val-fondillo-1
   La Necropoli di Val Fondillo
La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi alla ricerca...
Le rovine della sede della Banca Marsicana di Pescina distrutta dal terremoto del 1915
Le rovine della sede della Banca Marsicana di Pescina distrutta dal terremoto del 1915
Pescina – Tra le fotografie che ci permettono di conservare la memoria di quanto avvenne nella Marsica a seguito della violenta scossa di terremoto del 13 Gennaio 1915 c’è anche quella che...
Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Collarmele – Con l’arrivo del parere favorevole della Sovrintendenza, possiamo ufficializzare la partenza, a stretto giro, di alcuni frammenti delle maioliche della Chiesa di Madonna delle...
Castello baronale dei Colonna
Il sistema fiscale delle imposte nella Marsica vicereale dopo la peste del 1656
Lo studioso Ugo Speranza pubblicò alcuni rogiti del notaio Domenico Bucci (1658)  nei quali possiamo riscontrare la numerazione dei «fuochi» delle università di Avezzano, Collelongo, Trasacco, Luco...
Recensione del saggio "Ispettori ai monumenti e scavi nella Marsica" di Cesare Castellani nel Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria
Recensione del saggio "Ispettori ai monumenti e scavi nella Marsica" di Cesare Castellani nel Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria
Marsica – Sullo storico Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria, Annate CXII-CXIII (2021-2022), pubblicato a L’Aquila, alle pagine 269 e 270 il prof. Alessio Rotellini descrive...
fulv
Aspetti della giurisdizione delegata nella Marsica durante il viceregno spagnolo e austriaco
Non è facile svolgere un’analisi sistematica e comparata che possa aiutarci ad arricchire e precisare il giudizio, a volte ancora troppo generico, sul dominio dei Colonna nel territorio marsicano durante...
Grotta di Sant'Agata
La grotta di Sant'Agata
Una grossa cavità naturale posta sul versante acclive della Serra di Celano grotta di Sant’Agata Sopra la parte sommitale della rocca della Turris Caelani, sotto una grande sporgenza rocciosa...
bcvff
Luigi Colantoni (1843-1925), canonico, vicario capitolare e ispettore ai monumenti
Questo articolo su Luigi Colantoni segue quello interessante dell’amico Fiorenzo Amiconi apparso su Terre Marsicane lo scorso 24 dicembre 2019 e vuole essere una integrazione ed un completamento di quanto...
Cerca
Close this search box.

Turismo invernale, SOA e Forum H2O: “In Abruzzo chiuse 89 piste su 112, ma si investono 50 milioni di euro per altri impianti”

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Cristina Fiocchetta
Cristina Fiocchetta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Carmine Chiuchiarelli
Carmine Chiuchiarelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio

Abruzzo – In Abruzzo attualmente sono aperte solo 23 piste da sci sulle 112 delle quattro principali stazioni sciistiche della regione pari a 1/5 del totale: 12 su 49 a Roccaraso – Aremogna, 6 su 18 al Pizzalto, 3 su 24 a Campo Felice e 2 su 21 a Ovindoli. In pieno inverno.

Moltissime delle piste chiuse sono pure dotate di cannoni per la neve artificiale che con ogni evidenza, anche per i costi esorbitanti di gestione per l’energia, non riescono a tenere il passo della crisi climatica.
Altre stazioni sono addirittura chiuse, come la Maielletta. Una situazione che si ripete ormai da tempo, con innevamento sempre più scarso tanto che già lo scorso anno sono stati previsti dal Governo 200 milioni di euro pubblici per i cosiddetti ristori agli operatori del settore.

Davanti a questa situazione sconfortante in un paese normale si aprirebbe una serena e pacata riflessione sulla lungimiranza e sull’efficacia di interventi come quello sulle nuove piste di Ovindoli – Valle delle Lenzuola dove oltre alla spesa di milioni di euro di fondi pubblici sono stati distrutti per sempre con le ruspe habitat d’alta quota preziosissimi, per giunta in un parco regionale. D’Alfonso e Marsilio, il primo come finanziatore del progetto e il secondo come strenuo difensore dello stesso, hanno da dire qualcosa sulla bontà delle loro scelte?

In questi mesi oltre agli altri lotti milionari dell’intervento di Ovindoli previsti per il 2024 per un totale di spesa di 10 milioni di euro e allo stadio del fondo di Rocca di Mezzo per 1,2 milioni, si parla dei 22 milioni di euro per i nuovi impianti della Maielletta e di 12 milioni di euro per l’impianto alla Montagna dei Fiori. Altri 10 milioni di euro sono stati annunciati per Campo Imperatore. Tutti fondi pubblici, tutti interventi con impatto ambientale sostanziale sia al momento della costruzione sia per il grande dispendio di risorse ambientali sotto l’aspetto energetico e dei consumi di acqua al momento dell’utilizzo (quando possibile come abbiamo visto…).

In alcuni casi è previsto addirittura l’utilizzo di acqua potabile dell’acquedotto per sparare con i cannoni.
Non ce lo potevamo permettere, non ce lo potremo permettere. Noi stessi, pensando proprio alla disponibilità di acqua per i prossimi mesi, speriamo ovviamente in copiose seppur tardive precipitazioni nevose: l’ottimismo della volontà contro il pessimismo della ragione.

Venti anni fa gli ambientalisti abruzzesi dopo l’uscita delle prime ricerche sull’effetto dei cambiamenti climatici sullo sci lanciarono l’allarme sull’effetto disastroso che avrebbero avuto sul circo bianco abruzzese, chiedendo di iniziare a dirottare progressivamente gli investimenti pubblici verso forme di turismo meno impattanti e meno soggette alla crisi climatica partendo dalle stazioni a quote più basse e con maggiori possibilità di riconversione. Gli investimenti sono fondamentali quando si parla di ripensare un sistema per adattarlo ai tempi mutati. Furono derisi. Oggi si raccolgono i cocci e bisogna dare i sussidi.

Addirittura con una crisi conclamata si pensa di insistere con decine di milioni di euro pubblici in un modello che tutti gli studi scientifici a ogni livello sostengono non possa reggere in molte aree alpine, figurarsi in Appennino. Rinnoviamo quindi l’invito alla classe politica regionale e agli stessi imprenditori del settore di ripensare da subito l’uso di queste risorse pubbliche accettando finalmente la sfida imposta dal riscaldamento globale, dando un contributo fattivo a quella strategia di adattamento che dovrebbe essere in cima ai pensieri di una comunità consapevole.

Fonte: Stazione Ornitologica Abruzzese e Forum H2O
author avatar
Maria Tortora

PROMO BOX

|
Tentativi di truffe online in Abruzzo, Poste italiane mette a disposizione un utile vademecum per operare in sicurezza
Il nuovo spettacolo targato Teatro Stabile d'Abruzzo "La bottega del caffè" debutta a Parigi
Mauro Lovato Vicepresidente di Confagricoltura Abruzzo
foto-Poste-Italiane
digenoca
Controlli autovelox SS 5 Tiburtina Valeria e SR 578 Salto Cicolana: il calendario di Maggio 2024
Maria Barbieri Olimpiadi
Per la Giornata mondiale della Terra a Cerchio si piantano fiori
FB_IMG_1713537354917
Realizzazione focaracci per i Festeggiamenti di Maria SS. di Pietraquaria, la richiesta da presentare al Comune di Avezzano
Maxi rotatoria killer, violenta carambola, la sindaca De Rosa: “Solleciti e iniziative di fatto cadute nel vuoto, dove sono enti e istituzioni competenti?”
Scuola dell'infanzia e scuola primaria di Castellafiume chiuse lunedì 22 Aprile
Collegamento ferroviario L'Aquila-Marsica, Biondi: "Valutazione positiva per il rapporto costi-benefici dell'opera"
IMG-20240419-WA0015~2
ambulanza
Ritorno del freddo: il Comune di Avezzano autorizza l'accensione degli impianti di riscaldamento fino al 30 Aprile
foto incidente avezzano
Angelo Carones
dimitri ruggeri
Castello Piccolomini di Celano
Processione di Maria S.S. di Pietraquaria il 27 Aprile: ecco come cambia la circolazione ad Avezzano
L'Usa Sporting Club Avezzano alla tappa finale della staffetta solidale RUN4HOPE
Partita a Celano la manutenzione del chiostro del Convento dei Frati Minori di Santa Maria Valleverde

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Cristina Fiocchetta
Cristina Fiocchetta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Carmine Chiuchiarelli
Carmine Chiuchiarelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina