Inaugurata la nuova area sosta di Ara Auraglia nella Riserva Zompo lo Schioppo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Morino – È stata inaugurata ieri la nuova area sosta di Ara Auraglia nel territorio della Riserva naturale Zompo lo Schioppo. L’area è stata realizzata bonificando una cava abbandonata con risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, e con i fondi PAR FAS 2007-2013, la linea d’azione IV.2.2A  che prevedeva il recupero e il rifunzionamento dei detrattori ambientali e il potenziamento del sistema dei servizi di promozione della fruizione turistica delle riserve naturali dotate di P.A.N.
Alla presenza del Presidente del Consiglio Regionale d’Abruzzo Giuseppe Di Pangrazio, sono stati premiati i  primi tre classificati del concorso “Sosta con noi”, indetto dalla Riserva Naturale Zompo lo Schioppo per la realizzazione dell’area sosta, è stata allestita una mostra con i lavori partecipanti al concorso e sono stati proiettati il docufilm “il fiume Liri e il paesaggio della Valle Roveto”, che segue il corso del Fiume Liri dalla sorgente attraverso i paesi della Valle Roveto ed un’anticipazione dei corti partecipanti al 1° Corto Festival di Zompo lo Schioppo che si terrà il 12 Agosto nel territorio della Riserva.
Torna stasera la due giorni di Ambient’arti a Morino, le “notti nel borgo fantasma” inizieranno alle 19,30 con l’apertura delle osterie dei tempi persi, mentre alle 21,00 inizia il “viaggio nel tempo”, un percorso-spettacolo alla scoperta di voci e storie nascoste tra le pietre del borgo prodotto dal Teatro Lanciavicchio in collaborazione con Teatri dei Marsi.

Il programma della manifestazione prevede, il giorno 6 agosto alle ore 18,00 sulla Piazza San Rocco nel Borgo di Morino Vecchio, la presentazione dell’opera “Il terremoto del 13 Gennaio 1915 nell’Alta e Media Valle del Liri”, quasi 850 pagine scritte a più mani, da 32 autori, edito dall’Associazione Culturale il Liri e stampato da Trerefusi srl, è il frutto di un’attenta ricerca e consultazione di fonti, è corredato da diverse foto, alcune delle quali inedite, e rappresenta un unicum per questo territorio.

È dedicato alla memoria di Eugenio Maria Beranger, saggista e storico dell’Alta terra del lavoro e della Valle Roveto, ed è arricchito dalla premessa del noto giornalista di La Repubblica Paolo Rumiz. La presentazione, moderata da Maria Caterina De Blasis, sarà aperta dai saluti del sindaco di Morino Roberto D’Amico e dal Presidente del Comitato Morino Vecchio Giancarlo Rossetti. Interverranno poi Giovanni De Blasis, responsabile del settore culturale dell’associazione e Sergio Natalia, direttore dell’Istituzione per le celebrazioni del centenario del terremoto della Marsica.




Lascia un commento