Treno veloce, Melilla replica a Giovagnorio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – “A proposito della nota diramata dal Sindaco di Tagliacozzo che polemizzava con la nostra proposta rivolta a Trenitalia al fine di istituire corse veloci sulla tratta ferroviaria Roma-Pescara, occorre notare come il Sindaco di Tagliacozzo ignori forse che per decenni l’Abruzzo ha avuto un Treno Rapido che collegava Pescara a Roma Termini (e non Tiburtina come è adesso) con 4 fermate intermedie ( Chieti, Sulmona, Avezzano e Tivoli) in un tempo di percorrenza di 3 ore. Esistevano naturalmente tanti altri treni giornalieri Espressi e Diretti che collegavano Pescara a Roma con decine di fermate”. Lo scrive Gianni Melilla, deputato abruzzese (Articolo Uno – Movimento Democratico e Progressista).

“La mia proposta – continua Melilla – non c’entra niente con l’alta velocità perché, come è noto, la nostra infrastruttura di fine ottocento non lo consente. Ma un treno appropriato ad assetto variabile con poche fermate potrebbe almeno ridarci il vecchio Rapido, con un tempo di percorrenza tra le due ore e mezza e le tre ore per l’intera tratta. Questo Rapido si aggiungerebbe all’attuale offerta di treni (6 coppie giornaliere Roma-Pescara oltre a quelle Roma-Avezzano) con le attuali fermate in tante stazioni, senza diminuire minimamente il servizio attuale ma solo aggiungendo un’ulteriore opportunità. Dunque il servizio potrebbe solo migliorare per tutti.

Da Pescara e Chieti ogni mattina partono decine di autobus non stop e centinaia di macchine private per Roma. Se le ferrovie non si attrezzano con una offerta di un treno competitivo, il futuro non può che essere la morte della relazione tra Pescara e Roma con un danno conseguente che riguarderebbe l’intera Regione Abruzzo a partire dalle aree interne, che non potrebbero a quel punto più esprimere né sviluppare, come invece sarebbe necessario, una delle loro specifiche vocazioni cioè quella di proiettare l’Abruzzo verso Roma Capitale. A tal proposito, siamo da sempre tra i più accaniti sostenitori della necessità di migliorare e rendere più efficiente il servizio sulla tratta Roma-Avezzano, che storicamente e ancora oggi fa registrare troppi disagi, ritardi e tempi di percorrenza troppo lunghi.

Questa proposta non è uno spot, ma una risposta concreta. Essa si accompagna a un’attenzione costante al Trasporto Pubblico Locale e al miglioramento delle varie tratte Avezzano-Roma e Avezzano-Roccasecca, Sulmona-L’Aquila e Sulmona-Pescara, Pescara-Teramo e Pescara-Vasto tanto per fare degli esempi. Gli studenti e i lavoratori pendolari sono sempre alla nostra attenzione con le richieste di nuovi e moderni treni, come testimonia anche la mia attività parlamentare di questi anni e in particolare le numerose interpellanze e interrogazioni rivolte al Ministro dei Trasporti.

Sappiamo quale opportunità di sviluppo e rilancio per un territorio importante come la Marsica sarebbe la realizzazione dei necessari interventi di ammodernamento della tratta Roma-Avezzano, con l’implementazione del doppio binario laddove la conformazione ortografia del territorio lo consenta e persino ridisegnando in alcuni tratti il tracciato della linea. Tali interventi dovrebbero rientrare nella pianificazione dei lavori pubblici dello Stato, delle Ferrovie e delle due Regioni interessate ed esulano dall’ambito di intervento della nostra proposta, che invece sarebbe a costo zero tanto per gli enti pubblici quanto per Trenitalia, in quanto la coppia aggiuntiva di treni da noi suggerita non sarebbe tra quelle cosiddette “a fallimento di mercato”.

Le zone interne hanno tutto da guadagnare da un rilancio della relazione ferroviaria Pescara-Roma. Il pericolo che si configurerebbe in alternativa è quello di fare la fine della Pescara-Sulmona-Castel di Sangro-Napoli che qualche anno fa è stata soppressa, tagliando la Valle Peligna e l’Alto Sangro da ogni collegamento ferroviario e concludendo tristemente la storia secolare della “Transiberiana d’Abruzzo”.




Lascia un commento