La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Cerca
Close this search box.
Home » Attualità » Stato del fiume Liri, intervista al professore Pietro De Paulis

Stato del fiume Liri, intervista al professore Pietro De Paulis

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio

Professore, Lei è stato nello stesso tempo e per molto tempo sindaco, presidente della Comunità Montana e presidente del Consorzio di Bonifica. Per quest’ultimo ente in particolare, non meno comunque che per gli altri due, le dovrebbero essere noti e arcinoti i problemi del fiume Liri, di cui molto si è parlato e si continua a parlare in questi giorni. Per cui le chiedo come vede il problema, quali sono le soluzioni e come valuta le iniziative e i ruoli che stanno giocando i vari Enti responsabili.

– Ritengo che gli Enti che lei ha citato, a cui per competenza ne aggiungerei altri due, abbiano fatto o stiano facendo quanto è necessario per l’eliminazione degli inconvenienti che vengono lamentati.

Tutto qui? Mi scusi professore, comprendo ma non condivido la cautela della sua risposta. Il fiume Liri è troppo importante per la Vallata per essere liquidato in quattro parole. I comuni tutti sono interessati e da sempre, oltre ai benefici, il Liri è portatore di problemi, peraltro non risolti, che riguardano la vita dell’intera comunità valligiana. Le riunioni continue di Sindaci e politici stanno lì a dimostrarlo.

– Ma vede, per il parere che lei mi chiede bastano due parole, anziché quattro: il fiume è inquinato? Ricerca, cioè conta e analisi delle immissioni e, in conseguenza, eliminazione dei fattori inquinanti. Con le buone se possibile, con le cattive se necessario. Tutto qui. Riunioni, assemblee, convegni, cenacoli, agapi fraterne vanno bene, benissimo, ma poi bisogna agire. Altrimenti sono lustrini e paillettes di passerelle, nella migliore delle ipotesi, inutili. Se poi restando sul fiume, ma voltando pagina, lei mi chiede se ci sono o ci siano stati vicende e problemi legati al suo millenario cammino, le posso garantire che il Liri di vicende, anche interessanti, è pieno, e i problemi, anche gravi non se li è fatti mancare. Le genti aborigene vi pescavano le lamprede, i Romani vi hanno combattuto, i barbari lo hanno attraversato, i Saraceni lo hanno risalito, i briganti ci sono caduti, i tedeschi ecc.. ecc.. Persino il suo nome s’è messo in discussione, s’è chiamato sempre Liri o anche Verde, è affluente del fiume Rapido o è vero il contrario, modifica il suo nome o lo perde in Garigliano? Personalmente sono con quanti sostengono che Verde ce lo vedeva Dante per il riflesso delle sue acque; che sia il Rapido ad unirci le sue acque gelide e che Garigliano sia la contrazione di Gariliriano, in forza della legge fonetica, imperante in linguistica, del minimo sforzo.

Professore, torniamo al Liri di oggi.

– Tornando al Liri di oggi, a parte l’inquinamento, per il quale le ho dato una risposta cauta, secondo lei, completa ed unica, secondo me, le posso dire che c’è, o meglio c’era, e comunque non c’è più un altro discorso da fare, che s’era iniziato alla fine degli anni ottanta: la valorizzazione turistica del fiume Liri, con accordi con  l’Enel ed ingenti investimenti sul suo tracciato e sul territorio circostante.

Perché professore questo discorso non c’è più?

– Non c’è più da quando la Comunità Montana non c’è più. La perdita di questo Ente rappresenta il danno più grave che la Valle potesse avere dal dopoguerra ad oggi. Lasciamo stare se funzionasse al meglio o al peggio, ma il fatto che i 7 comuni, tra loro legati per motivi geografici (il sistema oroidrografico è identico) e storici (nel 1789 contro l’invasore transalpino, la Valle Roveto, mobilitata nelle chiese “pro aris et focis” mise su una sola “massa” ed elesse un solo comandante) il fatto, dicevo, che i magnifici 7 potessero contare su un punto di riferimento istituzionale era di fondamentale importanza. Basta riandare, per comprenderlo, alle estenuanti fatiche dei 7 Sindaci dagli anni ’50 in poi per la creazione, mai riuscita, del Consiglio di Valle. Ora che, per fortuna nostra, ci aveva pensato lo Stato con la costituzione della Comunità Montana, ce la siamo fatta sfilare senza battere ciglio, anzi battendo le mani, o quasi. Ma la Valle senza la Comunità Montana è bella che spacciata, è menomata o, come avrebbe detto il poeta del “Pineto”, è “mutilata”. Ma tant’è. Tant’è che l’intervista che doveva parlare di Rocche e di montagne è finita, per colpa mia s’intende, per discutere di valle orba e fiume amaro. Di montagna e della storia di Roccavivi ahimè, “percossa e inaridita”, della slavina del 1600, ripeto del 1600, delle origini del nome, quello vero, che non è né “Rocca Vivorum” né “Rocca dei vivi” né di altre Rocche più o meno fantasiose, parleremo in altra occasione. Se ci sarà. A meno che altri, e ce ne sono o ce ne dovrebbero essere, sospinti da sacro furore avito, non intervengano per evitare che le radici loro, dei loro figli e delle future generazioni finiscano per essere avvitate su dati storici palesemente infondati.

PROMO BOX

La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Dopo 27 anni le Frecce Tricolori tornano a L'Aquila per l'Airshow del 25 e 26 Maggio
"Casa della salute mobile" a Civita d'Antino: consentirà di effettuare screening oncologici
FB_IMG_1716297966272
Elezioni europee dell'8 e 9 Giugno, il Comune di Avezzano predispone il servizio gratuito di trasporto disabili ai seggi
Isweb Avezzano Rugby: promozione storica orgoglio d’Abruzzo
mercato
WhatsApp Image 2024-05-20 at 09.14
Incentivi economici alle imprese abruzzesi che assumono giovani disoccupati fino a 35 anni
Sciame sismico in area flegrea, la Protezione Civile attiva l'unità di crisi e allestisce aree di accoglienza per la popolazione
Inaugurazione nuova Big Bench a Pescocanale: domenica 26 Maggio presentazione della panchina gigante sulla montagna della Renga
Una femmina di lupo avvistata tra i campi di Fucino (video)
Comune di Celano
José Borges
Sirente Bike Marathon 20052024 camp reg fci abruzzo marathon
IMG-20240521-WA0000
FB_IMG_1716223877738
pietrucci-pierpaolo
WhatsApp Image 2024-05-20 at 12.48
60 mila prodotti contraffatti finiti sotto sequestro grazie alle indagini eseguite dalle Fiamme Gialle
Pescasseroli si prepara alla magnifica infiorata del Corpus Domini, i lavori prenderanno il via il 1° Giugno
Cammino dell'Accoglienza, 3 giorni di trekking dalla Valle Roveto ad Avezzano attraverso la montagna di Luco e la cresta del Salviano
L'antica Torre medievale di Collarmele è interessata da lavori di manutenzione straordinaria
Avezzano si prepara a commemorare le circa 100 vittime civili del bombardamento del 1944

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina