Equitalia: “Dal Governo bugie su di noi”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – I lavoratori di Equitalia operanti nella provincia dell’Aquila, al pari dei loro colleghi in tutto il territorio nazionale, esprimono profonda amarezza per il clima di ostilità che il governo ha creato a loro danno attraverso una serie di bugie lungamente ripetute.

“È bene chiarire che:

– Non è Equitalia a stabilire il modo in cui operare per il recupero delle somme da esigere, ma governo e Parlamento attraverso leggi e decreti.

– Non è Equitalia ad incamerare sanzioni e interessi di mora applicati alle cartelle, ma gli enti beneficiari dei tributi.

– Non è Equitalia a decidere i nominativi destinatari di cartelle esattoriali o gli importi da incassare, ma l’Agenzia delle Entrate e gli altri enti impositori.

Ricordiamo inoltre che gli aggi riconosciuti ad Equitalia sono stati più volte ridotti nel corso degli anni, con conseguenti sacrifici da parte dei lavoratori. Non è un caso se il contratto nazionale di lavoro di settore, scaduto da oltre 6 anni, non è stato ancora rinnovato.

L’attività esattoriale dovrà comunque essere svolta anche in futuro. Lasciare intendere che la chiusura di Equitalia possa comportare di per sé un alleggerimento degli adempimenti a carico dei contribuenti è un palese travisamento della realtà. Un fisco più attento alle esigenze del Paese e dei cittadini si avrà solo nel momento in cui si deciderà di adeguare in tale senso le normative: per questa ragione la decisione assunta con la Legge di Stabilità appare esclusivamente propagandistica e volta a guadagnare consensi in vista del referendum costituzionale”.

I lavoratori condannano con forza l’atteggiamento irresponsabile del governo. Nei prossimi giorni si svolgeranno assemblee del personale in tutte le sedi di Equitalia per decidere le iniziative da intraprendere”.




Lascia un commento