Il concerto storico di Angelo Branduardi conquista l’anfiteatro di Alba Fucens. Festiv’Alba riceve consensi e applausi da tutta Italia



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Massa d’Albe. Angelo Branduardi, il “Menestrello italiano”, conquista Festiv’Alba grazie a un concerto memorabile che resterà a lungo negli occhi e nelle orecchie di chi vi ha potuto assistere. Che potesse trattarsi di un evento storico, però, lo si era capito fin dal principio: una location dalla storia millenaria, il cielo stellato della notte di San Lorenzo, la luna piena a illuminare l’intero sito archeologico e una lunga serie di hit che hanno reso il cantautore genovese tra i più personali e amati in Italia, infatti, lasciavano presagire un show indimenticabile.

“Cogli la prima mela”, “La Pulce d’Acqua”, “Ballo in fa diesis”, “Alla Fiera dell’est”, hanno fatto cantare e commuovere i seicento spettatori provenienti da tutta Italia (Cuneo, Firenze, Roma, Napoli, giusto per citare alcune provenienze) che con trasporto e intensità si sono resi partecipi di un’esibizione impeccabile e di sconfinata classe ed eleganza. A termine dello show, infatti, in molti hanno giudicato l’esibizione ad Alba Fucens come una delle migliori di questo tour estivo.

A questo punto, è tempo di bilanci. Questa prima edizione di Festiv’Alba ha registrato un aumento esponenziale di consensi e partecipazione, sia per i concerti all’anfiteatro romano che per quelli alla chiesa di San Pietro. In più di un’occasione, infatti, è stato raggiunto il traguardo del tutto esaurito e la media degli spettatori è sempre stata altissima, arrivando a coprire, quasi sempre, tutti i posti messi a disposizione dall’organizzazione. Con il passare dei giorni anche l’interesse mediatico è cresciuto considerevolmente, anche grazie alla collaborazione della stampa – locale e non – puntuale a condividere le informazioni sui singoli eventi e, in alcuni casi, redigendo articoli ad hoc.

“Senza ombra di dubbio è stato un successo oltre le più rosee previsioni” – dichiara il maestro Massimo Coccia, direttore artistico della manifestazione – “gli eventi all’anfiteatro sono andati sold out e quelli alla chiesa di San Pietro hanno coinvolto un pubblico sempre maggiore che, non appena finita l’esibizione alla quale aveva assistito, già chiedeva dettagli dei prossimi show. E’ doveroso ringraziare i nostri sponsor e le istituzioni che ci hanno aiutato in questo viaggio ma anche lo staff e i collaboratori di Harmonia Novissima che, con una passione e un entusiasmo encomiabile, hanno dato tutto il loro meglio per la riuscita del festival” – conclude Coccia.
L’ultimo appuntamento con Festiv’Alba è per il 10 settembre con il concerto del pianista Massimo Coccia alla chiesa di San Pietro.




Lascia un commento