Giornata della Memoria. A Celano in scena la storia di Jakob, l’uomo che inventò la speranza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano. “L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria”, così scriveva Primo Levi. Per questo, domenica 28 gennaio, nell’ambito delle celebrazioni del Giorno della Memoria previste dall’Amministrazione Comunale di Celano, in persona del vicesindaco Ezio Ciciotti, andrà in scena presso l’Auditorium “E. Fermi” a partire dalle ore 18, lo spettacolo “Jakob Il Bugiardo”, in collaborazione con la Fondazione Carispaq e l’associazione culturale “Osvaldo Costanzi”.

Istituita nel 2005 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la Giornata della Memoria ricorre il 27 di gennaio, giorno in cui nel 1945 le truppe sovietiche scoprirono il campo di concentramento di Auschwitz, liberandone i superstiti e rivelando per la prima volta al mondo intero l’orrore e le barbarie del genocidio nazifascista.  

Tratto dall’omonimo romanzo di Jurek Becker, remake dell’omonimo film tedesco del 1975, “Jacob Il Bugiardo” si inserisce nel filone tragicomico dedicato all’Olocausto, già trattato in film come “La vita è bella” e “Train de vie – Un treno per vivere”. Riadattato nel 1999 dal regista Peter Kassovitz, con Robin Williams, gli attori Alessandro Martorelli e Luca Avallone ricorderanno la storia vera, ironica e toccante dell’ebreo Jakob, che nel 1945, all’interno del ghetto polacco di Varsavia nel quale viveva, ha riacceso gli animi dei sopravvissuti del ghetto, raccontando loro una serie di bugie per non fargli perdere la speranza nella liberazione, fino ad un tragico epilogo. Per l’occasione è stata composta una colonna sonora che sarà interpretata dal vivo dai musicisti  Alessandro “Pepè” Porrini, Alberto Bianchi ed Enrico Cianciusi.

Si ricorda che l’ingresso è gratuito.




Lascia un commento