Le suore di Carità festeggiano il loro bicentenario



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Grande festa nella comunità di suore di Carità di Santa Giovanna Antida, che domani, alle ore 11,commemoreranno il bicentenario della loro presenza a Tagliacozzo. La messa solenne si terrà nella chiesa dei Santi Cosma e Damiano e sarà celebrata dal Vescovo dei Marsi, Mons. Pietro Santoro.

La congregazione delle suore di carità di Santa Giovanna Antida è presente a Tagliacozzo da duecento anni, da quando la fondatrice dell’ordine in persona visitò  il paese, nel 1818, e vi impiantò una piccola comunità. Negli anni le religiose sono state le insegnanti di tantissimi bambini che frequentavano la loro scuola materna e le elementari. Anni addietro hanno anche insegnato pianoforte e organizzato corsi di ricamo e cucito. Inoltre, le suore di carità hanno svolto per molto tempo un importante ruolo gestionale nell’assistenza ai malati presso l’Ospedale di Tagliacozzo.

Le suore di Santa Giovanna Antida, con la loro costante e meritoria attività educativa, sono sempre state il fiore all’occhiello della città. Basti pensare che, dopo l’Unità d’Italia, il loro istituto fu tra i pochi a “sopravvivere” al decreto governativo che prevedeva la soppressione di ordini e congregazioni religiose.

Quest’anno però, dopo duecento anni di insegnamento qualificato, la loro scuola è stata chiusa per una serie di concause che hanno lasciato l’amaro in bocca non solo ai tagliacozzani, ma anche alle suore stesse. La cittadina infatti, oltre ad aver perso l’asilo paritario, è rimasta sprovvista della sezione “Primavera”, molto utile alle mamme lavoratrici. L’intera comunità spera ancora che, prima o poi, si riesca a trovare una soluzione per far riaprire una scuola che ha dato davvero tanto al paese.

Nel giorno del bicentenario del loro insediamento a Tagliacozzo, le suore di Carità invitano la popolazione a partecipare alla messa di ringraziamento.




Lascia un commento