Smartphone, Tonelli e Ranieri: “ Toppa peggiore del buco”

Avezzano – Avevano criticato aspramente la scelta dell’Amministrazione cittadina di consegnare degli smartphone ai consiglieri comunali, ai componenti della Giunta, agli addetti alla segreteria e dell’ufficio di Gabinetto, tuonando contro “ l’inopportunità della decisione in spregio ai cittadini”. Le affermazioni di Claudio Tonelli ( Rinascita di Avezzano) e Fabio Ranieri ( gruppo misto) avevano suscitato la reazione di fuoco dell’ assessore Alessandra Cerone che, conteggi alla mano – con il presidente del Consiglio comunale, Domenico Di Berardino – aveva bacchettato i due Consiglieri di opposizione e aveva motivato la scelta con il risparmio di circa 7000 euro annui, rimarcando che la digitalizzazione della trasmissione documentale tra l’ente e i soggetti interessati è imposta dalla legge.

La replica di Claudio Tonelli e Fabio Ranieri non si fa attendere e rincara la dose: “ Se prima avevamo qualche dubbio sul dilettantismo e cattiva fede di questa amministrazione, adesso ce lo siamo tolto”, affermano infatti i Consiglieri, “ Vogliamo spiegare all’assessore Cerone e al sindaco di Pangrazio che una comunicazione via mail anche certificata ai consiglieri e agli assessori, non si riceve solo dagli smartphone del Comune ma da qualsiasi computer di casa, tablet personali ma soprattutto dai cellulari moderni che ormai tutti nell’era digitale possiedono.

Non serviva adottare la delibera del 19.11.2015 e noleggiare 48 smartphone con tanto di scheda in abbonamento, per iniziare a comunicare in maniera digitale, cosa che si sarebbe potuta fare direttamente già con la delibera di giunta del 01.08.2013 senza spendere un euro e non si capisce perché non è stato fatto”.

“L’assessore Cerone e il Sindaco di Pangrazio devono prendere atto che i nostri cittadini sono più evoluti di quello che loro pensano e che invocare la digitalizzazione e dematerializzazione dell’Amministrazione per giustificare l’acquisto degli smartphone non inganna proprio nessuno”, puntualizzano, non proprio ‘di fioretto’, Claudio Tonelli e Fabio Ranieri.

“Allora per digitalizzare questa città con la SMARTCITY dobbiamo comprare 40.000 smartphone per i nostri cittadini?”, chiede il consigliere Fabio Ranieri, che rilancia su numeri e sprechi: “Noi invece, in tema di dematerializzazione, avremmo evitato di comprare decine di copie degli stessi quotidiani ogni giorno ed utilizzare la rete intranet del comune per lo scambio delle informazioni utili e quindi risparmiare gran parte dei circa 11 mila euro che ogni anno si spendono”.

“Non accettiamo bacchettate da nessuno” precisa lapidario il consiglieri Tonelli “ tanto meno dal Presidente Di Berardino, la delibera noi l’abbiamo letta bene e spieghiamo allo stesso che la legge non impone di comprare i telefonini per garantire la digitalizzazione della macchina Amministrativa e in materia di veridicità e trasparenza pensasse piuttosto a materializzare gli allegati, spesso mancanti, alle delibere di Giunta pubblicate, specialmente quelle che prevedono incarichi e contributi, nonché alla correttezza dei dati pubblicati sui giornali relativi ai redditi di tutti gli Amministratori”.

 

Lascia un commento