A Luco dei Marsi l’area archeologica di Angizia e il convento dei cappuccini saranno aperti ai cittadini nei fine settimana



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Luco dei Marsi – Il Sindaco di Luco dei Marsi Marivera De Rosa comunica che ogni fine settimana, fino al mese di settembre, l’area archeologica di Angizia e il convento dei cappuccini saranno aperti al pubblico.

Ricordo che oggi” scrive sui social De Rosacome nei prossimi fine settimana fino a settembre, l’area archeologica di Angizia e il convento dei cappuccini, il nostro Centro Servizi, saranno aperti ai cittadini. Nell’area di Anxa tornano anche le visite guidate, a cura degli archeologi della cooperativa Limes, con inizio alle 10.30 e alle 11.30. L’area sarà accessibile già dalle 9.30 e fino alle 12.30, con l’accoglienza affidata ai ragazzi impegnati nei progetti del Servizio civile, che opereranno anche “Ai frati”, dove assisteranno i visitatori, in particolare gli anziani, e tutti quanti volessero trascorrere un po’ di tempo tra il fresco della selva, un buon caffè e quattro chiacchiere in compagnia, tra le bellezze della natura e quelle architettoniche, artistiche e culturali del convento, delle opere che vi sono custodite e la biblioteca, in crescita”.

Un grande ringraziamento ai Volontari, e in particolare all’assessore Mauro Petricca e al consigliere Claudio Gallese che, in aggiunta alle attività amministrative, continuano a dedicare tempo e lavoro per mantenere ordinate e fruibili le aree adiacenti al sito archeologico e al convento” prosegue “Dunque, storia e mito, con la guida dei professionisti della cooperativa archeologica Limes, natura, cultura, socialità, bellezza… Tutto quello che serve per una domenica magnifica! Tutti siete invitati a partecipare, e a trasmettere l’invito a parenti e amici, in particolare ai più anziani, che troveranno al convento una bellissima occasione per trascorrere qualche ora insieme e in spensieratezza, nell’aria buona della nostra montagna”.




Leggi anche