La forza dei faggi marsicani che sfidano il cambiamento climatico


Collelongo  – È una faggeta marsicana ad essere protagonista di un importante studio condotto dal Cnr Isafom (Istituto per i Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo) e dall’Iret (Istituto di Ricerca sugli Ecosistemi Terrestri). I ricercatori hanno esaminato una zona di bosco appartenente al comune di Collelongo a circa 1500m di altitudine, situata in un’area di confine tra Abruzzo, Lazio e Molise.

La ricerca evidenzia come alcuni faggi marsicani, colpiti da una violenta gelata primaverile, sono riusciti a coprirsi di foglie grazie all’utilizzo di riserve di carbonio immagazzinato tra i 5 e i 9 anni precedenti. Lo studio assume particolare rilevanza in relazione all’adattamento della flora agli attesi cambiamenti climatici che potrebbero colpire i nostri ecosistemi nei prossimi decenni.

Lo studio è iniziato nel 2016 quando un insolito inverno caldo aveva portato ad un anticipo della stagione vegetativa di ben 2 settimane, poi seguito da un’inattesa gelata, avvenuta tra il 25 e il 26 aprile, che aveva riportato i faggi indietro di due settimane, senza gemme e senza foglie. La temperatura registrata quella notte è stata di addirittura -6,5 gradi centigradi.

Nel giro di circa due mesi i faggi apparivano però nuovamente coperti di foglie, come se la gelata improvvisa non ci fosse stata, riuscendo a sopravvivere anche in assenza dei carboidrati da fotosintesi. I ricercatori hanno spiegato che questo è stato possibile poiché le piante accumulano carbonio per affrontare eventi avversi, come gelate o attacchi da parte di insetti, e in particolare con questa ricerca hanno mostrato, con precisione, a quando risaliva il carbonio utilizzato per affrontare la gelata. La datazione, fatta dall’istituto tedesco Max Planck, parla di carbonio accumulato fino a 9 anni prima, confermando la grande resistenza delle piante agli eventi avversi, che fa ben sperare in una loro risposta positiva ai cambiamenti climatici a cui andiamo incontro.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista New Phytologist.

Promobox

Alla Scoperta Della Scuola Di Alta Formazione 'Sapere Aude': Aperte Le Iscrizioni Per I Nuovi Corsi Di Formazione

Tanti i percorsi formativi e di aggiornamento su scala nazionale che questa scuola, da oltre 6 anni, propone ai tanti corsisti che si immergono in nuove esperienze, ampliando il loro bagaglio culturale con passione e dedizione, grazie anche al lavoro di un team altamente qualificato e specializzato, vicino alle esigenze di ognuno di loro.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Controlli ad autobus usati per gite in partenza da Pescina, San Benedetto ed Avezzano, scoperte numerose irregolarità

Nella mattinata odierna, la Polizia di Stato ha effettuato controlli ad alcuni autobus dedicati ai viaggi di istruzione in partenza da Pescina, San Benedetto ed Avezzano, su segnalazione degli istituti ...


Mandragora tra gli spinaci: distrutti sette bancali di verdura provenienti da Avezzano

Avezzano – Sono stati sequestrati, e quindi distrutti, sette bancali di spinaci che provenivano dalla Marsica. Il timore è che potessero contenere, oltre alla verdura ...

73enne preleva 200 euro al bancomat e viene scippata, arrestato 32enne. L’anziana è finita in ospedale

Avezzano – Nel corso del primo pomeriggio i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno arrestato un 32enne ritenuto responsabile del reato ...

Contemporanea Ventiventidue al Palazzo Ducale di Tagliacozzo, tra gli eventi della Giornata del Contemporaneo AMACI 2022

Tagliacozzo – L’edizione numero 18 della Giornata del Contemporaneo si svolgerà a partire da sabato 8 ottobre con l’obiettivo di raccontare la rinata vitalità dell’arte ...

Sopralluogo presso la chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele: a primavera partiranno i lavori di restauro

Collarmele – Nella mattinata di oggi è stato effettuato un sopralluogo presso la chiesa della Madonna delle Grazie, a Collarmele. Erano presenti rappresentanti della Soprintendenza ...