Il Coronavirus non arresta la violenza sulle donne, il comune di Tagliacozzo e la Cooperativa “Be Free” sono presenti con un servizio fondamentale per la Marsica



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Tagliacozzo – Con circolare del Ministero dell’Interno è stato dato mandato alle Prefetture di potenziare l’offerta di alloggiamento, anche temporaneo, alle donne vittime di violenza, e immediatamente il Sindaco di Tagliacozzo, con sensibilità e spirito di servizio, coadiuvato dall’Assessore alle Politiche sociali Alessandra Di Girolamo, ha colto l’occasione per assicurare, soprattutto in questo momento di emergenza sanitaria, accoglienza e disponibilità all’ascolto.

Infatti, al pari dei pochi servizi primari rimasti attivi, il Centro antiviolenza e Casa rifugio “La Casa delle Donne nella Marsica” (di Be Free Coop. Soc.), che da anni opera appunto sul territorio del Comune di Tagliacozzo, ha mantenuto il centro aperto e attivo, con ininterrotta offerta di aiuto, sostegno ed ospitalità alle donne maltrattate, a chi, cioè, oltre al terrore del contagio del virus, sta patendo orrore e paura in casa per la violenza perpetrata a suo danno dal convivente.

Il numero da contattare, attivo 24 ore al giorno 7 giorni su 7, è 393.8856389, anche whatsapp.
E-mail: casadonne.marsica@gmail.com.

Nonostante tutto appaia fermo e bloccato, non può arrestarsi la tutela apprestata alle vittime.