Meteo, venti freddi, piogge e neve in montagna



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica. Un vortice di bassa pressione in seguito all’ingresso della perturbazione atlantica di domenica, non appena essa raggiungerà le regioni meridionali, risucchierà una massa d’aria fredda e instabile di origine artico-marittima verso la Francia, la Corsica e la Sardegna, nonché la parte più attenuata verso il resto del Nord e del Centro, attraverso tesi venti di Maestrale che, nonostante qualche schiarita al Nord e al Centro, mulinati dalla medesima bassa pressione, in particolare tra lunedì e martedì, daranno luogo ad altri rovesci di pioggia o temporali localmente anche di forte intensità o a carattere di nubifragio al Centro-Nord e in successivo trasferimento a tutto il Centro e su gran parte del Sud. Le nevicate saranno a tratti anche copiose anche sul nostro Appennino centrale, da quote medio-alte fino a quote medie, localmente anche di sotto dei 1400 m. Questa fase di maltempo di stampo tardo-autunnale, tipica del periodo, nonostante qualche breve tregua, non si chiuderà facilmente, anzi, dalla prossima settimana ancora, potrebbe essere la base per l’arrivo, lungo i bordi orientali dell’Anticiclone delle Azzorre, di masse d’aria di origine artica che, se tale tendenza venisse confermata, sarebbero in grado di dare luogo a nevicate fino a quote basse. Ne torneremo a parlare.

Intanto, le correnti più fredde di origine artico-marittima predomineranno e, nella giornata di martedì, specie nella notte tra questo lunedì e martedì, faranno sì che le piogge, anche temporalesche, vengano accompagnate da raffiche di vento freddo e in grado di trasportare la massa d’aria verso il basso che, pur giungendo attenuata, farà nevicare sulle nostre zone interne e in particolare modo sull’Appennino centro/settentrionale e centrale abruzzese, ove la neve potrebbe raggiungere quote inferiori localmente ai 1000/900 m, imbiancando copiosamente le quote di alta montagna, comprese le medio-alte quote dell’Appennino centro-meridionale. Orbene, nella giornata di martedì, la pioggia si presenterà mista a neve o sotto forma di neve tonda nelle località abruzzesi comprese tra le quote dei 700/800 m. Anche la giornata di mercoledì, sarà ventosa, fredda e si potranno ammirare le nostre montagne appenniniche nonché le località sciistiche che ne fanno parte, imbiancate completamente e in maniera anche abbondante, di coltre nevosa, per via di tale moderata irruzione d’aria artica consentita dall’area di bassa pressione di natura nord-atlantica.




Lascia un commento