La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Cerca
Close this search box.
Home » Terza pagina » Vecchi mestieri scomparsi: la storia dei cavatori di ghiaccio di Celano

Vecchi mestieri scomparsi: la storia dei cavatori di ghiaccio di Celano

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Celano – Anche questa volta Giancarlo Sociali ci mette a disposizione una storia lontana e suggestiva. Si tratta del ricordo di uno dei tanti mestieri che non esistono più, quello dei cavatori di ghiaccio di Celano. In piena estate questi ragazzi salivano sul Sirente, e non solo, con arnesi di lavoro per “cavare” il ghiaccio dai depositi che, nel corso dei mesi precedenti, si erano generati in vetta. Ecco il testo che Sociali ha pubblicato sul suo sito:

Si lasciava la falce ed il falcetto, per imbracciare asce, segoni, martelli e scalpelli. Si lasciava il grano e la piana rovente del fucino, e si saliva sulle alte vette del monte Sirente. Era un mestiere provvisorio, come diremmo oggi part time o a tempo brevissimo determinato. Era il mestiere dei cavatori di ghiaccio di Celano, per la maggior parte ragazzi.

I ragazzi partivano in piena notte con muli ed asini. Alle quattro del mattino si trovavano proprio sotto le neviere ed i ghiacciai del Sirente. Un gruppo si fermava prima nei crepacci e nelle zone all’ombra rimaste ancora ghiacciate. Alcuni nel “Jaccio della fonte del Favo”, altri sopra “la Paura”, ed altri raggiungevano proprio la neviera della vetta. Alle prime luci già avevano segnato i primi blocchi da tagliare nei posti più comodi. Una volta praticato i numerosi fori di alcuni centimetri, e fatti dei tagli con l’ascia, si spaccava il ghiaccio, cercando di far uscire un blocco non molto grande, ma abbastanza consistente (circa 50 chili) per issarlo sopra il dorso dell’asino o del mulo che portavano fino a 2 quintali.

Si procedeva anche con un segone da falegname per squadrarlo. Preso tutto il ghiaccio necessario, si rivestiva con polvere di trebbiatura e paglia, si avvolgeva nei sacchi, si caricava sopra gli animali e si procedeva per il ritorno in paese. Una volta giunti, si vendeva ai bar, alle cantine, agli ospedali, e nelle case di qualche ricco signore. Tutto questo specialmente per la festa dei Santi Martiri ad agosto (le prime granite).

Altri viaggi invece, si facevano per il Lazio e la Puglia sempre a dorso di mulo. Centinaia di chilometri, con il ghiaccio che sgocciolava, ma alla fine del viaggio, ne rimaneva il 50%. Nella Montagna Grande di Celano (Sirente), completamente esposta al sole di mezzogiorno, erano poche le zone dove il ghiaccio resisteva tutto l’anno. Infatti, alcuni cavatori che avevano questo come mestiere principale, si dovevano rivolgere al comune di Secinaro che aveva, vista la richiesta, creato un apposito capitolo di bilancio per vendere il ghiaccio ai commercianti ed ai cavatori di altri paesi, visto che la neviera del Sirente di Secinaro, durava tutto l’anno.

In tempi ancora più antichi, nell’ epoca dei Conti, questo mestiere veniva svolto molto spesso, in quanto la nobiltà non badava a spese e soprattutto aveva sudditi a costo zero, e usava tutto l’anno le neviere dentro le abitazioni castellane, alimentate appunto dal ghiaccio tagliato nel Sirente. Un esempio per tutti, la ghiacciaia/neviera di Goriano Sicoli, lungo l’antico Regio Tratturo Celano Foggia, ancora visibile nella sua antica struttura. La costruzione, con malta e pietre, e con le sue bocche di areazione sotterranee, ospitava il ghiaccio di enormi carovane di muli, che lì lo depositavano, per poi successivamente ricaricarlo e trasportarlo attraverso l’antico Tratturo, nelle Regioni dell’Italia Meridionale, addirittura fino a Bari, e da lì, alcuni blocchi raggiungevano via mare anche terre non italiane.

In ricordo di mio padre, anche egli un cavatore di ghiaccio“.

PROMO BOX

Imprudente
FB_IMG_1716484659303
rapper Mondo Marcio
Parco Sirente Velino
Stabilizzazione precari della ASL 1, Pietrucci: "Lavoratrici e i lavoratori attendono da anni una soluzione definita al loro contratto di lavoro"
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
"Le vie della seta nella storia", domani ad Avezzano conferenza con il dott. Brizio Montinaro
Strage di Capaci: Ortucchio depone fiori al cospetto del murale dedicato a Falcone e Borsellino
FB_IMG_1716473701532
Memorial go-kart Gian Mauro Frabotta, come cambia la viabilità in piazza Cavour e strade limitrofe nei giorni 25 e 26 Maggio
Giornata Europea dei Parchi: domani a Pescasseroli eventi speciali a cura del PNALM e dei Carabinieri Forestali
Incentivi economici alle imprese abruzzesi che assumeranno disoccupati over 36, in particolare donne
Il cane Alvomano è il pastore maremmano abruzzese più bello d'Italia, il suo allevatore è di San Benedetto dei Marsi
Vittorio Sgarbi a Capistrello per presentare "Il leone di Ladispoli" di Davia Bondanza con un'intervista al dott. Raffaele Bisegna che sedò l'animale
IMG-20240523-WA0005~3
hera1
professoressa Barbara Carolli,
parco-nazionale-abruzzo-hd
Filomeno Babbo
Primario Luigi Zugaro con il sindaco Gianni Di Pangrazio
Il marsicano Andrea Mariani presta giuramento come nuovo diplomatico italiano
Oggi Tagliacozzo ricorda la figura di Santa Giovanna Antida con una messa in suo onore
rosario vescovo massaro terremarsicane
23 Maggio 1992 - 23 Maggio 2024: trentadue anni dalla strage di Capaci

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina