La necessità di una efficace bonifica integrale in tutta la Marsica (maggio 1929)


Nei mesi successivi al Plebiscito, che per la maggior parte degli italiani rappresentò sicuramente una vittoria, il regime fascista entrava in una nuova fase: «era evidente che attraverso tali iniziative e tali trasformazioni Mussolini e il fascismo avevano, bene o male, dato ormai vita ad un nuovo tipo di regime politico […] destinato, per un certo periodo almeno, a non subire sostanziali modificazioni […] e potesse dedicarsi sempre più seriamente e sistematicamente a risolvere gli annosi problemi che assillavano la società italiana» (1).

Anche per la Marsica si disegnò la speranza di un necessario riassetto territoriale, mentre già dal 29 aprile 1929, «Il Popolo d’Abruzzo» annunciava che il ministero delle Corporazioni diretto da Giuseppe Bottai, aveva inviato nel Fucino l’avvocato Francesco Rubino, per cercare di risolvere le annose vertenze degli agricoltori (2).

Un lungo articolo, pubblicato in prima pagina da «Il Risorgimento D’Abruzzo e Molise» (maggio 1929), mostrò tutte le gravi necessità della zona, suggerendo al governo un’urgente «Bonifica integrale nella Marsica» da realizzarsi al più presto: «in un territorio compreso dall’ex Circondario di Avezzano che rappresenta in provincia di Aquila, la zona della maggiore importanza sia dal lato agricolo che economico. Ivi l’agricoltura si è da tempo avviata verso le forme moderne di produzione industrializzando i suoi prodotti e dando forte contributo all’esportazione». Con l’aiuto di questi importanti rilievi di carattere cronachistico, si può tracciare così una situazione d’insieme con dati molto espressivi. Basti accennare alla produzione di oltre: settecentomila quintali di bietole, quattrocentomila quintali di grano e un milione di quintali di patate, di cui oltre la metà erano destinate all’esportazione. Tutto questo per capire l’importanza del necessario e urgente intervento. L’intero comprensorio comprendeva trentasette comuni, con un’estensione territoriale di chilometri quadrati di 1.938, 64 e una popolazione complessiva di 131.566 abitanti, i quali vivevano esclusivamente con il lavoro e i redditi dell’agricoltura. Per quanto riguardava «Le provvidenze relative alla bonifica integrale, la Marsica si presenta con pochi problemi ben delineati, e, quel che è più, già compresi in epoche più o meno lontane quando le iniziative riguardanti l’agricoltura, specie se condotte in ambienti poco preparati erano destinate a naufragare». Per questi e altri problemi: «Le attuali disposizioni legislative trovano perciò nella Marsica tutta la possibilità di una pratica ed immediata applicazione» (3). Evidenti mancanze e necessità da attuare subito furono più volte denunciate da Rocco D’Alessandro, che presentò al governo le priorità assolute inerenti alle bonifiche idrauliche e agrarie, rimboschimenti, ricostruzioni di strade, arginamento di fiumi, aumento dell’irrigazione di terreni, ecc., tutti provvedimenti trascurati da oltre settanta anni dall’amministrazione Torlonia e dai vari governi (4).

La bonifica dei Piani Palentini, attraversati dalle varie strade Avezzano-Tagliacozzo, era pressante, poiché nella stagione invernale apparivano come un immenso acquitrino. 

Si trattava di oltre diecimila ettari di terreno pianeggiante, di natura alluvionale, argilloso – calcareo, convergente verso la Valle del Salto, attraversato dai torrenti Imele e Rafia che, senza una dovuta sistemazione degli argini, allagavano annualmente tutta la piana: «Ivi, infatti, la coltivazione del frumento, che si estende per oltre cinquemila ettari, è subordinata alle annate meno umide, mentre gli antichi prati avariati dal ristagno, rappresentano una coltivazione irrazionale». Bisognava sistemare anche il torrente Foce, che scaturiva dagli altipiani di Ovindoli e di Rocca di Mezzo, attraversando con un dislivello molto scosceso le fertili zone del tenimento di Celano, per poi riversarsi nel Fucino. I suoi danni erano ogni anno enormi, specialmente dopo il disgelo delle nevi, quando frane ed erosioni trasportavano a valle enormi quantità di detriti. Con un decreto reale del 3 novembre 1898 si cercò di intervenire e nel 1906, con decreto prefettizio si costituì un regolare consorzio per la sistemazione del torrente Foce. Furono eseguiti e collaudati vari lavori, che però nel 1910 rimasero distrutti da una grande alluvione. 

Da allora in poi, anche se furono avviate nuove iniziative dalle autorità prefettizie, nulla è stato possibile risolvere, mentre i danni causati dalle acque impetuose del torrente ogni anno aumentano sempre più. Alle opere più urgenti e necessarie si aggiungevano altre sistemazioni e bonifiche di minore importanza, già tenute in considerazione in passato. 

Ad esempio il risanamento della Piana di Ortucchio, che riguardava varie centinaia di ettari e la sistemazione del torrente di Trasacco. Per questi lavori occorreva costituire piccoli consorzi agevolati dalle recenti agevolazioni legislative. Anche il fiume Liri aveva bisogno di arginature e protezioni, ma l’opera più grandiosa del secolo era rappresentata dalla bonifica del Fucino, possibile solo con l’aiuto delle organizzazioni sindacali per trovare infine una soluzione in una proprietà molto frazionata, con pessime strade di accesso usate dagli agricoltori, con mancanza di case coloniche per cui, ogni sera, a fine lavoro, tutti i lavoratori erano costretti a uscire dalle proprietà dei Torlonia (5). 

Tuttavia, al momento, pretendere di dare al problema una soluzione semplice e immediata non era possibile, per non stravolgere radicalmente tutti gli stati di fatto «che il regime non se la sentiva di discutere neppure in via accademica», evitando così lo scontro diretto con i principi romani (6).

NOTE

  1. R.De Felice, Mussolini il fascista, II. L’organizzazione dello stato fascista, 1925-1929, Giulio Einaudi editore, Torino 2019, p.477.
  2. R.Colapietra, Fucino Ieri, 1878-1951, Ente Fucino, Stabilimento roto-litografico «Abruzzo-Press», L’Aquila ottobre 1998, p.163.
  3. Il Risorgimento d’Abruzzo e Molise, Anno XI – Num.874 – Roma, 2-5 Maggio 1929, Bonifica integrale nella Marsica.
  4. R.Colapietra, Ibidem.
  5. Il Risorgimento d’Abruzzo e Molise, Anno XI – Num.874 – Roma, 2-5 Maggio 1929, Bonifica integrale nella Marsica.
  6. R.Colapietra, Ibidem.

Promobox

Alla Scoperta Della Scuola Di Alta Formazione 'Sapere Aude': Aperte Le Iscrizioni Per I Nuovi Corsi Di Formazione

Tanti i percorsi formativi e di aggiornamento su scala nazionale che questa scuola, da oltre 6 anni, propone ai tanti corsisti che si immergono in nuove esperienze, ampliando il loro bagaglio culturale con passione e dedizione, grazie anche al lavoro di un team altamente qualificato e specializzato, vicino alle esigenze di ognuno di loro.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Gazprom chiude i rubinetti all’Italia, niente più gas dalla Russia. UE: “crisi energetica grave”

Le forniture di gas russo all’Italia attraverso il Tarvisio saranno da oggi a zero. “Gazprom ha comunicato che non è in grado di confermare i volumi di gas richiesti per ...


Ospedale dell’Aquila: prosegue la raccolta di sangue aggiuntiva per scorte. Aumentano consumi

Si può donare nella sede di Viale della Croce Rossa, ogni giovedì del mese, previa prenotazione L’AQUILA – Sarà probabilmente prorogata fino alla fine dell’anno ...

Raccolta funghi senza tesserino e in assenza di versamento annuale: i Carabinieri del Comando Tutela Forestale e Parchi elevano sanzioni pari a 3200 Euro

Carsoli – Nei giorni scorsi, nel corso di un servizio di controllo presso Poggio Cinolfo, nel comune di Carsoli (AQ), gli uomini della Stazione Carabinieri ...

Lino Guanciale protagonista di “Sopravvissuti”, tra le fiction di punta del palinsesto Rai

Avezzano – Andrà in onda da lunedì 3 ottobre la nuova serie televisiva. Intitolata Sopravvissuti che vede tra i protagonisti Lino Guanciale. Sopravvissiti trae ispirazione dal grande ...

Torna la Sagra della castagna roscetta a Morino

L’8 e il 9 Ottobre, Piazza Sant’Antonio e le strade della frazione di Grancia, si animeranno di stand enogastronomici e di artigianato. Il programma, oltre ...