Oggi è la festa di Santa Maria Goretti, l’adolescente amata nel mondo


Maria Goretti, all’anagrafe Maria Teresa Goretti, è venerata come santa e martire dalla Chiesa cattolica.
Vittima di omicidio a seguito di un tentativo di stupro da parte di Alessandro Serenelli che viveva nella sua stessa casa, fu canonizzata nel 1950 da papa Pio XII.

Questa martire della purezza, emula delle vergini dei primi secoli della Chiesa, nacque a Corinaldo (Ancona) il 16 ottobre 1890 da una famiglia povera.
A10 anni perdette il padre e toccò alla giovanissima Maria prendersi cura dei fratelli più piccoli e dei bambini dei vicini di casa quando i loro familiari si recavano nei campi a lavorare.

Nel 1899 la famiglia si trasferì a Ferriere di Conca, presso Nettuno in provincia di Roma, nella tenuta del conte Attilio Mazzoleni. Qui la santa visse gli ultimi tre anni di vita senza poter mai frequentare la scuola per la povertà della famiglia e per l’eccessiva distanza dai centri abitati..
Si distingueva per la sua pietà e per la sua grande devozione alla Vergine. Non tollerava i discorsi cattivi e diceva alla mamma, quando le raccomandava di stare attenta alle compagnie che frequentava: «Meglio morire piuttosto che dire parole brutte». Un diciottenne vicino di casa, Alessandro Serenelli, che aveva tentato diverse volte di insidiarla senza riuscirvi; nel pomeriggio del 5 luglio 1902, esasperato dalla resistenza della ragazzina, la pugnalò ripetutamente con un punteruolo, mentre lei gli diceva: «Dio non vuole che si facciano queste cose; tu vai all’inferno!».

Portata all’ospedale dei Fatebenefratelli a Nettuno, fu sottoposta a intervento chirurgico senza successo. Il giorno seguente, dopo aver ricevuto la Comunione e aver perdonato al suo assassino, esclamò: «La Madonna mi chiama!”» e spirò.
Il Serenelli fu poi condannato a 30 anni di lavori forzati: secondo la sua stessa testimonianza, nel 1910 si operò in lui una conversione dovuta a un sogno in cui gli era apparsa la giovane Maria; da quel momento la sua condotta cambiò e quando uscì dal carcere con tre anni di anticipo, fu accolto nella comunità dei Cappuccini delle Marche, dove morì a 89 anni dopo una vita di riparazione ed espiazione.
Beatificata da Pio XII nel 1947, la Goretti fu da lui canonizzata il 24 giugno 1950, presente la mamma della santa.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Feste patronali a S.Donato di Tagliacozzo, la comunità invita tutti a non far morire le tradizioni secolari

San Donato, piccola frazione di Tagliacozzo che conta più o meno 100 abitanti, è rinomata in tutta la Marsica per la sua grande dedizione alle feste patronali, in onore di ...


10 Agosto “Ora viene il bello” arte, musica e preghiera nel castello di Ortucchio

Ortucchio – La Pastorale del turismo dello sport e del tempo libero della diocesi, guidata dal direttore padre Riziero Cerchi, aderisce all’iniziativa della Cei «Ora ...

Successo per le giornate di Ambient’Arti a Morino

Morino – Si sono concluse le giornate di Ambient’Arti a Morino. Il 5 agosto, nella caratteristica cornice del Borgo di Morino Vecchio la manifestazione si ...

Grande partecipazione alla “Serata per la Legalità” a Capistrello, in ricordo della strage di via D’Amelio

Capistrello – La comunità di Capistrello ha vissuto un momento dal forte richiamo nazionale, sentito e partecipato. A partire dalle 21 e 30 di ieri, ...

“La camminata del contadino”, un percorso guidato con musiche popolari

Collelongo – Giovedì 11 agosto dalle ore 9:00 alle ore 13:00 (con appuntamento a Piazza Ara dei Santi), il Comune di Collelongo insieme alla Pro-loco, ...