Teatro dei Marsi, il pianista Davide Cabassi scherza ai nostri microfoni: “ Mi sono avvicinato alla musica per disperazione dei miei genitori”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano.  Una serata all’insegna delle sonorità classiche quella che si è vissuta ieri al Teatro dei Marsi, in occasione della Stagione Musicale 2017/2018. Protagonista dell’evento, il pianista Davide Cabassi, talentuoso e versatile artista che ha incantato il palcoscenico marsicano con  la sonata n.3 op.58 di Chopin e i Quadri di un’esposizione di Mussorgsky. Cabassi vanta una carriera ammirevole, iniziata in tenera età, a soli 13 anni, che lo ha portato ad esibirsi con le più grandi orchestre europee ed americane.

Residente con la sua famiglia a Milano, insieme alla moglie e pianista Tatiana Larionova, Cabassi è fondatore e direttore della Primavera di Baggio, stagione concertistica e festival multidisciplinare che anima il quartiere milanese di Baggio. Recuperare spazi confiscati alle mafie, animare un quartiere periferico e coinvolgere fasce di pubblico lontane dal mondo della musica classica, queste le finalità della proposta della Primavera di Baggio, che è divenuta occasione di ritrovo e socializzazione, divertimento e accrescimento, dimostrazione di come la musica possa avere anche obiettivi nobili e di natura sociale.

Servizio a cura di Manuel Conti 

 




Lascia un commento