Mostra sul Campo di Concentramento di Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – La Mostra sul Campo di Concentramento di Avezzano, promossa dalla locale Sezione di Archivio di Stato e quella sulla Grande Guerra dello Stato Maggiore dell’Esercito, entrambe allestite nelle sale di Palazzo Torlonia, in occasione della XVII Settimana Marsicana organizzata dalla Pro loco di Avezzano dal 30 luglio al 5 agosto2018.

Il Campo di Prigionia di Avezzano, il più grande dell’Italia Centrale, ospitò migliaia di prigionieri dell’esercito austro-ungarico, prevalentemente di nazionalità ungherese, polacca, rumena, cecoslovacca durante la Grande Guerra e prigionieri dell’esercito coloniale inglese, soprattutto indiani e pakistani, durante il secondo conflitto mondiale.
Il campo era ubicato nella parte Nord della città, che proprio dalla presenza del campo prese il nome di “Concentramento”.
Alcuni pannelli della mostra riportano i nomi dei prigionieri utilizzati come braccianti nei lavori agricoli del Fucino e nella rimozione delle macerie del terremoto, visto che i giovani marsicani, nonostante il sisma del gennaio 1915, furono ugualmente chiamati alle armi.

Mostra sul Campo di Concentramento di Avezzano

 




Lascia un commento