Pregare per il terremoto? Don Aldo Antonelli risponde: “No, grazie!”


Avezzano. Tre scosse di terremoto e la richiesta di pregare da parte di una lettrice. Don Aldo Antonelli, una delle voci più convinte e autorevoli anche dell’Associazione Libera, dice No.

Don Aldo, nella sua ultima pubblicazione su Huffingtonpost invita inevitabilmente a una riflessione. Non si può pregare Dio “contro” i terremoti. La prevenzione dell’uomo contro i fenomeni della Natura avrebbe più “senso”.

Lo scritto di don Aldo:

Tre grandi e terribili scosse: ore 10,25 magnitudo 5,3; ore 11,14 magnitudo 5,4 e 11,26 magnitudo 5,3.

Le avverto come paralizzanti mentre sto nel mio studio di Avezzano in provincia dell’Aquila e ne do notizia su facebook.

Un’amica commenta: «Don una preghiera Don».

Io, lapidario, rispondo: «per queste cose non prego!».

L’amica aggiunge: «Boh … va beh … scusi ma non la capisco … però .. va bene .. io prego sempre per tutto di solito ! ».

Poco più tardi, il sindaco di Accumoli (mi sembra, non ricordo bene), raccontando la situazione veramente disarmante di un paese distrutto e di gente martirizzata dalla neve, dal gelo e da queste continue scosse, pone la domanda, per me infelice ma imbarazzante per certi credenti la cui fede è più vicina al credulismo dell’impaurito che alla “Fedeltà” evangelica, pone la domanda: «Ma noi a Cristo che gli abbiamo fatto?».

Ecco, sia chiaro, per coloro che credono e per coloro che non credono e anche per coloro che credono di credere: il dio del Vangelo e il Dio della Fede cristiana non è il dio a guardia della metereologia e/o a garanzia dei fenomeni naturali. E’ il Dio che aiuta la coscienza del credente ad assumersi le sue responsabilità, ad essere cosciente delle sue limitatezze e a disporre di se stesso ai fini di una convivenza solidale. In questo contesto la preghiera non è una polizza di assicurazione contro gli infortuni e gli inconvenienti legati alle nostra precarietà e all’instabilità del creato. E’ piuttosto un accendere in sé la coscienza della propria piccolezza e la fiamma di una forza che sa farci stare in piedi e ci da speranza anche nelle sventure.

C’è troppa gente che crede di pregare ma in realtà parla solo con se stessa, trasformando la preghiera a mero psicologismo autogratificante. Non basta chiudere gli occhi e stare in raccoglimento per incontrare Dio!

Pregare significa anche questo: farsi provocare dalla storia e dagli eventi e mettere in discussione le proprie facili e fatue certezze. Nella preghiera è Dio che pone delle domande all’orante e non il contrario.

Il post originale di Don Aldo Antonelli è pubblicato su www.huffingtonpost.it

 


Invito alla lettura

Ultim'ora

Il giovane sacerdote Don Luca celebra la sua prima messa a S.Donato, suo paese d’origine: commozione ed affetto da parte di tutta la comunità

Una giornata colma di emozioni quella vissuta dalla comunità di San Donato, piccola frazione di Tagliacozzo, che ha accolto Luca Santacroce, a maggio divenuto parroco, con calore ed affetto, nella ...


”Non darmi da mangiare, mi ridurrai così”, l’appello del Parco Nazionale d’Abruzzo a non nutrire le volpi

Il Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise spiega come mai tante volpi vengono schiacciate a bordo strada: ”Abituate a ricevere cibo dai passanti e attendono ...

Video dell’orsa Amarena che dalla montagna scende in paese

Tutti abbiamo imparato a conoscere l’orsa Amarena. Nel video di Marco Borgiani, Amarena, l’orsa più famosa d’Abruzzo scende dalla montagna alla ricerca di cibo fino ...

Le miniere dismesse della Marsica, preziosa risorsa per l’incentivazione turistica

Da alcuni anni cresce l’interesse per le miniere dismesse in Abruzzo. La recente Legge Regionale 13 aprile 2022, N.7 (Disposizioni per l’utilizzo e la valorizzazione ...

Chiusura temporanea sentieri G7 e G9 area Anfiteatro delle Murelle nel Parco Nazionale della Maiella

Dalle risultanze dei monitoraggi del trend e della struttura di popolazione e delle attività di sorveglianza sanitaria condotte nel corso del 2021 e 2022 sul ...



Lascia un commento