Castello baronale dei Colonna occupato da soldati spagnoli
La congiura del governatore di Avezzano in un contesto sociale corrotto e instabile (1680-1688)
Nel regno di Napoli e nella Marsica, come andiamo affermando, gli accordi tra viceré spagnoli e poteri feudali per il controllo delle risorse del territorio appaiono, per gran parte del Seicento, come...
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Tagliacozzo – La Porta dei Marsi di Tagliacozzo è uno dei luoghi iconici del paese marsicano. Si tratta di uno dei cinque ingressi medievali che consentivano l’accesso al borgo. Nell’immagine...
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Opi – Il 3 aprile del 1993 si tenne, a Pescasseroli, capitale del Parco, una conferenza dal tema: “La scoperta del primo giacimento di vertebrati fossili nel Parco”. Per la verità la scoperta fu...
Oltraggio del Gran Contestabile Sciarra Colonna al papa (lo schiaffo di Anagni)
Escrescenze del lago di Fucino, l’architetto Fontana e il Gran Contestabile Sciarra Colonna (1680-1683)
Per ragioni di spazio, pur omettendo numerosi altri episodi che determinarono la vita socio-economico-politica del territorio in questione, occorre accennare a fatti importanti con gradi diversi e sotto...
Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina
La fine della "Università degli Artigiani": dal Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina all'oblio totale
Pescina – Era il periodo post bellico, correvano gli anni ’50, e fu allora che la Pontificia Opera Assistenza del Vaticano, la concattedrale dei Marsi, Santa Maria delle Grazie, con l’allora...
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino
Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno...
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
Cerca
Close this search box.

Treno veloce, Melilla replica a Giovagnorio

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio

Tagliacozzo – “A proposito della nota diramata dal Sindaco di Tagliacozzo che polemizzava con la nostra proposta rivolta a Trenitalia al fine di istituire corse veloci sulla tratta ferroviaria Roma-Pescara, occorre notare come il Sindaco di Tagliacozzo ignori forse che per decenni l’Abruzzo ha avuto un Treno Rapido che collegava Pescara a Roma Termini (e non Tiburtina come è adesso) con 4 fermate intermedie ( Chieti, Sulmona, Avezzano e Tivoli) in un tempo di percorrenza di 3 ore. Esistevano naturalmente tanti altri treni giornalieri Espressi e Diretti che collegavano Pescara a Roma con decine di fermate”. Lo scrive Gianni Melilla, deputato abruzzese (Articolo Uno – Movimento Democratico e Progressista).

“La mia proposta – continua Melilla – non c’entra niente con l’alta velocità perché, come è noto, la nostra infrastruttura di fine ottocento non lo consente. Ma un treno appropriato ad assetto variabile con poche fermate potrebbe almeno ridarci il vecchio Rapido, con un tempo di percorrenza tra le due ore e mezza e le tre ore per l’intera tratta. Questo Rapido si aggiungerebbe all’attuale offerta di treni (6 coppie giornaliere Roma-Pescara oltre a quelle Roma-Avezzano) con le attuali fermate in tante stazioni, senza diminuire minimamente il servizio attuale ma solo aggiungendo un’ulteriore opportunità. Dunque il servizio potrebbe solo migliorare per tutti.

Da Pescara e Chieti ogni mattina partono decine di autobus non stop e centinaia di macchine private per Roma. Se le ferrovie non si attrezzano con una offerta di un treno competitivo, il futuro non può che essere la morte della relazione tra Pescara e Roma con un danno conseguente che riguarderebbe l’intera Regione Abruzzo a partire dalle aree interne, che non potrebbero a quel punto più esprimere né sviluppare, come invece sarebbe necessario, una delle loro specifiche vocazioni cioè quella di proiettare l’Abruzzo verso Roma Capitale. A tal proposito, siamo da sempre tra i più accaniti sostenitori della necessità di migliorare e rendere più efficiente il servizio sulla tratta Roma-Avezzano, che storicamente e ancora oggi fa registrare troppi disagi, ritardi e tempi di percorrenza troppo lunghi.

Questa proposta non è uno spot, ma una risposta concreta. Essa si accompagna a un’attenzione costante al Trasporto Pubblico Locale e al miglioramento delle varie tratte Avezzano-Roma e Avezzano-Roccasecca, Sulmona-L’Aquila e Sulmona-Pescara, Pescara-Teramo e Pescara-Vasto tanto per fare degli esempi. Gli studenti e i lavoratori pendolari sono sempre alla nostra attenzione con le richieste di nuovi e moderni treni, come testimonia anche la mia attività parlamentare di questi anni e in particolare le numerose interpellanze e interrogazioni rivolte al Ministro dei Trasporti.

Sappiamo quale opportunità di sviluppo e rilancio per un territorio importante come la Marsica sarebbe la realizzazione dei necessari interventi di ammodernamento della tratta Roma-Avezzano, con l’implementazione del doppio binario laddove la conformazione ortografia del territorio lo consenta e persino ridisegnando in alcuni tratti il tracciato della linea. Tali interventi dovrebbero rientrare nella pianificazione dei lavori pubblici dello Stato, delle Ferrovie e delle due Regioni interessate ed esulano dall’ambito di intervento della nostra proposta, che invece sarebbe a costo zero tanto per gli enti pubblici quanto per Trenitalia, in quanto la coppia aggiuntiva di treni da noi suggerita non sarebbe tra quelle cosiddette “a fallimento di mercato”.

Le zone interne hanno tutto da guadagnare da un rilancio della relazione ferroviaria Pescara-Roma. Il pericolo che si configurerebbe in alternativa è quello di fare la fine della Pescara-Sulmona-Castel di Sangro-Napoli che qualche anno fa è stata soppressa, tagliando la Valle Peligna e l’Alto Sangro da ogni collegamento ferroviario e concludendo tristemente la storia secolare della “Transiberiana d’Abruzzo”.

LEGGI ANCHE

"C'è sempre domani": il tributo cinematografico a Ennio Doris torna gratuitamente al Cinema Astra il 13 Giugno
"C'è anche domani": il tributo cinematografico a Ennio Doris torna gratuitamente al Cinema Astra il 13 Giugno
Avezzano – Il 13 giugno alle ore 20 presso il cinema Astra di Avezzano verrà riproposto gratuitamente...
Leggi tutto
IMG-20240612-WA0019
fina55
incendi boschivi
Sicurezza in montagna, il Prefetto dell'Aquila ha presentato oggi un utile opuscolo informativo
Picsart_24-06-12_14-52-18-197
Pereto in fiore, il balcone più bello: il Comune mette a disposizione piantine fiorite ai residenti anziani per abbellire il paese
Giornate Europee dell'Archeologia a Celano e Alba Fucens, ecco le attività organizzate dalla Direzione Regionale nella Marsica
"Tu prendi i nostri pensieri e li fai vivere", i bambini della 2A dell'I.C. di Gioia dei Marsi donano una loro poesia alla scrittrice Cesidia Di Gianfelice
Screenshot_2024-06-12-16-16-10-941_com.facebook
Cuore Bianco, domenica 16 Giugno a Rocca di Botte il raduno dedicato al pastore maremmano abruzzese
Sciopero nazionale del personale Trenitalia dalle ore 3:00 di domenica 16 alle ore 2:00 di lunedì 17 Giugno
Calendario Venatorio 2024-2025: le associazioni venatorie chiedono alla Regione di rivedere alcune restrizioni
Raduno moto d'epoca a Luco dei Marsi, il 16 Giugno appuntamento per gli appassionati delle 2 ruote con visita a Pescina
"Ci fu un tempo in cui…", visite del FAI Marsica presso l'Ecomuseo di Zompo lo Schioppo e nel borgo abbandonato di Morino Vecchio
Screenshot_2024-06-12-14-20-46-143_com.google.android.apps.docs.editors
appennini for alla Camera dei Deputati
Passeggiata della salute Avezzano
Piero Cipollone foto
borse studio
WhatsApp Image 2024-06-12 at 12.08
premio silone
Lavori sulla ferrovia Roma-Avezzano, modifiche alla circolazione e limitazioni
Goffredo Taddei
61f375c8-5ec0-42fe-aa4f-25cd6439cb29

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.