Igino Chiuchiarelli Direttore del Parco Sirente Velino. Fedele: “scelta pessima come la nomina a Presidente di Francesco D’Amore”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – “Sarà Igino Chiuchiarelli il Direttore del Parco Sirente Velino, già commissario del parco e grande sostenitore dello scellerato taglio che la Giunta di centrodestra ha inflitto sulla riserva naturale. Una scelta che ritengo pessima e che fa il paio con l’infelice nomina a Presidente di Francesco D’Amore altro grande fan e, probabilmente, ideatore della legge voluta da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia ai danni del territorio”.

Ad affermarlo è il Consigliere regionale Giorgio Fedele, da tempo impegnato nella salvaguardia del Parco e firmatario degli oltre 10 mila emendamenti per cercare di fermare la legge, successivamente impugnata dal Governo.

Si confermano alla guida del Parco Sirente Velino – incalza Fedele – proprio coloro che hanno lavorato per la sua deturpazione. Inoltre, quest’ultima nomina arriva nonostante la formale impugnativa del testo da parte del Governo che contesta il taglio di migliaia di ettari, portato avanti senza alcuno studio delle aree, e che va perfino in contrasto con la normativa europea sulla salvaguardia degli habitat delle specie a rischio, in particolare dell’orso bruno marsicano, simbolo della Regione Abruzzo e del nostro bellissimo territorio.

Ma sembra chiaro a questo punto che per la Giunta regionale sia più interessante rispondere alle logiche di posizionamento dei ‘propri’ uomini all’interno del parco, piuttosto che ad un’effettiva utilità e funzionalità dello stesso. Mi auguro che il presidente Marsilio e la sua maggioranza mostrino lo stesso impegno messo nella definizione della leadership del Sirente Velino per modificare e rendere produttivo per il territorio il testo di legge che, così come è stato forzatamente approvato in Consiglio regionale, è inaccettabile anche per la nostra Costituzione” conclude.

Fonte: Consiglio Regionale dell'Abruzzo