati nella Valle del Giovenco, giungendo, dunque, al comune di Ortona. Ambiente, territorio, ecologia, in un transito all’insegna del verde, ma anche storia e grandi personaggi a connotare la città di Pescina, dove La Via dei Marsi si è diretta nel centro storico e fino al fiume Giovenco. In un percorso in senso antiorario i partecipanti si sono incamminati sul Sentiero Silone, avvicinandosi alla tomba di Ignazio Silone, poi verso la Casa Museo Silone e ha toccato il Museo Mazzarino (i due complessi visti dall’esterno); il corteo si è portato anche vicino alla Torre Piccolomini e alle Mura Ciclopiche prima di arrivare sulle rive del Giovenco.

Per la prevista firma della Pergamena di partecipazione, oltre al tecnico ambientale Sergio Rozzi (Erci Team, Csen; ideatore, con il prof. Roberto Mastrostefano de La Via dei Marsi), per Pescina erano presenti il sindaco Mirko Zauri e Antonio Odorisio, assessore allo sport e territorio; per Ortona dei Marsi c’erano il sindaco, Manfredo Eramo e la vice sindaca, Cristina del Gizzi.

Sempre ad Ortona, il professore archeologo Giuseppe Grossi ha tenuto un bellissimo discorso sulla storia antica e sui miti di Ortona/Milonia. Contemporaneamente alla 6′ tappa de La Via dei Marsi, a Lecce nei Marsi ha avuto luogo il 3′ evento a cura dell’associazione pescarese onlus ‘Novissi‘ (Veronica Di Paolo e Andrea Liberatire), che si occupa di dare sostegno a ragazzi che vivono in situazioni di disagio socio-economico. Come ricorda la project manager Michela Dominici: ‘La via dei Marsi sta creando un tracciato ideale che terminerà il 9 settembre prossimo, a Pescasseroli, quando il parco nazionale d’Abruzzo , Lazio ve Molise, compirà 99 anni; in seguito potrà continuare ad essere percorsa da chi lo vorrà. Molti sono i comuni che si sono aggiunti a quelli previsti inizialmente, per fare rete ed originare i presupposti per un futuro all’insegna del turismo sostenibile, sulla Spina Verde d’Abruzzo. Prossima tappa de La Via dei Marsi il 14 agosto, con ricognizione sulla via tra Ortona e Bisegna.’

La Via dei Marsi si dota di un Info Point, sito in via I.G. Amiconi, 13, ad Avezzano: l’inaugurazione il 28 luglio alle 15,00. La Via dei Marsi: www.laviadeimarsi.it

Sergio Rozzi a Pescina con l'assessore allo sport e territorio, Antonio Odorisio, per la firma della Pergamena di adesione a La Via dei Marsi