Il Comune di Capistrello chiude la discarica Trasolero grazie ad un finanziamento regionale di 368 mila euro



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Capistrello – Al Comune di Capistrello 368 mila euro di fondi regionali per la sistemazione e messa in sicurezza della discarica Trasolero. Si è concluso l’iter amministrativo relativo al finanziamento delle discariche incluse nella seconda procedura di infrazione comunitaria (la n. 2011/2065).

Il Servizio gestione rifiuti della Regione, lo scorso 30 ottobre, ha dato attuazione alla programmazione regionale definita nel 2016 con tre specifiche deliberazioni di Giunta relative, le prime due, alla necessaria dotazione finanziaria e l’ultima inerente l’aggiornamento dell’anagrafe regionale dei siti a rischio potenziale.

Attraverso tale atto decisorio la Regione Abruzzo ha disposto la programmazione complessiva delle risorse del programma Masterplan Abruzzo-Patto per il sud (settore prioritario ambiente), per un importo complessivo di 12 milioni di euro, relativa a siti di discariche pubbliche dismesse interessate da una Procedura di infrazione aperta dall’Unione Europea nel lontano 2011 e a siti di discariche pubbliche dismesse da bonificare ai sensi del titolo V del codice dell’ambiente da chiudere definitivamente, individuati secondo criteri di priorità derivanti dai dissesti idrogeologici in atto o da rilevanti criticità ambientali che richiedono interventi urgenti e indifferibili. Undici gli interventi finanziati con le risorse del Masterplan.

Tra questi, unico nella Marsica, il Comune di Capistrello a cui sono andati 368 mila euro. “Grazie ad un progetto che abbiamo presentato nel 2016 in collaborazione con la Segen – ha dichiarato soddisfatto il sindaco di Capistrello Francesco Ciciotti –finalmente si porterà a termine il completamento del ritombamento e messa in sicurezza della discarica che, da oltre un decennio, costituisce un grave problema per la nostra comunità. Un finanziamento corposo che ci permetterà di chiudere il sito senza gravare sulle casse comunali. E’ in fase di pubblicazione il bando, ci auguriamo di poter avviare presto i lavori“.



Lascia un commento