Pronto soccorso avezzano, Fedele: “siamo in piena emergenza “


Avezzano – Sono gravissime le affermazioni dell’Assessore Verì in merito alla situazione del Pronto Soccorso di Avezzano. L’Assessore dimostra, sia nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa che nelle risposte date alla mia interpellanza sul tema, di non voler agire fattivamente per risolvere una situazione che ormai è nella sfera dell’emergenza. Al contrario, sembra  voler giustificare l’ingiustificabile, con narrazioni distanti dalla realtà e senza nessun numero reale a supporto. Con questo atteggiamento sta svilendo il lavoro degli operatori sanitari e rendendo il servizio all’utenza carente mettendo a rischio la tutela della salute di un intero territorio” è categorico il Consigliere regionale Giorgio Fedele che torna a puntare il faro sulla carenza di personale che attanaglia il Pronto Soccorso di Avezzano, smentendo le ultime dichiarazioni dell’Assessore alla sanità Nicoletta Verì secondo la quale non ci sarebbe nessuna carenza. 

 “I fatti parlano chiaro – incalza Fedele –  e oltre agli avvenimenti eclatanti che ci racconta la cronaca i disagi sono quotidiani e basta recarsi al pronto Soccorso per vedere con i propri occhi che quanto afferma l’Assessore è molto lontano dalla realtà. La Verì sostiene che il personale non è diminuito e che, anzi, sarebbe aumentato. Secondo normativa, infatti, dovrebbero esserci dai 12 ai 24 medici a servizio e addirittura l’Assessore sostiene che ad Avezzano ce ne sarebbero 17. Di cosa ci lamentiamo allora? Questa è una presa in giro inaccettabile!

I medici sono insufficienti e addirittura, se escludiamo i professionisti in quiescenza, i Co.Co.Co. a tempo determinato, e quindi disponibili per un monte ore limitato e senza poter fare straordinari, e i medici in malattia,  i medici a disposizione per tutte le emergenze della sanità marsicana sono 12. Se pensiamo che Tagliacozzo e Pescina utilizzano rispettivamente 3 medici ognuno e visto che la matematica non è un’opinione, neanche nel mondo della propaganda dell’Assessore Verì, al Pronto Soccorso di Avezzano rimangono solo 6 medici. 

Un numero tale da rendere impossibile la presenza di almeno due professionisti per turno.  Il Pronto soccorso in questi mesi estivi ha visto più volte la presenza di un solo medico, in un momento dove tra l’altro gli accessi sono più numerosi di altri periodi dell’anno. E sia chiaro all’Assessore che le ferie sono indispensabili per chi porta sulle spalle anni di sovraccarico dovuto alla pandemia e ha bisogno di riposo a tutela della salute psicofisica per garantire un miglior servizio all’utenza. 

La verità è che Assessore e Dirigenza Asl 1 sono in un ritardo clamoroso e le azioni che la Verì dice di aver messo in campo non sono assolutamente risolutrici. Quello che doveva essere fatto dall’Assessore e dalla  dirigenza Asl era pretendere che fossero realmente sbloccate le cosiddette Attività aggiuntive e che fossero eseguiti gli Ordini di servizio al fine di andare a colmare le carenze necessarie. Nessuna di queste due cose son state fatte. E invece si è scelto di continuare a ignorare o sminuire il problema e applicare tagli lineari alle spese, per colmare la pessima gestione dei fondi pubblici perpetuata sino ad ora dal centrodestra.  

Alla luce di tutto questo sono inaccettabili le ennesime giustificazioni della Verì che in Consiglio regionale ha scaricato la responsabilità sui massimi sistemi nazionali e parlato solo di cosa si vorrà fare a lungo termine e in una situazione ordinaria. Quello che forse l’Assessore non ha ben chiaro è che il nostro problema è nel “qui e ora”. Mi aspetto che davanti alle ennesime distorsioni della realtà che la Verì ha diffuso in questi giorni  il territorio alzi la testa e attraverso i suoi rappresentanti istituzionali faccia sentire la propria voce. Bisogna fare squadra, andando oltre ogni colore politico, per garantire un servizio essenziale che viene costantemente mortificato da questa Regione. Sindaci, assessori e esponenti locali di ogni amministrazione hanno il dovere di pretendere per il proprio territorio un servizio sanitario dignitoso e garantire ai propri cittadini un punto di accoglienza delle emergenze operativo e sicuro. Io non arretro di un millimetro e continuerò a ribattere a ogni narrazione non veritiera, me lo impone la coscienza perché non si può fare propaganda sulla salute di un intero territorio, non si può pretendere di giustificare i propri errori davanti all’opinione pubblica raccontando ai cittadini mezze verità o ricostruzioni lontane dalla realtà” conclude.

Comunicato stampa Giorgio Fedele

Promobox

Alla Scoperta Della Scuola Di Alta Formazione 'Sapere Aude': Aperte Le Iscrizioni Per I Nuovi Corsi Di Formazione

Tanti i percorsi formativi e di aggiornamento su scala nazionale che questa scuola, da oltre 6 anni, propone ai tanti corsisti che si immergono in nuove esperienze, ampliando il loro bagaglio culturale con passione e dedizione, grazie anche al lavoro di un team altamente qualificato e specializzato, vicino alle esigenze di ognuno di loro.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Pescasseroli in lutto per la morte di Gigliola Fantoni, vedova del regista Ettore Scola

Pescasseroli – Pescasseroli in lutto per la morte di Gigliola Fantoni, 93 anni, vedova del regista Ettore Scola. “Il sindaco Giuseppe Lipari, la giunta, il consiglio e tutta la comunità ...


Due giovanissimi di Pescina rappresenteranno l’Italia ai Campionati del Mondo di Kickboxing

Pescina – Il Sindaco di Pescina e l’Amministrazione Comunale tengono a fare il grande in bocca al lupo a due giovanissimi concittadini che rappresenteranno l’Italia ...

Grande scacchiera di via Mazzini senza pace: rubati di nuovo i pezzi

Avezzano – Non c’è un momento di pace per la grande scacchiera di via Mazzini, donata alla cittadinanza dall’associazione sessantasettezerocinquantuno, che sembra aver attirato l’accanimento ...

Miss Sorridi con Noi Dalila Tangredi per la festa dei nonni visita gli anziani di APS di Trasacco

Trasacco – Domenica 2 Ottobre alle ore 17,30 in occasione della festa dei nonni Miss Sorridi con Noi 2022 Dalila Tangredi sarà ospite presso l’associazione ...

Povertà educativa al Sud: 12 gli interventi finanziati in Abruzzo per più di 2 milioni e mezzo di euro

Sono 220 i progetti promossi da enti del Terzo Settore finanziati grazie a 50 milioni di euro messi a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa ...



27 commenti su “Pronto soccorso avezzano, Fedele: “siamo in piena emergenza “”

  1. È una vita che stanno in piena emergenza e nel frattempo la gente muore in sala d’aspetto dopo ore e ore di attesa!!! Ma guai ad assumere personale medico e non! È una VERGOGNA

  2. Signor fedele adesso con grandissimo ritardo ti accorgi che c’è l’emergenza il pronto soccorso e tutto da rifare compreso la maleducazione dei infermieri e qualche dottore datevi una mossa

  3. a me fanno ridere questi politicanti, sono una decina di anni che siamo messi male, ora cascano dal pero?

  4. Non credo che la colpa sia degli addetti, ma è uno schifo le persone che entrano perdono la.loro dignità buttati su una barella per giorni interi aspettando un posto letto che si liberi

  5. Diamoci da fare!!!! Il pronto soccorso DEVE FUNZIONARE BENE.
    Purtroppo in queste condizioni non è possibile e chi ha bisogno di cure viene accolto da peronale stressato ed insufficiente e sottoposto a ore interminabili di attese.
    Basta chiacchere FACCIAMO I FATTI.
    Purtroppo sono spesso ricoverato in pronto soccorso e la situazione è di terzo mondo.
    Chi sta male ja bisogno di essere curato e non buttato ore e ore in stanze fatiscenti in attesa di essere visitati dopo innumerevoli ore di attesa.
    È UNO SCHIFO!!!

  6. Bisogna denunciare spesso queste situazioni anomale che avvengono nel pronto soccorso, quando un paziente perde le staffe e si lamenta, il personale addetto chiama carabinieri e polizia per farlo stare zitto, di conseguenza per come ci trattano, anche noi dobbiamo prendere questa abitudine a chiamare le forze dell’ordine,

  7. Perché è una novità che l’ospedale di Avezzano è sempre stato in piena emergenza figuriamoci adesso purtroppo quando serve dobbiamo ricorrere da loro e poi dobbiamo che Dio ce la mandi buona a me non è andata bene la mia mamma l’hanno tenuta buttata due giorni su una barella da premettere che è entrata con unictus nessuna è andata a visitarla giù nel pronto soccorso ma la mia mamma purtroppo è morta .

  8. Sono anni che state in emergenza e solo adesso lo dici ,sempre se si può chiamare pronto soccorso

  9. Sono anni che state in emergenza e solo adesso lo dici ,sempre se si può chiamare pronto soccorso

I commenti sono chiusi.