IL CARDINALE DI PESCINA



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

La storia dell’uomo è un giacimento ancora inesplorato . Ci sono vicende che meritano di essere indagate e conosciute per meglio offrire reali e corretti spaccati ricostruttivi . In verità bisogna sempre più rivisitare il passato per più e meglio trarre le coordinate per costruire il futuro .

E nell’ambito di questa riflessione va inserita l’ultima fatica di Franco Francesco Zazzara , che da sempre si impegna con orgoglio di appartenenza ad una terra unica , a riscoprire dai corrugamenti del passato le vicende che in qualche modo si connettono alla sua Pescina . L’ultimo lavoro porta il titolo ” Il cardinale di Pescina Giulio Raimondo Mazzarino , sua nipote Maria Mancini e il Re Sole Luigi XIV° ” .

Si tratta della traduzione da ” Louis XIV° et Marie Mancini ” par Regis Chantelauze  , stampato per i caratteri della Tipografia Renzo Palozzi di Marino ( Rm) . L’opera che colma una lacuna storico-culturale e attesa dal mondo dei cultori di storia generale e locale , nondimeno dalla città di Pescina ( la città marsicana ha un Museo relativo al Primo Ministro di Francia ) , si impreziosisce di una breve , ma argomentata introduzione di Maurizio Di Nicola e di una esaustiva prefazione di Regis Chantelauze , con rimandi opportuni all’opinione di Voltaire sugli amori del re e di Maria Mancini .

Peraltro il volume ( pp.235) si avvale di un interessante materiale fotografico . Senza per nulla voler mortificare la curiosità del lettore anticipando gli argomenti della pubblicazione , si divide in due parti . La prima si compone di sedici capitoli , mentre la seconda riporta le” Lettere di Mazzarino al Re , alla regina Anna D’Austria , alla signora di venel . L’Appendice tratta tre problemi della vita di Mazzarino : ” Mazzarino era l’amante segreto di Anna D’Austria ; Era sposato segretamente con lei ? Era prete ? ” .

Non difettano al libro puntuali annotazioni bibliografiche sulle Memorie della signora di Motteville , ecc. In sintesi il lavoro meritorio di franco Francesco Zazzara getta piena luce non solo su un periodo storico dai grandi avvenimenti , ma anche sui personaggi che ne furono , a pieno titolo , veri ed autentici protagonisti . Chi ha la curiosità di entrare sul privato dei personaggi che incisero sulla storia del tempo , non può non gradire la lettura del volume di Franco Francesco Zazzara .

Giovanni Zavarella




Lascia un commento