La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Cerca
Close this search box.
Home » Attualità » Sindaco Santilli, “L’eccidio di Celano diventi memoria storica propositiva e preziosa per le future generazioni”

Sindaco Santilli, “L’eccidio di Celano diventi memoria storica propositiva e preziosa per le future generazioni”

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Celano – “Nell’attuale scenario globale, sempre più caratterizzato da divisioni e diseguaglianze, tutti siamo chiamati ad uno scatto culturale in avanti, procedendo ad una rilettura profonda e riflessiva degli eventi storici, non in chiave discriminatoria, bensì inclusiva”. 
Con queste parole il Sindaco di Celano Settimio Santilli, traccia le linee guida delle celebrazioni che il Comune di Celano ha organizzato per Sabato 30 aprile a ricordo delle vittime dell’evento tristemente noto alla cronaca come “L’eccidio di Celano” avvenuto nel 1970 dove persero la vita Antonio Berardicurti ed Agostino Paris.

“Conoscere il passato è necessario per comprendere meglio il presente ed affrontare con coraggio il futuro, evitando di ripetere gli stessi errori, continua il Sindaco Santilli.
In questo contesto, si inserisce la data del 30 aprile 1950 che rappresenta uno spartiacque decisivo per la storia di Celano, della Marsica e della nostra Nazione. Non solo perché il ricordo è legato ad una drammatica vicenda, ma perché questa rappresenta, nell’immaginario collettivo, anche un monito da tramandare alle future generazioni, sempre più sensibilizzate e sensibili su un tema, quello del lavoro, che proprio in quel periodo post bellico era al centro di dibattiti e di confronti accesi. 

Erano gli anni della ricostruzione e della ripresa economica. Era l’epoca della nascita delle grandi aree industriali, ma anche della profonda trasformazione e riorganizzazione che stava interessando il mondo agricolo. La conca del Fucino in questo scenario occupava un posto di primo piano. I fatti accaduti la sera del 30 aprile 1950 hanno come snodo principale proprio la richiesta di lavoro. In quella data i due nostri concittadini Agostino Paris ed Antonio Berardicurti persero la vita per rivendicare proprio il diritto a lavoro. É grazie soprattutto al loro sacrificio e alle conquiste dei braccianti agricoli del Fucino che poi si ebbe la Riforma Agraria e il riscatto di tanti lavoratori di cui l’economia della civiltà contemporanea locale gode ancora oggi.

La perdita della vita di Agostino Paris e Antonio Berardicurti ci deve avere insegnato che nulla ci è dovuto e nulla ci è stato regalato, ma che tutto va conquistato col sacrificio, la passione e l’abnegazione. 
Per non rendere dunque la ricorrenza del 30 Aprile scontata e ancora più dolorosa per chi quel giorno ha perso tutto e non ha mai più potuto, o peggio mai avuto il conforto di poter pronunciare la parola “papà”, e lasciarne al contempo la memoria storica alle giovani generazioni, abbiamo pensato di proporre una forma di ricordo dell’Eccidio di Celano, incentrata sul messaggio positivo che questo ci ha lasciato, ovvero la conquista del lavoro: un lavoro libero, dignitoso e gratificante, che può essere rappresentato dal “PREMIO BERARDICURTI-PARIS”, il giusto riconoscimento ai lavoratori che si sono distinti per particolari meriti di perizia, laboriosità e per impegno e qualità professionali nella propria vita lavorativa a sostegno dell’economia locale.”“Lo scopo del premio che sarà portato all’attenzione del Consiglio Comunale di maggio per la istituzionalizzazione, dichiara il Presidente del Consiglio comunale avv. Silvia Morelli, è quello di gratificare chi si è distinto nel mondo del lavoro per dedizione, passione e lungimiranza e lasciarne memoria storica alle nuove generazioni. Nell’ambito della celebrazione del 72° anniversario de “L’eccidio di Celano” verranno assegnate medaglie e pergamene di merito ai lavoratori e alle imprese nei settori del commercio, dell’artigianato, dell’industria e dell’agricoltura, ai professionisti e ai giovani che hanno avviato nuove attività economiche nel territorio comunale.”

Programma 30 Aprile 2022 “Eccidio di Celano e Festa del Lavoro – Premio Berardicurti-Paris”

  • Ore 10:30: Ricorrenza dell’Eccidio di Celano presso il Cimitero comunale con deposizione
    di una corona di fiori;
  • Ore 11:00: Premio Berardicurti-Paris ai lavoratori presso la Sala Consiliare del Palazzo
    Municipale;
  • Ore 12:00: Edizione del concorso “Opera settantesimo anniversario Eccidio di Celano-
    Riforma Agraria”: Premio agli alunni per il miglior disegno realizzato presso la Sala
    Consiliare del Palazzo Municipale;
  • Ore 18:00-21:30: Musica lungo le antiche mura del Castello Piccolomini di Celano.

PROMO BOX

Al Santuario dell'Oriente la festa della Madonna di Fatima con l'antichissimo "Inno Akathistos"
asma
Cunicoli di Claudio, Santangelo: “2,3 milioni per valorizzare il parco archeologico”
Comune di Celano
Restaurata la base processionale del busto di San Berardo di Pescina
Ricoperta di vernice rossa la targa di via Giorgio Almirante a Tagliacozzo
Flaconi per detersivo diventano piccole opere d'arte: l'ultima idea di riciclo creativo di Lenatorte per abbellire il borgo di Pescocanale
La biochimica scurcolana Anna Nuccitelli ottiene un dottorato negli USA: proseguirà i suoi studi presso l'University of Massachusetts
Liceo scientifico M.Vitruvio P.
IMG-20240522-WA0000
sfida ai fornelli terremarsicane
NINA
foto foc
Violento impatto tra due auto a Cappelle dei Marsi/Foto
thumbnail_IMG_1617
IMG-20240521-WA0017
Il tenore abruzzese Piero Mazzocchetti canterà al G7 Finanze
DOMENICO DI BERARDINO
Donazione di organi e trapianti terremarsicane
Copertura del disavanzo del servizio sanitario regionale, convocata una seduta urgente del Consiglio regionale
Domani a Ortona dei Marsi l'inaugurazione del Museo degli insetti Entoma
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Dopo 27 anni le Frecce Tricolori tornano a L'Aquila per l'Airshow del 25 e 26 Maggio
"Casa della salute mobile" a Civita d'Antino: consentirà di effettuare screening oncologici

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina