Teatro dei Marsi, grande successo per il ritorno di Franco Battiato


Avezzano.  A volte ritornano. Dopo 5 anni torna nel capoluogo marsicano uno dei massimi esponenti del cantautorato italiano, il Maestro Franco Battiato, un altro nome illustre che il Teatro dei Marsi può annoverare nella stagione musicale 2016/2017, giunta  quasi al termine.

Venerdì 10 e ieri sera, 11 marzo,  l’esibizione del Maestro è stata preceduta  da Juri Camisasca, cantante, compositore e mistico nel panorama nascente della musica rock ed elettronica italiana, e collaboratore di Battiato all’inizio degli anni sessanta.
Per l’occasione, il Maestro è stato accompagnato da Carlo Guaitoli, al pianoforte, e Angelo Privitera, alle tastiere e programmazioni, due suoi fedelissimi angeli della musica, che, dalla seduta centrale, ha diretto con maestria ed eleganza, durante l’intero spettacolo, lasciandosi andare anche a qualche battuta. Sold out da diversi mesi le due date di Avezzano del cantautore siculo, che durante le prove ha elogiato il Teatro dei Marsi per la bellezza della struttura e per l’ottima acustica.
Battiato canta seduto e rompe il ghiaccio con “L’ombra della luce” e prosegue con circa 20 brani, proponendo un repertorio che ha ripercorso il suo viaggio artistico, tra canzoni d’autore, musica d’avanguardia e  genere pop.
Ovazione dei circa 800 presenti in sala per brani come “L’animale”, “La stagione dell’amore” , “Povera Patria” o la “Cura”, capolavoro d’eccezione, per il quale l’artista siculo ha abbandonato la seduta centrale, opportuna dopo la caduta del marzo 2015 che gli aveva causato una frattura del femore, per mostrarsi più vicino ai fan che sono rimasti ammaliati dal fascino e dal tocco intenso del Maestro, unico nel suo genere all’interno del panorama artistico italiano.
Gran finale, con il pubblico in piedi, e con il brano “Io chi sono?”, mentre piovono sul palco richieste di ogni genere.  “ E ti vengo a cercare”, reclamata a gran voce, viene eseguita tra una battuta ed un’altra con i musicisti. Standing ovation con l’ultimo brano “I treni di Tozeur” e il pubblico che non vorrebbe lasciar andar via il Maestro, il quale, ridendo, con il tono sarcastico che da sempre lo contraddistingue, conclude: “Ma mica posso restare qui tutta la notte!”


Invito alla lettura

Ultim'ora

“No significa no – per una cultura del consenso”, Abruzzo Donne Dem organizza un incontro con la Senatrice Valeria Valente

Avezzano – Lunedi 28 Novembre alle ore 17:30 presso la sala Irti dell’ex scuola Montessori, ad Avezzano, la Conferenza Regionale Abruzzo Donne Dem organizza un incontro con la Senatrice Valeria ...


Capistrello piange la scomparsa, a soli 38 anni, di Angelo Di Giovanni

Capistrello – Una fredda domenica di fine novembre si è portata via per sempre Angelo Di Giovanni, 38 anni. Da 13, lunghissimi, anni, Angelo non ...

Work in Progress… Ciak si gira il film sulla figura del beato Tommaso da Celano

Celano – È stato ospite presso nella città di Celano il noto regista di fama internazionale Emanuele Imbucci che tutti conosciamo per aver diretto e ...

Riconsegnati ai fedeli e alla cittá di Avezzano la gradinata e il sagrato della Cattedrale

Avezzano – “Dopo due lunghi anni, dopo tante difficoltà e non poca fatica, tutti potranno accedere in Cattedrale passando per la porta principale. La gradinata ...

Gestione idrica autonoma: il Tar dice no alla sospensiva, ma i sindaci di Civitella Roveto e Canistro non demordono

“Nella mattinata di ieri, sabato 26 novembre, i Comuni di Canistro e Civitella Roveto, unitamente agli altri Comuni difesi dal Prof. Avv. Giandomenico Falcon, hanno ...



Lascia un commento