Il Generale di Corpo d’Armata Vittorio Tomasone in visita al Comando Provinciale di L’Aquila



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Provincia – Nella giornata di oggi, il Comandante Interregionale dei Carabinieri  “Ogaden” di Napoli (competente su Campania, Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata) – Generale di Corpo d’Armata Vittorio Tomasone, ha visitato il Comando Provinciale di L’Aquila. Al suo arrivo, è stato ricevuto dal Comandante della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise – Generale di Brigata Michele Sirimarco e dal Comandante Provinciale di L’Aquila – Colonnello Antonio Servedio. L’Ufficiale Generale ha incontrato una folta rappresentanza dei Carabinieri in servizio nell’aquilano, della Rappresentanza Militare e delle Sezioni dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Associazione Nazionale Forestale. Nella circostanza, ha espresso parole di elogio a tutti i militari per l’attività svolta a tutela della legalità richiamando i principi fondamentali che devono sempre animare la loro azione, svolta a tutela delle comunità in cui operano.

Nel corso della stessa mattinata, il Generale Tomasone ha salutato le massime attività civili, militari e religiose, per poi partecipare a un briefing tenuto dal Comandante Provinciale nella Sala “Mar. Pace” (intitolata al militare dell’Arma deceduto in Accumuli in occasione del sisma che devastò l’Italia Centrale il 24 agosto 2016) in presenza del Comandante della Legione Abruzzo e Molise e degli Ufficiali di tutti i reparti dipendenti. Nel corso dell’incontro sono state proficuamente approfondite e valutate la situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica e delle attività dell’Arma sul territorio.

Il Generale Tomasone, al termine della visita, ha formulato il proprio apprezzamento per l’impegno profuso a tutela della legalità nel comprensorio, sottolineando l’importanza di continuare ad assicurare la massima disponibilità nei confronti delle generose comunità locali.




Lascia un commento