I rifugiati afghani ospiti di Villa Gaia sono stati trasferiti a seguito della diffida del Sindaco e del Vicesindaco di Lecce nei Marsi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Lecce nei Marsi – I rifugiati afghani ospiti di Villa Gaia, a Lecce nei Marsi, hanno lasciato la struttura marsicana e sono stati trasferiti altrove. A rendere noto il trasferimento gli stessi operatori di Villa Gaia che spiegano che tale trasferimento è avvenuto “a seguito della diffida del Sindaco e del Vicesindaco indirizzata alla Protezione Civile e alla Prefettura“.

I rifugiati erano accolti a Villa Gaia da alcune settimane: “la loro permanenza all’interno della nostra struttura ci ha regalato momenti di grande solidarietà ed un’esperienza umanitaria unica“, scrivono gli operatori che ringraziano tutti gli enti di volontariato e tutti i cittadini marsicani per il sostegno e gli aiuti offerti.

Ciò che ci auguriamo” continuano nel loro messaggio “è che il nostro Paese possa riservare ai rifugiati, costretti a lasciare il loro paese per fuggire alla morte e alla guerra, un futuro migliore e che possa aiutarli nel ritrovare la loro strada. La struttura Villa Gaia resterà aperta anche a seguito dell’emergenza Afghanistan, continuando ad operare come struttura sanitaria e sociale“.