Interventi chirurgici col robot “Da Vinci” per i pazienti dell’ospedale di Avezzano


Avezzano – 80% di interventi chirurgici per tumore al colon effettuati in laparoscopia (senza apertura totale: meno sofferenza e meno giorni di ricovero) e rischio di complicanze post operatorie tra i più bassi a livello nazionale. Sono alcuni dei punti di forza del reparto di chirurgia generale dell’ospedale di Avezzano che effettua circa 800 interventi l’anno e che, grazie all’adozione di specifiche procedure, è riuscito ad aumentare il numero di operazioni mininvasive, riducendo tempi di degenza e costi sanitari. Di particolare importanza la fluorescenza (una combinazione di tecnica e tecnologia) che permette al chirurgo di individuare il punto preciso in cui sezionare l’intestino e di procedere successivamente alla sutura e all’efficace vascolarizzazione, riducendo al 2% il rischio di complicanze.

Le novità riguardano anche la possibilità, già in via di sperimentazione, di effettuare ad Avezzano anziché all’Aquila la procedura per l’individuazione del linfonodo sentinella per il cancro della mammella, evitando disagi alle pazienti e con maggior risparmio dell’azienda. In reparto, tra l’altro, vengono compiuti interventi di colecistectomia laparoscopica con strumenti che permettono di effettuare solo 2 incisioni invece di 4. Nei prossimi mesi, in aggiunta a questo ventaglio di prestazioni, alla chirurgia generale di Avezzano prenderà servizio un giovane chirurgo, esperto nella procedura, per effettuare interventi col robot Da Vinci, una tecnologia di alto livello acquistata di recente dalla Asl.

“L’obiettivo”, dichiara il Manager della Asl, Rinaldo Tordera, “è investire su giovani chirurghi di valore per elevare  ancora la qualità delle prestazioni a beneficio degli utenti, rendendo al contempo sempre più attrattiva l’attività di sala operatoria e creando mobilità attiva. Le sfide  della sanità del futuro passano ormai necessariamente attraverso le nuove tecnologie ed è su di esse che noi punteremo sempre di più” ”.

In virtù della propria crescita professionale la chirurgia generale, che vanta una mobilità attiva soprattutto dal Lazio, ha promosso un convegno regionale che porterà nella Marsica nomi importanti del settore, abruzzese e non. Infatti, il 25 maggio prossimo, a Tagliacozzo, al teatro Talia, per iniziativa del direttore del reparto, Pierluigi Di Stefano, si svolgerà il decimo congresso regionale dell’Acoi (associazione chirurghi ospedalieri), a  partire dalle ore 9.30. Ai lavori, dal titolo: “La sepsi addominale: una sfida multidisciplinare da vincere”, interverranno specialisti da varie regioni.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Priorità ambiente a Pescina, Zauri “Quando la prevenzione ed il dialogo funzionano”

Pescina – “Ambiente come priorità”. Così il primo cittadino pescinese Mirko Zauri ha sottolineato in una nota social, come il suo impegno e quello dell’amministrazione comunale nel prevenire inconvenienti, portati ...


Tragedia all’alba a Capistrello: 42enne muore in casa per un malore

Capistrello – Un malore improvviso si è portato via alle prime luci di questa mattina Cosimo Musichini, 42 anni. La notizia della sua morte ha ...

Inaugurato nuovo campo da padel presso il centro sportivo Bar Manola a Pescina

Pescina – È stato appena inaugurato il primo campo da padel della Marsica orientale. Si trova nel centro sportivo Bar Manola, di Manola Di Genova, ...

Roby Facchinetti a Tagliacozzo Festival, brani dal repertorio dei Pooh e 5 inediti

Tagliacozzo – Domani, Giovedì 18 Agosto 2022, ore 21.30 presso il Teatro all’Aperto di Piazza Duca degli Abruzzi Roby Facchinetti, presenterà in concerto, “Symphony”, il suo ...

“Bestiario” al Giovenco Festival, l’atelier di creazione teatrale a Ortona dei Marsi

Ortona dei Marsi – Bestiario è un atelier residenziale di creazione teatrale, incentrato sulle tecniche del Teatro in spazi aperti.È rivolto principalmente ad attrici e ...



Lascia un commento