Un avezzanese sulle vette del Giro D’Italia



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Ha raggiunto il Colle più alto del Giro D’Italia (il colle dell’Agnello, 2.744 metri) per assistere all’impresa di Vincenzo Nibali ed ha srotolato uno striscione di stoffa di un metro e mezzo e sullo sfondo del muro di neve ha fatto leggere alla nazione intera, in diretta televisiva, “Avezzano c’è”. Protagonista del gesto Flaviano Fiasca, nato nel capoluogo marsicano ed ora residente a Verzuolo, in Piemonte.

“Due anni fa – ha dichiarato l’uomo al quotidiano Il Centro – mi sono trasferito in Piemonte, a Verzuolo, a pochi chilometri da Saluzzo, perché la cartiera Burgo ad Avezzano ha avviato un processo di ridimensionamento. Ma ad Avezzano, oltre a mia moglie e alle mie due figlie, ho lasciato il cuore. E quindi non perdo occasione per parlare della mia terra, per farla conoscere e per raccontare le sue bellezze i suoi prodotti. Ho consigliato ad alcuni produttori piemontesi di birra artigianale, che usano le patate per realizzarla, di usare le patate del Fucino”.




Leggi anche

Lascia un commento