Castello baronale dei Colonna occupato da soldati spagnoli
La congiura del governatore di Avezzano in un contesto sociale corrotto e instabile (1680-1688)
Nel regno di Napoli e nella Marsica, come andiamo affermando, gli accordi tra viceré spagnoli e poteri feudali per il controllo delle risorse del territorio appaiono, per gran parte del Seicento, come...
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Tagliacozzo – La Porta dei Marsi di Tagliacozzo è uno dei luoghi iconici del paese marsicano. Si tratta di uno dei cinque ingressi medievali che consentivano l’accesso al borgo. Nell’immagine...
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Opi – Il 3 aprile del 1993 si tenne, a Pescasseroli, capitale del Parco, una conferenza dal tema: “La scoperta del primo giacimento di vertebrati fossili nel Parco”. Per la verità la scoperta fu...
Oltraggio del Gran Contestabile Sciarra Colonna al papa (lo schiaffo di Anagni)
Escrescenze del lago di Fucino, l’architetto Fontana e il Gran Contestabile Sciarra Colonna (1680-1683)
Per ragioni di spazio, pur omettendo numerosi altri episodi che determinarono la vita socio-economico-politica del territorio in questione, occorre accennare a fatti importanti con gradi diversi e sotto...
Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina
La fine della "Università degli Artigiani": dal Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina all'oblio totale
Pescina – Era il periodo post bellico, correvano gli anni ’50, e fu allora che la Pontificia Opera Assistenza del Vaticano, la concattedrale dei Marsi, Santa Maria delle Grazie, con l’allora...
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino
Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno...
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
Cerca
Close this search box.

Allevamento cani, in Abruzzo manca una legge. Bracco (sinistra italiana) interviene sulla cinotecnica

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Evandro Marola
Evandro Marola
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio

Regione. “Questa proposta di legge nasce dalla necessità di eliminare un evidente vuoto legislativo nazionale in tema di allevamento di cani”.

Ha esordito così il Consigliere regionale Leandro Bracco nel presentare il suo progetto di legge alle Camere che riguarda la cinotecnica. Attualmente la materia è regolamentata dalla legge n. 349 del 1993 che stabilisce che “non sono comunque imprenditori agricoli gli allevatori che producono nell’arco di un anno un numero di cani inferiore a quello determinato, per tipi o per razze, con Decreto del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali” dove il numero di cani necessario affinché non si sia dichiarati allevatori deve essere inferiore a 5 fattrici che annualmente producano un numero di cuccioli inferiore alle 30 unità. “Nel corso degli anni la disciplina legislativa è risultata carente e gravida di conseguenze nefaste – ha dichiarato Bracco – in quanto ha dato vita, accanto al proprietario del singolo o di pochi cani e all’allevatore professionale, a un terzo genus di allevamento ossia quello “amatoriale”. Ovvero chiunque avesse un numero di fattrici inferiore a 5 o producesse annualmente un numero di cuccioli inferiore a 30 svolge sostanzialmente l’attività di allevatore di cani, ma a livello legislativo non viene considerato né imprenditore agricolo né semplice detentore (si pensi ad esempio alla persona che alleva 6 fattrici che producono in un anno 29 cuccioli). “Tale forma di allevamento – sottolinea Bracco – sfugge alla disciplina che impone invece all’allevatore professionale di cani (o imprenditore agricolo ai sensi del D.M. 28 gennaio 1994) di ottemperare a una serie di norme e prescrizioni che obbligano di tenere determinati comportamenti e di adottare specifiche cautele finalizzate a garantire una corretta gestione e detenzione degli animali e contemporaneamente assicurare la sicurezza delle persone che entrano in contatto con gli stessi”. “Le leggi regionali in materia hanno in vario modo tentato di arginare il fenomeno degli allevamenti amatoriali, purtroppo senza successo – ha ricordato il Consigliere regionale – Infatti a oggi proprio gli allevamenti amatoriali proliferano non solo in Abruzzo ma in tutta Italia con conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti (bambini sbranati dai cani del padre o del nonno e allevatori aggrediti e uccisi dai propri cani)”. Al fine di consentire la salvaguardia della salute degli animali e di conseguenza delle persone che entrano in contatto con i medesimi è stata predisposta questa proposta di legge parlamentare che abbassa drasticamente il numero di fattrici o il numero di cuccioli prodotti annualmente necessari per essere considerati imprenditori agricoli (numero pari o superiore a tre fattrici o che producano ogni anno un numero di cuccioli superiore a 12). “Tutto questo al fine di tenere un comportamento etologicamente corretto e rispettoso degli animali che – ha sottolineato Leandro Bracco – per motivi di razza e/o età, non può certamente portare a esigere per tutte le cagne il medesimo standard riproduttivo. Il mancato buon esito di un accoppiamento (atteso che di norma ne sono possibili solamente due per ogni anno) o un numero limitato di cuccioli prodotti, per l’allevatore-imprenditore implica necessariamente l’esigenza di mettere a frutto ogni successivo tentativo rischiando, oltre che un inevitabile stress per le fattrici, anche una riduzione delle cagne a mere replicanti di razza”. In conclusione il Consigliere di Sinistra italiana ha rilevato come occorra stabilire l’effettiva differenza tra “semplici proprietari di cani e imprenditori agricoli nel settore dell’allevamento dei medesimi”, precisando infine che “per esercitare tale professione, gli stessi imprenditori dovranno obbligatoriamente seguire dei corsi per ottenere la relativa qualifica qualora non siano già in possesso di una laurea specialistica in materia”.

LEGGI ANCHE

Screenshot_2024-06-14-21-10-34-681_com.facebook
IMG-20240614-WA0089
Carsoli previene l'emergenza idrica: fino al 30 Settembre divieto di prelievo di acqua potabile per qualsiasi uso improprio
Domani visita guidata gratuita presso la Villa Romana di Avezzano per le Giornate europee dell'archeologia
Giovanni Stinelli sarà il referente di Avezzano per la Commissione assegnazione alloggi popolari dell'Ater della Provincia dell'Aquila
Domani, 15 Giugno, è prevista la riapertura dell’Ufficio postale di Cappadocia
Elezione del presidente, del vicepresidente e del segretario del Consiglio Permanente delle Associazioni d'Arma
"Sto cercando un'amica gentile per mia sorella": attenzione alla nuova truffa via sms
BRIGA_ (© Claudio Porcarelli) 1-2
Caduto dal nido e messo in salvo dai Carabinieri Forestale, Fiocco l'allocco sta per tornare libero
Va in pensione la storica “Littorina”, il treno che per oltre 50 anni ha percorso la tratta ferroviaria “Avezzano-Sora-Roccasecca”
stefano venturini tagliacozoz
Screenshot_2024-06-12-16-16-10-941_com.facebook
WhatsApp Image 2024-06-14 at 11.00
Nomadi, Uccio De Santis e "Voglio Tornare negli Anni 90", ospiti ad agosto a Meta
Scassinata e messa a soqquadro la casetta dell'associazione Antichi Mestieri di Camporotondo
sfalcio erba per terreni
"La bottega dei racconti": un libro per raccontare le storie dei ragazzi dell’I. di Girolamo di Magliano dei Marsi
L'ululato dei lupi, lo spettacolare video di Fabrizio Cordischi per Rewilding Apennines
PHOTO-2024-06-14-10-10-17 (2)
Pescasseroli Comunità Energetica Rinnovabile: oggi incontro formativo e conoscitivo per cittadini, imprese e istituzioni
"
celano feste
Festiv’Alba 2024, come acquistare biglietti o abbonamenti

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Evandro Marola
Evandro Marola
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.