Economia verde, Abruzzo verso l’approvazione del progetto europeo LIFE3H

L’Aquila – Il progetto europeo LIFE3H sulla mobilità ad idrogeno sembra andare verso l’approvazione, il primo del Centro Italia del quale la Regione Abruzzo è coordinatrice.

L’obiettivo è la realizzazione di tre Hydrogen Valley (siti di produzione, stoccaggio e utilizzo di idrogeno integrato), un progetto che include sia la produzione che il consumo di idrogeno e che attua la strategia europea del Green deal volta a raggiungere la neutralità climatica in Europa entro il 2050. Viene utilizzato l’idrogeno messo a disposizione da Chimica Bussi che lo ricava come sottoprodotto nel processo di produzione di soda caustica dal cloruro di sodio tramite elettrolisi.

Sono previste due linee: la prima permette di raggiungere l’Altopiano dalla stazione ferroviaria e degli autobus di Avezzano; la seconda, interna all’Altopiano, connette le stazioni sciistiche “Monte Magnola” e “Campo Felice”. Grazie a questa iniziativa si potrebbe avere un potenziamento dei mezzi nelle tratte giornaliere di collegamento tra Avezzano e Ovindoli e interne all’altopiano per mezzo di due minibus idonei per percorsi in pendenza e temperature rigide e che saranno utilizzati e gestititi dalla società di Trasporto unico abruzzese (Tua). Il sito per la realizzazione della stazione di rifornimento è stato individuato nell’interporto di Avezzano.

Nella stessa area è prevista la realizzazione di un impianto di produzione di idrogeno da Fer per alimentare la mobilità interna del Parco nazionale d’Abruzzo e il collegamento Pescara-Roma.

Il presidente della Regione, Marco Marsilio, e l’assessore all’Ambiente, Nicola Campitelli hanno dichiarato: “Questa nuova attività che la Regione avvia costituisce un vero e proprio programma di sviluppo per raggiungere gli obiettivi energetici e climatici disposti dall’Europa, ponendo la green economy al centro della ripartenza post-Covid”. (R.F.)