La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Cerca
Close this search box.
Home » Terza pagina » Il decurionato

Il decurionato

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Il Decurionato non era altro che il Consiglio di un Comune formato da dieci persone, nei Comuni fino a 1.000 e il capo era il Sindaco, questo termine entra in vigore con la legge del 1806, ancora prima si chiavano Parlamenti.

Va detto però che oltre ai Decurioni, presenti nelle Amministrazioni vi erano altri personaggi di rilievo e cioè: il Sindaco, il Cancelliere comunale e il Parroco e questi insieme ai Decurioni gestivano il Comune, formavano le liste di leva, proponevano le guardie urbane e in materia di beneficienza proponevano i membri, (per terne), ai consigli che dovevano far parte, degli ospizi e proponevano i cassieri.

A capo però vi era sempre il Sindaco, che ricopriva anche la carica di ufficiale di stato civile e giudice.

Il tutto ebbe inizio con la legge del 15 febbraio 1806 con Giuseppe Bonaparte, che assunse il governo del Regno e mise mano a importanti riforme, con l’introduzione del Codice Napoleonico tra, le quali: la riforma delle Amministrazioni Comunali e l’abolizione del Feudalesimo.

Furono fatte una serie di leggi e decreti e tra questi fu modificata anche l’Amministrazione Comunale con la creazione, come detto innanzi, del Decurionato che sostituiva i Parlamenti delle Università, ( così venivano appellati le Amministrazione dei Comuni di allora).

Soffermiamoci a parlare, della formazione del Decurionato.

Potevano far parte del Decurionato solo gli iscritti alle liste degli eleggibili, approvate dell’intendenza, con una rendita di almeno 24,00 ducati per paesi fino a 3.000 abitanti, una rendita doppia per quelli fino a 6.000 abitanti e quadrupla per quelli superiori a 6.000 abitanti, e si riunivano almeno una volta al mese; potevano essere anche analfabeti e insieme agli altri, potevano costituire solo i 2/3 dell’organo collegiale, poi, subito dopo, con la legge d 12 dicembre 1806, la percentuale fu ridotta a 1/3.

I Comuni furono divisi in tre categorie:

Comuni superiori a 6.000 abitanti, Comuni con popolazione compresa da 3.000 a 6.000 abitanti e Comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti.

I Comuni non superiori a 3.000 abitanti potevano eleggere fino ad un massimo di 10 decurioni, quelli da 3.000 a 6.000 potevano eleggere 3 decurioni per ogni mille abitanti mentre quelli oltre i 6.000 abitanti 3 decurioni fino a 6.000 abitanti e per un massimo di 30 decurioni.

Ora facciamo delle piccole osservazioni o meglio confronto con il Decurionato di allora e il Consiglio Comunale di oggi, in base agli abitanti.

Tutti sappiamo come sono formati i Consigli Comunali, oggi, nei nostri Comuni, piccoli e grandi che siano.

Ma non vi pare la stessa cosa? Funziona così anche oggi, non vi pare? E poi non ci dimentichiamo che anche all’ora i Comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti furono fatti unire, ed oggi non si parla di unione dei Comuni? Anche se tardano ad unirsi ma, questo lasciamolo ai politici, dei nostri piccoli Comuni.

Come si vede, la storia si ripete, la diceva anche il filosofo napoletano, Gian Battista Vico con la sua teoria dei Corsi e Ricorsi storici.

Il Decurionato era l’organo che deliberava sui contratti, proponeva i bilanci e le cariche si rinnovavano ogni 4 anni.

Una cosa però si verificò, l’ascesa al potere della borghesia che acquisì il potere politico e grazie alle leggi Francesi, acquistarono una buona parte del demanio fino ad allora feudale ed ecclesiastico diventando i padroni assoluti dei Comuni.

Giuseppe Napoleone, fratello di Napoleone Bonaparte, era principe di Francia, passò a Re di Napoli, per un paio di anni, dal 1806 al 1808 e poi Re di Spagna dal 1808 al 1813.

Napoleone, divenuto Imperatore, eresse i suoi fratelli, Giuseppe, Luigi e Luciano ad altezze reali.

Precisiamo che già intorno all’anno 1.000 in Islanda e intorno all’anno 1097 in Sicilia e precisamente a Mazzara del Vallo ci furono i primi Parlamenti, in senso moderno.

Aggiungiamo che il Regno di Sicilia, fu considerato il primo stato moderno della Storia d’Europa.

PROMO BOX

Messa in sicurezza sismica: sono 20 i luoghi di culto in Abruzzo che riceveranno fondi PNRR
Foto Silvia Salvatore (3)
lista Noi per Capistrello
Cinque gattini abbandonati davanti all'abitazione di una volontaria: "Cercano una famiglia"
alba dei marsi
Sospetta presenza di bocconi avvelenati in località Camposecco - Campo Catino a Pereto
Ripulita l'antica Fonte di Follonica a Massa d'Albe, lungo il Cammino dei Briganti
Dottorandi e ricercatori del Summer College, provenienti da 13 Paesi del mondo, ospiti a Lecce nei Marsi
Cerchio porge oggi l'ultimo saluto a Fabio Angeloni, scomparso a soli 56 anni
Chiusura al traffico SP 23 "Alto Liri" a Capitrello, variazioni per i bus TUA della linea Tagliacozzo - Capistrello - Tagliacozzo
A Paterno, la Nuova Grande Panchina sul Monte Cervaro
Giornata Mondiale dei Bambini terremarsicane
MEMORIAL GIAN MAURO FRABOTTA KART
WhatsApp Image 2024-05-23 at 19.20
Quattro suggestivi scatti di Arturo Di Felice che immortalano la bellezza dei fenomeni celesti
Rimossa da Salviamo l'Orso una grande quantità di filo spinato
Interruzione del flusso idrico nel Comune di Aielli per la mattinata di oggi
In memoria di Giuseppina Cerroni: i colleghi e la direzione della Nova Salus effettuano una donazione a favore di Trasacco Emergency
mercato-avezzano-centro
|
Il Vicesindaco Luigi Soricone
FB_IMG_1716533884760
444747465_10233593313837640_6163009785225932614_n
Balsorano ricorda e commemora i fratelli Mario e Bruno Durante, martiri della Resistenza

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina