La Marsica di Tommaso Brogi (1900) – Parte IX



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

La Marsica di Tommaso Brogi (1900)
Tradotta e resa leggibile da Franco Francesco Zazzara
>> Capitolo primo
   >> Capitolo secondo
>> Capitolo terzo
>> Capitolo quarto
>> Capitolo quinto
>> Capitolo sesto
>> Capitolo settimo
>> Capitolo ottavo

In seguito i monaci comprarono i feudi di Lecce ,Gioia ; Tempio , Vico , Corcumello , la chiesa di S. Nicola di Cappelle.   In questo modo il monastero ( o Abbazia) della Vittoria divenne in seguito un feudo di qualche importanza nella Marsica .Il suo stemma era uno scudo , sovrastato da una mitra ,sullo sfondo tre ponti con sopra due pastorali e cinque gigli in oro intorno allo scudo . Dopo poco piu’ di duecento anni l’Abbazia decadde . I monaci , quando abbandonarono il monastero, trasportarono la sacra immagine della Madonna dentro una cappella di Scurcola . . Il Vescovo di Pescina Matteo Colli  , a sue spese , fece ampliare la Cappella e ne fece una bella Chiesa . La vera ragione dell’abbandono dell’Abbazia furono le angherie e le prepotenze che i monaci dovettero subire da parte dei Colonna .  Quando Fabrizio Colonna ebbe l’investitura della Contea di Albe e di Tagliacozzo , mal vedeva i possedimenti del monastero che si trovavano nel bel mezzo della sua Contea . Bramoso di possederli , non mancò al suo potere di riuscirci . Nell’anno 1505 fece nominare Alfonso Colonna commendatario del Monastero , amministratore dei beni del monastero  . In effetti ne  diventò assoluto padrone , facendo mancare persino il necessario ai monaci , che , poco alla volta , abbandonarono il monastero e furono costretti a mendicare sul territorio . Ad Alfonso Colonna restarono tutti i feudi , con tutte le rendite , non per terremoto o guerre , ma per arricchire con avidità la sua casata di possessi del regno .

  I DE PONTE

La Marsica si costituì quasi interamente sotto i tre feudi di Tagliacozzo , di Albe e di Celano .

TAGLIACOZZO si trova nell’altipiano marsicano ad ovest del già Lago Fucino , distante da esso circa 24 Km . Il suo caseggiato si estende , presentando un aspetto fra i più pittoreschi , dal piano su per la costa di un rigido monte . Sulla cima del monte stesso , si vedono , su una roccia tagliata a picco , isolate e tetre massicce muraglie , resti del castello baronale . L’origine di Tagliacozzo non è nota, né è nota l’origine del suo nome . Nell’anno 1187 Tagliacozzo era proprietà in parte dei De Ponte e parte dai Bonaventura .

Dopo la morte di Corradino , il Re Carlo D’Angiò rafforzò il suo potere nel Regno ed iniziò dei cambiamenti : trattò crudelmente i Baroni che sospettava essere stati suoi nemici e remunerò ampiamente quelli che gli erano stati fedeli . I feudatari De Ponte furono ben accetti da Carlo . La famiglia De Ponte era di antica nobiltà , feudataria nello Stato della Chiesa . Nel tempo si era imparentata con i Gran Conti dei Marsi . Essi costruirono il Castello di S. Maria , detto appunto Ponti . Sotto gli Angioini crebbero in maggior potenza . Furono presenti non solo nella Marsica , ma anche in altre parti d’Abruzzo.

Oderisio De Ponte era signore di Scurcola e nel 1269 ottenne dal Re Carlo il permesso di esonerare gli scurcolani dal pagamento di una tassa e quando Scurcola fu data in feudo all’Abbazia della Vittoria , egli ebbe in cambio la terra di Pettorano, dove fissò la sua dimora.

Andrea era signore di parte di Tagliacozzo e di altre terre e castelli. Ebbe dodici figli . Chiese il permesso al Re di poter far sposare sua figlia Sibilla con Matteo Orsini  ; lo stesso fece per suo figlio Andrea Novello ( per distinguerlo dal padre)  per sposare Cecilia Colonna . Andrea Novello era proprietario di Pereto , Oricola e parte di Tagliacozzo . Dopo la morte di Andrea , furono feudatari in Marsica i suoi figli Francesco ,Pietro , Guglielmo , Giacomo ed Oderisio .

Carlo II° nell’anno 1294 investì un Orsini del feudo di Tagliacozzo , con un tributo annuo di quaranta once d’oro . Gli Orsini cominciarono a “molestare “ i De Ponte, nonostante fossero diventati parenti con i matrimoni incrociati . La casata Orsini , potentissima , altera , ambiziosa ed oltretutto intraprendente , voleva costruirsi un feudo vicino a Roma ( casa loro ) . I De Ponte erano di indole pacifica ed attaccati per tradizione alla legalità : vinse la prepotenza e Tagliacozzo passò sotto gli Orsini . Dopo quaranta anni dalla investitura di Napoleone Orsini a Tagliacozzo , i De Ponte sparirono  come d’incanto dalla storia .  Angherie, intrighi e forse violenze da parte degli Orsini produssero un tanto disfacimento .

Pietro De Ponte figlio di Andrea Novello si ridusse al Castello di Corcumello  . Ancora oggi è possibile vedere il loro stemma nei ruderi del castello , dove nacquero Giovanni e Tuzia .

Giovanni De Ponte fu un dotto e distinto ecclesiastico , diventato Cardinale . Era stato Vescovo di Sutri , di Nepi e di Bitonto .

Famiglia VETOLI .-Antica famiglia della Marsica , proveniente da quella feudataria nel reatino.

Un Sante Vetoli fu uomo di lettere . Virgilio Orsini Conte di Albe e Tagliacozzo lo inviò a Firenze per comporre le questioni che aveva con la famiglia Colonna , ma forse fu inviato a Firenze per i pericoli che attraversava in quel periodo il regno di Alfonso di Napoli . Fra gli Orsini ed i Colonna l’inimicizia era allo stato più acuto e si risolse in modo violento , come vedremo .

  I CONTI DI TAGLIACOZZO

RAINALDO ORSINI:- Fu il primo ad avere il titolo di Conte di Tagliacozzo , di cui fece un gran feudo : la Contea di Tagliacozzo , che durò per più di cento anni . Era del ramo di Bracciano , fu di spirito guerriero ed ambizioso , assetato di averi e di onori , fu valente capitano . Godette di favori presso la Regina Giovanna I che lo fece ricco di molte terre e castelli . Oltre ad essere conte , fu nominato signore di Pescara ed amministratore del patrimonio del Duca di Calabria . Ebbe il comando della Compagnia di San Giorgio . Nell’anno 1379 Rainaldo Orsini aiutò Ruggiero Conte di Celano a ridurre all’obbedienza il figlio Antonio che gli si era ribellato . A  Roma si voleva un papa italiano e fu eletto il Cardinale Bartolomeo Frignano arcivescovo di Bari , con il nome di Urbano VI° , uomo nevrotico e imprudente ; egli fece dividere la Chiesa  e gli fu contrapposto un altro Papa , Clemente VII° ( Roberto di Ginevra ) , che pose la sua residenza ad Avignone . Venne in Italia Carlo di Durazzo ,nipote di Luigi d’Ungheria , con la pretesa del Regno . La regina Giovanna I era favorevole a Clemente VII° , per cui fu scomunicata da Urbano VI° che consegnò il Regno a Carlo di Durazzo . Egli si impadronì della Rocca di Spoleto , combattè nel viterbese e nell’orvietano . Nel dicembre dell’anno 1380 gli abitanti di Tivoli occuparono il territorio di Subiaco ( Vicovaro , S. Polo ed altri ) e ,sconfitto Corrado conte di Anticoli , seguace degli Orsini , giunsero a Tagliacozzo; i Tivolesi vinsero in battaglia . Rainaldo Conte si ritirò dentro lo stato di Celano , mentre i Tivolesi abbattevano tutti gli stemmi degli Orsini . Rainaldo di Celano inviò Angelo Brunello Cancellieri ( di Tivoli ) per preparare la pace , ai seguenti patti :- il bottino conquistato dai Tivolesi restava di loro proprietà ,parte del Castelllo di Saracinesco passava ai Tivolesi , si dovevano restituire i prigionieri di ambo le parti e ci doveva essere una confederazione in eterno fra Tivoli e gli Orsini . Nel 1380 Carlo di Durazzo , che si preparava alla conquista del Regno , mandò alcune sue schiere nella Marsica . Rainaldo la difendeva , ma i soldati dell’uno e dell’al tro schieramento erano della Compagnia di san Giorgio : fecero comunella e quelli di Carlo tornarono a Roma . Carlo spedì in loro sostituzione  una forte compagnia di Bretoni .    Rainaldo vi andò contro , ma cadde nelle loro mani . Fu liberato dai suoi , ne restò ferito . Si recò dopo a Pescara , per prenderne possesso , come aveva deciso la Regina .I soldati della Compagnia di San Giorgio , acquartierati lì , lo fecero di nuovo prigioniero . Fu liberato di nuovo , dietro pagamento , ed andò a L’Aquila , sdegnata contro Andrea De Pretatti , detto Ceccantonio , che si era impadronito di una rocca del Comune ( San Donato ), di cui era vassallo . La Rocca di San Donato era vicina ai possedimenti di Rainaldo , che si unì agli aquilani e andò a Tagliacozzo . Antonio Camponesco , detto Arciprete , capo delle milizie aquilane , si recò a Torano , nel Cicolano ; assalì Collefegato ( l’odierna Borgorose) , Corvaro e Poggio . Ceccantonio venne a Torano per affrontare il Camponesco . Il Ceccantonio  fu fatto prigioniero e consegnato agli Orsini . I maggiorenti aquilani mandarono a Tagliacozzo il Conte di Montoro per riavere il Ceccantonio. Si accordarono in modo che gli aquilani lo tenessero in custodia ,  dando in ostaggio agli Orsini quattro personaggi importanti de L’Aquila . Gli Orsini però , dietro pagamento di cinquemila fiorini riconsegnarono i quattro ostaggi e decapitarono Ceccantonio .   I successi di Carlo di Durazzo costrinsero la regina Giovanna ad adottare come figlio Luigi duca D’Angiò , fratello di Carlo V° Re di Francia . Questa adozione fu l’inizio delle guerre per la successione degli Angioini . Appena entrato a Napoli , Carlo fece prigioniera Giovanna , la fece rinchiudere in Basilicata , nel Castello di Muro ,e la fece uccidere . Luigi I° nel 1382 entrò nel regno e venne a L’Aquila , accolto con entusiasmo : era governatore della città Rainaldo .L’anno seguente Carlo mandò Bartolomeo di Sanseverino ,per conquistare L’Aquila . Questi si accampò a Preturo dove giunse Rainaldo portando rinforzi : i soldati di Carlo , sconfitti , furono quasi uccisi tutti . Bartolomeo fu fatto prigioniero . Dopo la morte di Luigi del 1384, il regno d’Italia restò a Carlo  ; a lui si sottomise L’Aquila ottenendo il perdono . Rainaldo , per la sua ribellione , perse il feudo , lo sostituì il fratello Giovanni .

GIOVANNI ORSINI :- Nell’anno 1390 a L’Aquila c’erano sempre attriti fra le due famiglie più importanti , la Camponesca e la Pretatta . Rainaldo stava con i Pretatti  e voleva impadronirsi della città , insieme con il barone Berlingiero Cantelmi . Il popolo era vigile e , all’indomani del 14 aprile dello stesso anno , quaranta persone ben armate andarono al convento di San Francesco , dimora di Rainaldo; irruppero con forza e Rainaldo , Cantelmi con i loro familiari, ebbero appena il tempo di rifugiarsi in chiesa . Furono inseguiti: Rainaldo fu ferito, portato in strada e barbaramente ucciso . Gli altri furono portati in prigione : Giovanni Orsini si trovava in Aquila e fu portato nella casa di Giovan Paolo Camponesco  . I popolani lo rapirono , insieme con Cantelmi , e lo decapitarono senza giudizio .

GIACOMO ORSINI :-   Fu il successore di Giovanni nella Contea . Fu ostile al re Ladislao contro i Pontefici . Alla venuta di Luigi II° D’Angiò , chiamato da papa Alessandro V° (1410) , Giacomo Orsini e la sua gente gli rese omaggio e fedeltà . Quando Luigi tornò in Francia ed il papa fece pace con Ladislao , anche Giacomo Orsini  tornò all’ubbidienza del Re Ladislao , e ricevette i suoi feudi , di cui era stato spogliato .Nell’anno 1413 Ladislao ,nonostante il trattato , invase di nuovo lo stato e Roma stessa , con ferocia inaudita , Giacomo seguì la causa papale . Re Ladislao si irritò ed affidò ai magistrati di Tivoli per aiutare il suo commissario Russo d’Aquila a restituire le terre ,i castelli e tutti i luoghi della Contea di Tagliacozzo . Ma i Tivolesi risposero che non potevano farlo , poiché erano stretti di amicizia con gli Orsini . Il re non potè vendicarsi : Si ammalò e morì a Napoli nel mese di aprile del 1414. Gli successe Giovanna II , che non aveva idee bellicose ; i beni di Toscana e di Roma tornarono al primitivo stato.

LUIGI ORSINI :.- Fra Alfonso Re d’Aragona e Luigi III° D’Angiò nacque una guerra , la causa scatenante fu l’adozione che la regina Giovanna fece per Alfonso , in modo tale da opporlo a Luigi che era il pretendente al trono . Giovanna in seguito ripudiò Alfonso e adottò Luigi . Questa guerra “di possessione”  durò quasi venti anni (1420-1422)  , morì Luigi e gli successe suo fratello Renato . La guerra gettò nel caos più totale :   i capitani dell’uno o dell’altro partito facevano continui voltafaccia per servire l’uno o l’altro dei contendenti ( a seconda del pagamento ) . I feudi passavano con una vertiginosa rapidità nelle mani ora di uno ora di un altro ; terre che cambiavano signori due, tre volte l’anno . Quante sciagure per i miseri abitanti !.

  LA CONTEA  di ALBE SOTTO GLI ANGIOINI

Capoluogo della Contea era Avezzano , ma Albe continuò ad avere l’antico nome della Contea . Nel primo medio- evo essa era soggetta ai Gran Conti dei Marsi . Sotto i Normanni  fu capoluogo del feudo , dipendente però da Celano ; sotto il dominio degli Svevi fu dei De Ocra , di Federico principe di Antiochia e dei De Poli . Dopo la battaglia di Scurcola , Carlo D’Angiò la distrusse completamente , essendo stata sua nemica e pian piano andò scomparendo , restandone solo la Rocca con pochi abituri dentro le vecchie mura di cinta . Suoi abitanti furono :

CASA DE TUZZIACO ( o DUSSIACO) :- Erano i signori di Albe ai primi anni del regno di Carlo . In seguito appartenne a Filippa  imparentata con essi .

FILIPPA :- Viene ricordata per un lite furibonda che ebbe con i monaci della Vittoria  , per la pesca nel Lago Fucino .  Ella fece armare un galeone sul Lago per inseguire e perseguitare i pescatori che portavano il pesce ai monaci , fin sulla spiaggia . Intervenne Carlo II° che fece cessare simili violenze , fece una concessione limitata , facendo dividere il Lago : ma i monaci poterono continuare a pescare ovunque .Filippa ebbe la Contea di Albe dal 1277 al 1308.

MARIA di DURAZZO :- Era la moglie di Carlo, Duca di Durazzo , l’istigatore dell’omicidio di Andrea d’Ungheria , il primo marito di Giovanna I e vendicò la morte del fratello , quando venne in Italia  Ludovico Re d’Ungheria : Maria e la Regina si rifugiarono in Provenza . Ludovico lasciò il regno ed esse tornarono a Napoli . Il marito di Maria , Carlo , fu ucciso . In seguito ella ebbe altri due mariti : il Duca Del Balzo e Filippo Principe di Taranto . Avezzano fu invasa in questo periodo : Filippo di Taranto era in contrasto con il Duca d’Andria che chiamò in soccorso Ambrogino , figlio illegittimo di Bernabò Visconti di Milano . Anno 1363 : Filippo aveva possedimenti nella Marsica ed Ambrogino colse l’occasione per rimpinguare di bottino la sua masnada . Venne dal cicolano e saccheggiò Avezzano , portandosi in Puglia . Dopo il passaggio di Ambrogino nella Marsica , scoppiò la peste in maniera così micidiale che le contrade restarono deserte .

La contessa Maria morì il 20 maggio del 1366 ed il feudo passò nelle mani di Ludovico di Navarra , nipote del Re Carlo II° .

GIOVANNA di DURAZZO :-  Fu figlia di Maria . Nell’anno della sua investitura (1372) , fu tolta una tassa ad Avezzano .Era moglie di Roberto D’Artois . Quando Carlo di Durazzo si impossessò del Regno , Giovanna e suo marito restarono fedeli alla Regina Giovanna . Dovettero rifugiarsi dentro il Castel Nuovo di Napoli .

Nell’anno 1388 il re Ladislao , minore d’età- e sotto la tutela della madre Margherita , vendette parte del Lago Fucino al Conte di Celano .Il regno fu poi diviso in due parti : l’uno di Ladislao e l’altro di Luigi II° D’Angiò, che essendo minorenne , fu tutelato da sua madre Maria . Scese in Italia nel 1390 , portandosi dietro il principe Luigi di Savoia , al quale concesse molti feudi ,  per i servizi prestati, fra i quali quello di Celano , di Manoppello , di Albe e di altre terre . Fu nominato anche vicerè d’Abruzzo e governatore di Aquila .

LA REGINA MARGHERITA .- nel 1405 si sa che la regina Margherita era anche contessa di Albe . Ella definì un contrasto fra i luchesi e gli avezzanesi per il possesso del territorio di Penna .

LORENZO COLONNA :-Giovanna II ristabilì buoni rapporti con la santa sede e con il papa Martino V° Colonna : donò alcuni feudi a suoi parenti Colonna , Albe fu di Lorenzo Colonna .

ANTONIO COLONNA :-Lorenzo Colonna morì nel 1423 in un incendio ; gli successe suo figlio Antonio .

ODOARDO COLONNA :-Nel 1427 il papa Colonna ( Martino V° ) fece la divisione dei beni di questa famiglia ed assegnò la Contea di Albe e di Celano ad Odoardo , insieme alla città Marsi con il titolo di Ducato . Odoardo era minorenne , per cui fu tutelato da sua madre Sveva Caietani .

Dopo la morte di Giovanna II avvenuta nel febbraio del 1435 , la Contea di Albe cadde nel potere di
GIACOMO   CALDORA , che aveva antenati francesi , giunti nel regno al seguito di Carlo I° D’Angiò  . Giacomo fu di pronto ingegno e di facile parola , amante delle lettere e dell’arte militare , di cui fondò una scuola . Diventò famoso per aver sconfitto Braccio Da Montone , durante l’assedio di Aquila . Fu servo di Renato, che lo ricompensava bene : in regalo ebbe il Ducato di Bari , le città di Bitonto , di Ascoli , Castellana ,Stabiano e molte terre in Abruzzo . Nel 1436 divenne Conte di Albe . Pochi mesi prima di morire sposò Covella Da Celano .  Alla causa di Renato venne a mancare l’appoggio del defunto Giacomo , per cui iniziò a prevalere il partito di Alfonso . Dopo la battaglia di Troia del 1441 in cui Renato fu sconfitto ,  Alfonso prendeva Napoli .

ANONIO CALDORA :- Figlio di Giacomo  gli successe nel Contado di Albe.

   AVEZZANO

Sotto gli Angioini Avezzano fu capo del Contado di Albe . Nella Cronica di Cassino di Leone Ostiense , si ha notizia di Avezzano nell’anno 854 , per l’esistenza della chiesa di San Salvatore descritta da Leone. C’è stato chi disse che Avezzano sorse dai resti di Albe dopo le invasioni barbariche , altri dai pescatori della riva del Lago Fucino ed altri ancora dalla località Pantano , ove i romani avevano il tempio a Giano Bifronte . Intorno sorsero dei piccoli casali : Castelluccio , San Lorenzo ,San Leonardo , Cerrito ,S. Felice alla Grotta di Claudio , Santa Maria di Vico , Vico etc .. Al tempo dei Gran Conti dei Marsi , dipendeva da essi . Sotto gli Svevi divenne feudo a parte . Fu recintato di mura , ora scomparse , nell’anno 1156 . Le mura munite di fossato avevano tre porte : San Rocco , San Francesco e San Bartolomeo . Gentile da Pagliara vi fece costruire una Rocca , che Virgilio Orsini trasformò in Castello . Dopo la conquista dei Normanni , Avezzano crebbe d’importanza , col trasferimento degli abitanti dei vichi vicini , essendo diventato un  feudo . Cessò di essere feudo negli ultimi anni del dominio svevo , quando passò alla Contea di Albe . Carlo I°D’Angiò distrusse la città di Albe  e fece ridiventare Avezzano centro della Contea .

Nel secolo XIV° fu concesso ad Avezzano uno statuto : cominciava a smuoversi l’antico gioco feudale , non più servitù della gleba , stavano per risorgere il diritto personale e l’indipendenza individuale , similare allo Ius Quiritium  .  Le Contee di Albe e dopo di Avezzano furono alternativamente sotto gli Orsini ed i Colonna .

Le disposizioni che si notano nello Statuto di Avezzano riguardano la polizia urbana e rurale , l’igiene , l’edilizia e l’attribuzione del giudice . I maggiorenti si chiamavano Massari , con il titolo di Nobili e  Magnifici : loro compito era amministrare il Comune . Dai Massari dipendevano i Balivi , i Giurati ,i Confidenti e i Catapani  .

  I Conti di Albe e di Tagliacozzo sotto gli Aragonesi

 GIOVANNI ANTONIO ORSINI:- Fu il successore di Carlo Orsini . Parteggiò per Renato nella “guerra di possessione” : Con diecimila uomini radunati anche dal cardinale di Taranto , entrò in Abruzzo , occupò il contado di Alpe e diede alle fiamme Trasacco con i beni della Chiesa , l’anno era il 1441, e il contado di Albe fu unito a quello di Tagliacozzo . L’occupazione di Albe fu un sopruso nei confronti dei Colonna , ai quali il Contado era stato concesso dalla Regina Giovanna II . I Colonna però non si rassegnarono e misero nel frattempo lo zampino sulla terra di Capistrello .Giovanni Antonio morì nel 1456 , senza figli maschi .

I Colonna si apprestavano a riprendersi la Contea di Albe . Gli Orsini , con Napoleone e Roberto , assediarono la corte di Napoli per farsi rendere la Contea ; da parte dei Colonna c’era Odoardo che le reclamava entrambe .La corte di Napoli ben sapeva che bisognava tenersi amiche entrambe le famiglie , nel vigore della loro potenza , le teneva a bada : I Re di Napoli si servivano volentieri di esse per frenare la potenza dei Papi . In questo frangente sorse la ribellione dei Baroni , iniziata dall’ambizioso Principe di Taranto , Giovanni Antonio Orsini che chiamò in aiuto il figlio di Renato , Giovanni D’Angiò ,pretendente al trono . I fratelli Napoleone e Roberto Orsini si schierarono dalla parte del Re , mentre i Colonna stettero a guardare gli eventi .

NAPOLEONE e ROBERTO  ORSINI :- Figli di Carlo di Bracciano . Napoleone occupò presso la Santa Sede la carica di gonfaloniere , vale a dire generalissimo di milizie . Roberto si mise al servizio del Re di Napoli , fu valoroso condottiero di eserciti . Quando era in battaglia , andava sempre a capo scoperto , per cui fu chiamato “il capitano senza paura “. Papa Pio II° e il Duca di Milano si allearono con il Re e Napoleone Orsini entrò in Marsica alla guida di milizie papali . Dopo la battaglia di Sarno del 1460 , Napoleone ferito nel viso , dovette ritirarsi . Giovanni Piccinino che militava per il duca Giovanni D’Angiò , si impadronì della Marsica , ad eccezione di Tagliacozzo . L’anno seguente le forze papali rinforzate dal capitano del Re  Federico Feltro, tornarono in Marsica dove gli Angioini erano diventati più potenti . Mariano di Camerino , che difendeva Trasacco , si arrese ; furono espugnate le Rocche di Scurcola e di Albe difese da Baglione Carlo , da Schiavo Luca e da Mutto Giovanni . Federico duca d’Urbino con il Cardinale di Teano  , dopo aver combattuto a L’Aquila giunsero in Marsica . Nel 1462 ci fu la battaglia a Troia e Roberto ne riportò una vittoria con la quale sgominò le forze nemiche . Il Duca Giovanni insieme con il Piccinino invasero dunque di nuovo la Marsica e conquistò Trasacco , con gli accordi . Arrivarono anche Roberto con Matteo di Capua , Alessandro Sforza da Cotignola capitano del Duca e luogotenente del re . Da Sora salivano le milizie papali sotto il comando di Napoleone Orsini e Federico D’Urbino . Il Piccinino e il Duca Giovanni si ritirarono , per la debolezza delle loro forze in campo . Alla fine della guerra , fu concesso ad Antonio Piccolomini ( nipote del papa ) la Contea di Celano . Roberto e Napoleone Orsini ebbero l’ordine di scacciarvi Roggierotto figlio di Iacovella . Mentre Roberto espugnava il Castello di Ortucchio , fu colpito in fronte da una grossa  pietra che gli fece perdere i sensi .

Per approfondimenti: https://francofrancescozazzara.wordpress.com/




Lascia un commento