Scurcola: scongiurato il Commissariamento del Comune. Ma aumentano le tasse per i cittadini



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Scurcola Marsicana – L’amministrazione comunale di Scurcola Marsicana scongiura il Commissariamento del Comune adottando un piano di riequilibrio finanziario che, per forza di cose, comporterà un aumento di tasse a carico dei cittadini.

Morgante – si legge nella nota inviata dal Comune – nella seduta consiliare di domenica 15 ottobre, in cui con il voto favorevole di tutta la maggioranza – con l’astensione dei due consiglieri di minoranza presenti – ha approvato il piano di riequilibrio finanziario dell’ente comunale, che si è reso necessario, in ottemperanza alle prescrizioni di legge in materia di salvaguardia degli equilibri di bilancio, a fronte di uno squilibrio finanziario di €  2.685.937,49. La massa passiva del Comune si è determinata a causa dell’esistenza di un debito di circa € 1.168.000,00 per spese legali a cui l’ente è stato condannato con la sentenza n. 648/2014 emessa dal Tribunale di Avezzano, nella causa intentata dal Comune nei confronti di diverse controparti, avente ad oggetto la richiesta di danni patrimoniali e non patrimoniali procurati al Comune di Scurcola per attività di illecito smaltimento di rifiuti nella nota discarica  Biolite“.

“Tali spese legali, oltre a quelle “presuntive“ del giudizio di appello  – tutt’ora pendente dinanzi la Corte d’Appello di L’Aquila – cui si è aggiunta la rilevazione di oltre € 1.000.000,00 per disavanzi di amministrazione non coperti da liquidità di cassa e residui attivi per crediti non esigibili, hanno portato l’ente a un passo dal dissesto e dal suo commissariamento. L’enorme massa passiva doveva essere necessariamente risanata senza ulteriore dilazione, questo ha imposto l’applicazione della legge sulla salvaguardia degli equilibri di bilancio, a fronte di un parere negativo sulla sua congruità dei conti da parte del revisore legale dell’ente”.

L’adozione del Piano di risanamento è la dimostrazione di un grande senso di responsabilità e di consapevolezza da parte dell’amministrazione, che nonostante gli slanci e la buona volontà si è trovata di fronte a una situazione debitoria senza precedenti, che non poteva essere ignorata…”  ha dichiarato il Sindaco Maria Olimpia Morgante “…La misura del piano di risanamento comporterà grandi sacrifici sia per l’ aumento della pressione fiscale, che per i tagli alle spese non indispensabili che si sono imposti, ed è stata una decisione necessaria ad evitare il dissesto del comune, ma abbiamo portato a compimento una operazione di grande importanza per il futuro del nostro Ente, ora abbiamo i conti in ordine e ciò garantirà all’ente comunale la stabilità economico finanziaria del prossimo futuro, restituendo ai cittadini un comune sano e solido ”.

Il Sindaco Maria Olimpia Morgante ha indetto una conferenza stampa, aperta alla cittadinanza, per sabato 21 ottobre alle ore 18 presso la Sala Consiliare Multifunzionale del Comune di Scurcola Marsicana per illustrare le ragioni dell’intervento e le misure che ora saranno vagliate dalla Corte dei Conti e dal Ministero dell’interno.




Lascia un commento