Sabina Santilli la Madre Teresa marsicana che ha raccolto la voce sommersa dei ciecosordi d’Italia non accolti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Benedetto Dei Marsi – Il giorno in cui Don Antonio Sciarra venne a S. Benedetto dall’Albania, mi portò in dono, con mia gioia e sorpresa, un’immagine di Madre Teresa di Calcutta con la dedica: A loda Santilli e famiglia ricordando insieme l’indimenticabile Sabina, la Madre Teresa Marsicana”

Una grande donna, umile e silenziosa, vissuta nel suo mondo silenzioso e solitario, riempendo la sua vita con la preghiera e il lavoro fittissimo poichè per lei era cieca e sorda. Arricchita dal fuoco dell’Amore del Padre Celeste, si lasciò condurre da lui verso la Missione, all’inizio sconosciuta, ma poi rivelata: servire i suoi compagni d’ombra e di silenzio per loro tra mille difficoltà, nel dicembre del 1964, fondò la LEGA DEL FILO D’ORO, Associazione che tutelasse i loro diritti come le altre categorie tiflologiche e, con la Diocesi.

Questo un ricordo della sorella Loda per sabina, la donna che portò i sordociechi fuori dal buio

Sabina Santilli la Madre Teresa marsicana che ha raccolto la voce sommersa dei ciecosordi d'Italia non accolti

Nota.
“Da premettere La mancanza della vista e dell’udito, porta all’isolamento, per Sabina però, non fu così perchè amava relazionare con gli altri. “Volli sempre volli , fortissimamente volli”. 
     Aiutata dal Prof. Augusto Romagnoli all’inizio della sua rieducazione,con esercizi continui personali , evitò che la sordita le facesse perdere l’udito (afona sì,maparlare ancora). Già perchè per   poter mettersi in comunicazione con gli altri, doveva poter gestire la parola ” (Sr Maria della Natività Prof. Tarquini, delle  Suore Gianelline nipote)



Lascia un commento