Coronavirus, il comune di Capistrello impegna subito i fondi della Protezione Civile a sostegno delle famiglie più disagiate 



Capistrello – Dopo la firma dell’ordinanza, da parte del capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, i comuni hanno ricevuto le somme stanziate per far fronte all’emergenza alimentare che a seguito del blocco delle attività, causata dalla pandemia da Covid-19, ha colpito in particolare, le fasce sociali più deboli. 

Il Comune di Capistrello destinatario di 41.000 euro, in base a quanto previsto dall’ordinanza, potrà convertire le somme ricevute in buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari, oppure potrà procedere direttamente all’acquisto dei beni di prima necessità, provvedendo poi alla distribuzione, avvalendosi di associazioni di volontariato del terzo settore.

L’ordinanza stabilisce che i servizi sociali dei comuni provvederanno ad individuare una prima platea degli aventi diritto che non siano già destinatari di altre forme di sostegno, come il reddito di cittadinanza, per esempio. L’ordinanza prevede inoltre che il comune potrà destinare su conti correnti appositamente dedicati eventuali donazioni. 

Nelle indicazioni fornite dal comune di Capistrello, si fa riferimento ad ulteriori criteri volti a stabilire la priorità per l’accesso alle misure di sostegno, che dovranno essere autocertificati. Sulla base della platea individuata dai servizi sociali, fra le famiglie indigenti, in stato di necessità, avranno precedenza, quelle più numerose, quelle con presenza di minori, quelle prive di una rete familiare e quelle che versano in situazioni di grave marginalità o esclusione sociale. 

Il comune provvederà, attraverso forme di comunicazione ad evidenza pubblica, a raccogliere le manifestazioni di interessi da parte degli esercizi commerciali, che verranno inseriti in un apposito elenco consultabile sul sito del comune.