Viabilità: dalla Provincia 4 milioni di euro per le strade della Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica – Questa mattina 13 ottobre 2017, presso la sede della Provincia di Pescara, il governatore della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, ha illustrato il piano di riparto dei fondi concessi dalla regione per la viabilità provinciale.  Il Presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, presente alla riunione, ha espresso piena soddisfazione ma anche segnalato alcune strade della provincia da riassegnare all’ANAS per garantire, ad importanti distretti economici e turistici, una maggiore certezze in termini di praticabilità, manutenzione e sicurezza in ragione dell’imminente prossima stagione invernale; a tal proposito, lunedì pomeriggio 16 ottobre, è previsto a Roma un incontro con i vertici ANAS, il Presidente D’Alfonso e il Presidente Angelo Caruso per stabilire in tempi brevi il passaggio di tutte le strade già oggetto di rassegnazione, iter da completare, entro il prossimo mese di novembre.

In relazione ai fondi concessi per esigenze rilevate in termini di impraticabilità, dissesto, sicurezza e importanza delle strade della provincia dell’Aquila, desunti dal masterplan FSC 2014, essi assommano a 11  milioni di euro ripartiti, in ambito provinciale, nel seguente modo:

  • –          4 milioni di euro all’area Peligna-Sulmontina;
  • –          4 milioni di euro all’area Marsicana;
  • –          2 milioni di euro all’area Aquilana;
  • –          1 milione di euro all’area dell’Alto Sangro.

Le consistenza delle assegnazioni delle risorse fa seguito alla quantificazione dei danni riportati nel dossier della protezione Civile Nazionale, sulla base delle segnalazioni pervenute dai Geni civili provinciali. Le azioni intraprese e quelle in corso di pianificazione sottolineano la sensibilità, ma anche una priorità di interventi tesi ad anticipare le problematiche dell’inverno, in ragione di una sempre minore disponibilità di azione della Provincia.




Lascia un commento