‘Dehors’ ad Avezzano, le Associazioni di Categoria: «Non siamo state consultate»



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – «Apprendiamo solo attraverso la stampa che è stato cambiato, con delibera del Consiglio Comunale, il regolamento e le tariffe per i dehors all’esterno dei locali di Avezzano». E’ quanto affermano in una nota congiunta Confcommercio-Imprese per l’Italia, Confesercenti, Confartigianato e CNA.

«Le Associazioni di Categoria esprimono, in una nota fatta pervenire alla nostra Redazione, «indignazione e rammarico per non essere state nemmeno consultate, denunciando al contempo una mancanza di tatto istituzionale davvero sgradevole».

«Nonostante quella della disciplina delle occupazioni di suolo pubblico per l’installazione dei ‘dehors’ sia un argomento delicato e più volte oggetto di discussioni e confronti a cui non ci siamo mai sottratti, le nostre Organizzazioni, in questa occasione, non hanno ricevuto alcuna convocazione né tantomeno avuto copia del testo da poter visionare, pertanto sospendiamo qualsiasi giudizio nel merito, fino a quando non saremo chiamati per una analisi dettagliata del provvedimento», affermano le associazioni nella nota congiunta.

«Stesso discorso dicasi per l’iter di approvazione del Bilancio 2018 e la modifica della tariffazione Tari. Difatti, pur riscontrando nelle misure adottate, apprezzabili segnali di attenzione al mondo delle Imprese (vedasi Tari, riduzione delle tasse comunali per le nuove attività, ecc.) lamentiamo anche in questo caso l’assenza di qualsiasi coinvolgimento delle Associazioni nella discussione preliminare. Non vorremmo che di questo passo si rischi di passare da gravi ed ingiustificabili distrazioni all’affermazione di un metodo che noi non possiamo far altro che stigmatizzare. L‘auspicio da parte nostra è che subito dopo le festività, si ripristini un dialogo e confronto serrato su temi importanti e fondamentali per la città e per le attività economiche in essa operanti»




Lascia un commento