La Marsica di Tommaso Brogi (1900) – Parte V



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

La Marsica di Tommaso Brogi (1900)
Tradotta e resa leggibile da Franco Francesco Zazzara
>> Capitolo primo
   >> Capitolo secondo
>> Capitolo terzo
>> Capitolo quarto

Questa grande raccolta d’acqua , molto disordinata all’inizio , prese svariate forme con l’andar del tempo , in special modo per mano dell’uomo , obbligato a combatterla per i danni che gli arrecava . Virgilio scrive che oltre al lago vi erano anche laghetti e stagni . Questi ultimi sono scomparsi e nel nostro periodo abbiamo visto che tutte le acque si raccoglievano in un unico bacino.                     

La Marsica sotto i Goti , i Greci e i Longobardi 

Dopo la caduta dell’impero romano e fino alla venuta in Italia di Belisario nel 535 d.C. , non si ebbero notizie della Marsica. La situazione generale durante il regno del re dei Goti Teodorico , fu tranquilla . L’imperatore Giustiniano , approfittando della discordia che c’era fra i capi dei Goti dopo la morte di Teodorico (a.526) , affidò l’incarico di riconquistare l’Italia al famoso Belisario che , alla guida di un esercito composto da Traci , Unni ,Isauri ,Eruli , Mauri ed altri con strani nomi , che si faceva passare per romano e si consideravano fratelli dei romani ( mentre in realtà erano barbari ed oppressori piu’ dei Goti ) , sbarcò a Scilla e giunse fino a Roma , acclamato da tutti , ad eccezione di Napoli che oppose resistenza . Le milizie gotiche stanziate ad Albe , tenevano sotto controllo la Marsica .

Belisario fu assediato a Roma dal Re Vitige con un esercito di 150.000 uomini  : la guerra durò diciannove anni :..(Aretino.:” nessuno ebbe mai piu’ misera sorte di quella guerra per quei popoli d’Italia che ubbidivano all’Imperatore  , che venivano uccisi fuori le mura dai nemici e , dentro di esse , dai soldati per impedire ruberie …”. La Marsica , vicina a Roma , non fu risparmiata dai belligeranti : Belisario collocò a Tivoli e piu’ vicino ad essa , soldataglie che scorazzavano rubando foraggi e vettovaglie ai Goti che chiesero ed ottennero una tregua di tre mesi : Essi dovettero sgomberare Albe che fu occupata dai Greci : Vitige voleva la sua restituzione : Belisario rifiutò e ne fece la base principale del suo piano di guerra : il generale di quell’esercito stanziato ad Albe veniva chiamato il Sanguinario , esso si sostentava angheriando la popolazione . Rotta la tregua , Belisario lo fece sapere a Giovanni , nipote di Vitaliano , che mosse dal Piceno e portò desolazione al suo passaggio . Ripetutamente gli eserciti dei belligeranti attraversarono la Marsica : soltanto di Totila si contano quattro passaggi :1) nel 543 d. C. con la vittoria di Nucella e si recò in Campania ; 2)-nel 544, quando Belisario si recava a Ravenna e Totila , per raggiungerlo dalla Campania , attraversò la Marsica ;3) nel 547 , quando Totila si trovava all’assedio di Perugia e seppe che il Sanguinario aveva rapito ed ucciso i Senatori romani , tornò indietro verso la Marsica e raggiunse Giovanni , distruggendo tutto ciò che incontrava e il 4) passaggio del 548 quando Totila assediava Rossano nel Tarentino e Giovanni riuscì a sfuggirgli passando per la Puglia e la Marsica : Totila lo inseguì .

Nel 554 Narsete succedette a Belisario ed assediò Cuma , centro occupato dai Goti. Il re Teia partì da Pavia ,  attraversò il Piceno e la Marsica e giunse in Campania ed ai piedi del Monte Vesuvio fu sconfitto dai Goti . Teia morì . Quando i soldati attraversavano la Marsica , per rifocillarsi , depredavano ed uccidevano chiunque incontravano . Dopo i Goti scesero in Italia Alemanni e Francesi , in numero di 75.000 , alla cui guida c’erano i fratelli Lotario e Bucellino . La Marsica , dopo i Goti , respirò un periodo di tredici anni di tranquillità sotto il Re Narsete , fino all’invasione dei Longobardi  dell’anno 568 del re Alboino  . Quest’ultimo portò in Italia tutta la sua gente , che  sostituì anno dopo anno  gli indigeni dal nord dell’Italia fino a Benevento  all’inizio e poi piu’ giu’ fino a Cosenza . Nacque il Regno Longobardo ; ai Greci restarono l’Esarcato di Ravenna , quello della Pentapoli , Roma e il suo territorio , Otranto fino al Silento , Cosenza fino allo stretto del Faro . Col dominio di Alboino scomparve il mondo  Romano , nacque il Feudalesimo  che portò bene e male insieme  . Fu un bene perché rigenerò una società pervertita  ( strumento inspiegabile della Divina Provvidenza ) alla rinascita ed al trionfo del cristianesimo  e preparò l’avvenire per le nuove generazioni e fu un male perché nacquero privilegi ,caste e il suo governo ,prima che diventasse in stabilmente civile , fu barbaro , feroce e distruttore .  Alboino divise le terre conquistate in feudi cui diede il nome di Ducati , assegnandole a parenti ed a persone distintesi per valore e per discendenza . Nei ducati si costituirono i feudi minori , chiamati Gastaldie , Sculdassie, Centenariati,Saltariati e Contee . In questo periodo la Marsica fece parte del Ducato di Spoleto e formò una Gastaldia . In quegli anni la cultura era stata abbandonata ,distrutta perché si riteneva cosa inutile : si pensava a sopravvivere per sé e per i propri cari : Non si mettevano da parte gli averi , perché era necessario quanto bastava per vivere . Invece nei chiostri dei monasteri situati in mezzo a campagne incolte , avevano scelto di vivere degli uomini  votati alla preghiera ed al lavoro . Essi aiutavano i poveri , coltivavano la terra ; nel silenzio delle loro celle conservavano e ricopiavano i beni del sapere umano . I Longobardi non si unirono mai con i nativi : la loro diversità di razza e di costumi e di piu’ , la diversa religione, li resero detestabili  . Il papato rivolse contro di loro una chiara opposizione , combattendo strenuamente la depravazione e la barbarie , contrapponendo la libertà morale alla forza bruta. Non vi erano piu’ castelli nella Marsica , nei secoli VIII° e IX°, come riferisce il Fatteschi :..” lo sterminio fin quì fatto dai Goti e dai Longobardi per i miseri abitatori della Marsica , fu il piu’ lagrimevole talchè il sommo Pontefice S. Gregorio scrisse nei suoi Dialoghi di quel dramma .

Come si è detto , la Marsica fece parte del Ducato di Spoleto : Trasmondo II° Duca napoletano , fu scacciato dal Re Liutprando e si rifugiò a Roma , nell’anno 739 ; il papa Gregorio III° lo aiutò a recuperare il proprio stato ed alcune città della Chiesa  che erano state occupate dai Longobardi . Egli riuscì a formare un grande esercito e le regioni , fra le quali la Marsica , gli si sottomisero senza opporre nessuna resistenza. Il Ducato di Spoleto ampliò i suoi confini e, al finire del VI° secolo comprendeva l’Umbria , il Piceno , la Sabina , gli Equi , i Marsi , i Peligni e i Vestini .Era diviso in Gastaldie , in feudi minori e dipendeva da Duca. All’inizio i Gastaldi erano feudatari minori con estesi territori da amministrare . La Marsica fu una Gastaldia , una delle piu’ importanti , formata dalla provincia Valeria , dai territori del reatino , furconese , amiternino  ,valvese , carseolano ,marsicano e dalla valle del Liri . . In seguito fu ulteriormente frazionata , ma la regione marsicana ebbe sempre il nome di Gastaldia dei Marsi . Dopo duecento anni di dominio longobardo , nell’anno 774 scese in Italia Carlo Magno che si sostituì ad esso : restarono usanze e leggi longobarde che si mantennero fino alla fine del XVI° secolo .

 La Marsica sotto i Franchi e i Franchi Germani

Convinto della missione benefica del pontificato romano , Carlo magno divenne il suo campione e difensore . Egli fece molte concessioni al papa Adriano , confermandogli      il Principato di Roma con l’aggiunta di molte città e castelli  . Anche il censo e la “risposta annua “veniva pagata al palazzo del re longobardo dai Duchi di Spoleto e della Toscana.  La concessione dei ducati fu un omaggio , l’imperatore si riservava su di essi la sovranità . Il Gastaldato dei Marsi passò in omaggio e divenne tributario della Santa Sede . Nell’anno 962 Ottone I° confermò  questa donazione  , con l’aggiunta del dominio assoluto dato al papa di alcune città , fra le quali Marsia , Rieti ,Amiterno , Forcona , Norcia , ; Valva.. . Ottone fece concessioni alla Chiesa per abbassare la potenza dei Baroni  che cercavano di essere indipendenti , mentre i popoli sotto di essi erano piu’ che mai tiranneggiati . La Chiesa , invece , faceva da argine alle loro prepotenze . Mentre in alta Italia le città resistettero ai soprusi baronali , nel Centro-Sud la Baronia si mantenne , e la giurisdizione ecclesiastica portò dei vantaggi a favore del popolo .  Nell’anno 962 la Marsica non faceva piu’ parte del Ducato di Spoleto , ma era passata sotto la Contea dei Marsi . La città Marsi , per la concessione fatta dal Papa , non ne faceva parte , per cui la sede vescovile teneva a bada e mitigava gli abusi e le prepotenze baronali . Nella Cronaca del Volturno si narra che l’imperatore Lodovico II°  nell’859 elevò al titolo di Conti  tutti i gastaldi della Provincia Valeria . Il placito tenuto in Marsi dal Conte Ildeberto che decide la sentenza fra Onorio ed Angerisio per il possesso di una terra nella sua Contea è il documento del passaggio dal Ducato (di Spoleto) alla Contea dei Marsi : Il XIII° anno della sua contea , dice il testo . Dunque Ildeberto era il capo dei feudatari che aveva sotto la sua dipendenza  parte del Ducato di Spoleto e quasi tutta la Provincia Valeria ( o dei Marsi) . Egli era molto superbo , irrequieto , prepotente , ambizioso …..Fu richiamato per questo dall’imperatore , nell’anno 860 , per restituire i beni sottratti al Ducato di Spoleto e al monastero di Casauria .

Ildeberto ci rimase male e preparò la vendetta : nell’anno 866 i Saraceni del Re Seodan , da Bari fecero incursione verso Capua e tornarono indietro con numeroso bottino . I Gastaldi Maielposto Telesino , Guandelperto di Boviano , Lamperto Duca di Spoleto e Gerardo Conte dei Marsi si scagliarono contro i Saraceni : era d’estate , dopo marce forzate giunsero nel luogo dove videro i Saraceni sdraiati per terra a riposare . Nonostante la stanchezza per il lungo viaggio e con il caldo torrido del mezzogiorno , vollero sorprenderli correndo verso di loro . Furono sconfitti dai Saraceni ed uccisi tutti e tre i capi . Questo fatto luttuoso commosse tutta l’Italia . Ludovico con l’editto dell’anno 866 bandì la Crociata contro i Saraceni ,si mise alla loro testa assediando Bari e la conquistò nell’870 . Fece prigioniero il Re Saraceno Seodan e tutta la sua famiglia . Si vendicò dell’affronto ricevuto . Ildeberto credette che quella fosse l’occasione per formare una lega , con Lamberto Duca di Spoleto , con Adelchi principe di S. Agata ed altri Baroni , per non aiutare l’imperatore , ma per liberarsi dal suo potere. L’imperatore Ludovico invase però i loro possedimenti , li inseguì fin dentro la città dei Marsi , ad Isernia ed Alife ,quindi assediò Santa Agata , dove Adelchi resistette ad oltranza . L’Abate di Cassino Bertorio , parente di Adelchi , lo convinse a sottomettersi e fu graziato dall’Imperatore , insieme agli altri Baroni. Non si sottomise Ildeberto che fuggì a Bari , accolto dal Re Saraceno . Espugnata Bari , Ildeberto vi morì in battaglia . I Saraceni continuarono le loro scorribande nel sud-Italia , anche la Marsica ne fu desolata . Dopo l’eccidio dei monaci di San Vincenzo al Volturno , di quello di Insigne , essi si portarono nella Marsica , dove non c’erano difese militari . C’erano stati dapprima settanta anni di pace , dopo la cacciata dei Longobardi , con la costruzione di cittadine  e chiese , i castelli difensivi erano pochi . I Saraceni saccheggiarono ed incendiarono il grande monastero di Apinianici ed uccisero la maggioranza di quei monaci . Poi si recarono in Campania , impossessandosi del monastero di Cassino .

IL MONASTERO DI APINIANICI si trovava nella estesa Valle del Flaturno , a due chilometri a sud –ovest di Pescina . La Cronaca Volturnense riporta la sua fondazione ed il suo arricchimento da Ildebrando , uomo cattolico , Duca di Spoleto , vissuto al tempo di Carlo Magno , che lo aggregò al Monastero di San Vincenzo al Volturno . Dopo la sua distruzione ,esso fu ricostruito e divenne monastero di monache , che in seguito vollero svincolarsi dal monastero del Volturno . Dopo la morte dell’imperatore Ludovico II° nell’anno 875 , l’Italia fu preda di fazioni , di guerre, di signorotti ambiziosi , indisciplinati , per il possesso dell’Impero e del Regno d’Italia . Fino al 926 , da Carlo il Calvo ad Ugo di Provenza , ci furono undici Re : tedeschi , francesi ed italiani . Dopo il Conte Ildeberto la Contea dei Marsi passò ad una donna , la Contessa Doda fino all’anno 930 , quando passò a Berardo il Francisco , capostipite dei Gran Conti .

                             I GRAN CONTI dei MARSI

Nell’anno 926 d. C. Ugo Conte di Provenza (detto anche Re di Arles) venne a Milano per  farsi incoronare Re d’Italia ed insieme con lui c’era il Conte Attorre , suo parente ed allo stesso tempo congiunto ( zio materno ) di un Berardo che veniva chiamato Franciscus ; costui fu il Capostipite dei Conti dei Marsi che , nella prima metà del secolo X° ebbe in feudo dal Re Ugo , tutta la Provincia Valeria o Contea dei Marsi , con possedimenti anche nel Ducato di Spoleto . Furono aggiunti grandi feudi nel Sangro ed anche nella Campania .  Nel Placito che si tenne nell’anno 970 nella città di Marsi ( San Benedetto dei Marsi ,ndt) tra i Conti dei Marsi Berardo e Teodino contro un tale Mori per un terreno che si trovava a Marsi , su richiesta del Monastero di Casauria , ci conferma che i suddetti conti avevano anche il demanio su Valva e Forcona e nell’altro Placito del 981 tenuto in Campo Cedici (“Sodime”?! ndt) vicino a Marsi , contro gli uomini di Amiterno , Forcona , Valva e Marsi , si legge che fu presieduto dallo stesso imperatore , insieme con i Conti dei Marsi ,alcuni vescovi , molti giudici e “uomini buoni”, viene dimostrato che i Conti dominavano anche Amiterno , Valva e Forcona . Negli anni 1059-1066 la Sabina fu il  feudo di Sinibaldo che era della famiglia dei Conti dei Marsi . Era padre di gentile , anch’egli conte di Sabina .nel 1048 Erbeo figlio di Teodino fu Conte di Sabina . Nel Ducato di Spoleto la famiglia dei Conti dei Marsi aveva numerosi feudi ; nell’anno 1069 i Conti fratelli Oderisio , Berardo ed Erbeo vendettero il Castello di Repasto all’abbazia di Farfa . Col tempo i possedimenti di questa famiglia aumentarono ed i luoghi , i Castelli ,presero il nome da loro che li abitavano , così ad esempio , la Barile ,la De Ocra , la De Fossa , la Sangro , la Pietrabbondante ed altre ancora. Questo accadde per leggi longobarde che ammettevano solo i figli maschi nella successione . I Franchi , ad eccezione del napoletano , li concedevano solo ai primogeniti . Come successe nella Marsica , ove si radicò e i padroni di essa ebbero esclusivamente il titolo di Conti dei Marsi  . Il primogenito si chiamava sempre Berardo  .
Riferimenti: http://francofrancescozazzara.wordpress.com/




Lascia un commento