Seconda giornata del Premio Internazionale Silone con la presentazione del nuovo sito web Silone.it, il convegno su Tempo Presente e lo spettacolo “Fontamara”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescina – Dopo lo straordinario successo della prima giornata del Premio Internazionale Ignazio Silone 2021 che ha ottenuto un ottimo riscontro di pubblico e di gradimento, si procede con gli appuntamenti culturali del 20 agosto. Nella seconda giornata diversi e interessanti gli eventi legati alla figura di Silone e alla sua fondamentale opera letteraria e umana.

Alle ore 11:00, presso la sala convegni del Teatro San Francesco, dopo i saluti istituzionali da parte del Sindaco di Pescina, Mirko Zauri, e del presidente del Centro Studi “Ignazio Silone”, Tiziana Cucolo, verrà presentato al pubblico il nuovo sito internet www.silone.it, a cura di Luigi Todisco, dedicato all’immenso repertorio documentale, biografico e storico legato alla figura di Ignazio Silone. L’iniziativa nasce dalla riflessione e dall’esigenza di ripensare al dialogo con il pubblico in termini di un vero e proprio rinnovamento tecnologico che contribuirà a divulgare la conoscenza dell’esimio scrittore pescinese nel mondo.

A seguire l’attesissimo convegno dal titolo “La testimonianza della rivista Tempo Presente dal dopoguerra a oggi, nell’Italia democratica, popolare ed europea”. Moderatore il giornalista Sergio Venditti. Interverranno Alberto Aghemo, direttore della rivista “Tempo Presente”; Gaetano Quagliariello, senatore della Repubblica; Franco Salvatori, professore ordinario di geografia già presidente emerito della Società Geografica italiana; Antonio Di Matteo, presidente nazionale Movimento Cristiano Lavoratori.

Alle ore 21, nel chiostro del Teatro San Francesco, prenderà il via una serata riservata alla suggestiva rappresentazione teatrale di “Fontamara”, tratta dall’omonimo romanzo di Silone pubblicato la prima volta nel 1933, interpretata dalla Compagnia Teatrale “Le Officine Solidali Teatro” di Pescara e “La Carovana” di Torre de’ Passeri.