Stop all’apertura di Centri Commerciali in Abruzzo fino al 2021, Pettinari (M5S):”Iniziativa nostra, non di Berardinetti”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Regione – “Nel provvedimento milleproroghe in Commissione Bilancio è stato recepito l’emendamento che mi vede proponente e primo firmatario che vieta l’apertura di nuovi centri commerciali in Abruzzo. La maggioranza ha imposto il termine fino al 2021, è un primo importante risultato a salvaguardia delle piccole e medie imprese”. E’ quanto dichiara il consigliere del M5S Domenico Pettinari.

“Ci fa Piacere che il consigliere Berardinetti lo apprezzi così tanto da dichiarare alla stampa che è stata una sua iniziativa, ma questa è una proposta del M5S. Fa un po’ sorridere che gli “inesperti”, come spesso la maggioranza ci appella, pongono proposte così sensate che addirittura vogliono attribuirsele loro. Voglio sottolineare che questa misura del M5S darà una boccata di ossigeno alle tante attività commerciali presenti nei centri commerciali naturali delle nostre città costrette a sopravvivere con una crisi senza precedenti”.

PLAUSO DI CONFCOMMERCIO AL PROVVEDIMENTO DEL CONSIGLIO REGIONALE D’ABRUZZO

“Questa scelta è importante e perfettamente in linea con il contenuto delle premesse del Patto per L’Abruzzo a suo tempo sottoscritto – hanno dichiarato il Presidente e il Direttore Regionali di Confcommercio Abruzzo Roberto Donatelli e Celso Cioni – con la necessità di riequilibrare il sistema distributivo regionale che evidenzia una presenza patologica della Grande Distribuzione Organizzata rispetto ai valori nazionali e vede l’Abruzzo ai vertici di tale graduatoria.

Come già evidenziato in più occasioni la nostra Regione ha già il primato nazionale ed europeo nel rapporto tra superficie di GDO (mq) ed abitanti: avere approvato tale norma vuol dire aver dato finalmente una risposta concreta ad una crisi che  mette a rischio l’intero sistema distributivo del piccolo commercio abruzzese e migliaia di posti di lavoro a “costo zero” per le risorse finanziari regionali”.




Lascia un commento