Congedo padri 2021: aumentato a 10 giorni per i padri lavoratori dipendenti



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

L’ultima legge di bilancio ha introdotto importanti novità in tema di congedi di paternità, in particolare il congedo obbligatorio per i padri lavoratori dipendenti quest’anno è aumentato a 10 giorni, mentre si conferma invece il congedo ulteriore facoltativo.
Come precisato nella circolare n. 40/2013, sbi ricorda che sono tenuti a presentare domanda all’Istituto, riguardo le nascite avvenute nel corso del 2021, solamente i lavoratori per i quali il pagamento delle indennità è erogato direttamente dall’INPS, mentre nel caso in cui le indennità siano anticipate dal datore di lavoro, i lavoratori devono comunicare in forma scritta al proprio datore di lavoro la fruizione del congedo, senza necessità di presentare domanda all’Istituto.
Si precisa inoltre che i congedi si possono fruire anche in modo non continuativo nei primi 5 mesi di vita del bambino, mentre per le nascite e le adozioni/affidamenti avvenuti nell’anno 2020, i padri lavoratori dipendenti hanno diritto a soli sette giorni di congedo obbligatorio, anche se ricadenti nei primi mesi dell’anno 2021.
L’istituto ricorda che il giorno di congedo facoltativo va utilizzato previo accordo con la madre e in sua sostituzione, in relazione al suo periodo di astensione obbligatoria spettante a lei.