Transumanza verticale: l’antica tradizione pastorale continua a vivere nei territori della Marsica



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Aielli – La mandria di bovini scende dai monti del Sirente, attraversando le Gole di Celano, in un’area che è al confine tra Aielli e Celano, torna nelle zone più miti della Piana del Fucino. Tanti gli animali che i pastori riconducono alla Piana dopo aver trascorso diversi mesi ad altitudini molto più elevate. Questo è il sistema della cosiddetta “transumanza verticale“.

Una delle ragioni che induce i pastori e i loro animali a lasciare i pascoli montani del Sirente è sicuramente l’arrivo del freddo. Sui monti, secondo quanto gli stessi pastori confermano, dovrebbe arrivare la neve nei prossimi giorni. Un’altra delle ragioni per cui è ora preferibile riportare la mandria a “casa” sono i potenziali attacchi dei lupi.

Una tradizione pastorale antica quella della transumanza verticale. Gli animali, in questo caso più di 200 capi, in fila e con un certo ordine, sfilano l’uno dopo l’altro. Al loro seguito, oggi, ci sono uomini in motocicletta e a piedi che spronano le vacche e i loro piccoli a camminare per raggiungere la Piana del Fucino.