L’associazione di promozione sociale “I Girasoli” denuncia: “Ennesima beffa ai danni di una malata oncologica”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
Avezzano. Un anno pieno di iniziative e solidarietà quello che sta salutando l’associazione di promozione sociale “I Girasoli”, con progetti di prevenzione dei tumori femminili e comunicazione svolta anche tramite la pagina Facebook, che è risultata essere un valido metodo per sostenere le donne in cura e i loro familiari. Tra i progetti il primo corso di nuoto per donne in chemioterapia o appena uscite dal percorso, avviato in collaborazione con la Pinguino Nuoto, mentre l’aspetto estetico è stato affidato alla delicatezza e professionalità dello staff di Arianna Pulsoni.
L’associazione porta inoltre a conoscenza quella che definisce l’ennesima beffa ai danni di una donna malata oncologica, in cura all’ospedale dell’Aquila. La donna, il cui nome per motivi di privacy non verrà indicato, nel mese di febbraio 2018 dovrà fare un controllo con l’oncologo al quale dovrà portare in visione la propria Tac. La suddetta Tac le è stata fissata, però, per il mese di giugno 2018, e dovrà quindi ricorrere a strade secondarie e piuttosto dispendiose,  in quanto, come tende a sottolineare il presidente dell’ associazione, Benedetta Cerasani, non vi è una corsia preferenziale per i malati chemioterapici. Alla stregua di questa circostanza, sempre  alla stessa signora, che ha un trombo al braccio, le è stata fissata un’ecografia a mesi di distanza, nello specifico ad  agosto 2018. Ma non finisce qui. Da oltre 6 mesi questa persona  sta attendendo i risultati  dei test genetici, fondamentali per  comprendere  eventuali mutazioni  ai geni Brca1 e Brca2, responsabili dei  tumori al seno e all’ ovaio, soprattutto perché anche la madre e la sorella della signora in questione sono state spinte dall’associazione a svolgere simili esami a causa dei recenti problemi di salute che le stanno colpendo. Ciliegina sulla torta, i risultati del test genetico, si scopre, qualche giorno fa, sono stati riconsegnati ad una persona sconosciuta e gli operatori sanitari non hanno idea di come procurarsi una copia.
“I Girasoli” , da sempre vicini al malato oncologico, raccontano questa vicenda con rabbia e rammarico. “Non è  ammissibile, alle soglie del 2018, continuare a portare alla luce disservizi  simili ai danni dei malati e dei loro familiari. – dichiara il presidente -“Intercettare persone mutate sane arreca beneficio alla Asl e alla Regione perché con la prevenzione fatta su misura c’è risparmio, cosa che non avviene quando i soggetti non individuati in tempo diventano con certezza pazienti” . “Chiediamo alle istituzioni che venga creata una corsia preferenziale di appuntamenti  per i malati oncologici diversa dalla trafila  tradizionale – conclude la Cerasani – per non doverci più sentir dire dalle donne marsicane  che devono ricorrere ad amici o parenti che lavorano in Asl per essere inserite anticipatamente negli appuntamenti di controllo, vitali direi”.



Lascia un commento