13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona il 18 Luglio 1888: per la prima volta il treno attraversò la Marsica
Inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona il 18 Luglio 1888: per la prima volta il treno attraversò la Marsica
Marsica – L’inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona nel 1888 fu un evento di grande importanza per l’Italia perché segno un passo fondamentale nello sviluppo delle infrastrutture di trasporto del...
Cerca
Close this search box.
Home » Attualità » Forno crematorio a Tagliacozzo. Fare Verde: “siamo contrari, l’impianto avrebbe un inevitabile impatto sulla qualità dell’aria”

Forno crematorio a Tagliacozzo. Fare Verde: “siamo contrari, l’impianto avrebbe un inevitabile impatto sulla qualità dell’aria”

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio

Tagliacozzo – Abbiamo comunicato a Sindaco e consiglieri comunali di Tagliacozzo la nostra più viva preoccupazione per il progetto di un forno crematorio da realizzarsi presso il cimitero, a ridosso di uno dei borghi più belli d’Italia. Abbiamo chiesto che il progetto sia reso pubblico in tutti i suoi dettagli e che la popolazione sia coinvolta in una scelta così importante per il futuro della città.

L’unico atto disponibile per la cittadinanza parla di un tempio di cremazione nei pressi del cimitero di Tagliacozzo, che è posto a circa 100 metri in linea d’aria dalle prime abitazioni del centro abitato, a circa 650 metri dal centro di Tagliacozzo e a circa 800 metri dalla piazza dell’Obelisco. Orografia del territorio e direzione dei venti potrebbero esporre il borgo alle emissioni dell’impianto di cremazione con effetti nefasti, oltre che, potenzialmente, per la salute delle persone, anche per l’immagine turistica della città.

L’impianto avrebbe un inevitabile impatto sulla qualità dell’aria che può essere mitigato ma non completamente eliminato. In natura nulla si crea e nulla si distrugge. Secondo fonti SNPA (Sistema Nazionale Protezione Ambiente), durante la cremazione si producono inquinanti atmosferici, in particolare: polvere, monossido di carbonio, ossidi di azoto e zolfo, composti organici volatili, composti inorganici del cloro e del fluoro e metalli pesanti.

Possono aggiungersi, inoltre, emissioni di mercurio (dall’amalgama presente nelle otturazioni dentarie), zinco (specialmente nel caso delle cremazione di tombe estumulate), diossine-furani e idrocarburi policiclici aromatici. Non a caso, per la depurazione dei fumi dei forni crematori vengono di solito prese come riferimento le tecnologie disponibili l’incenerimento dei rifiuti.

Pur non mettendo in dubbio il ricorso alle migliori tecnologie disponibili, un simile impianto industriale non sarebbe esente da rischio di guasto o incidente. Con una prima ricerca sulla rete internet, abbiamo individuato notizie di malfunzionamenti a forni crematori in diverse città italiane con rilascio di fumi neri. Da Cuneo a Messina, sono almeno 8 i guasti verificatisi negli ultimi 3 anni, di cui abbiamo trovato notizia. Considerando che in Italia sono attivi 84 impianti di cremazione (dato Utilitalia 2018), siamo ad una percentuale vicina al 10%. Un rischio che Tagliacozzo, città che vive di bellezza, natura e turismo, non può correre.

Data l’esigua popolazione di Tagliacozzo e il conseguente ancora più ridotto fabbisogno di cremazione abbiamo molte perplessità sulla necessità dell’opera, a meno che non si voglia realizzare un polo industriale della cremazione a servizio dell’intera regione e del vicino bacino di Roma. Ma in questo caso saremmo di fronte più ad un’attività imprenditoriale che alla effettiva necessità di un servizio pubblico per la Città in base al quale si può attivare un project financing.

Prima di assumere impegni giuridicamente vincolanti con soggetti privati, chiediamo che l’Amministrazione Comunale promuova il più ampio dibattito pubblico possibile sull’opera. I cittadini devono conoscere tutti i dettagli del progetto.

PROMO BOX

"Casa della salute mobile" a Civita d'Antino: consentirà di effettuare screening oncologici
FB_IMG_1716297966272
Elezioni europee dell'8 e 9 Giugno, il Comune di Avezzano predispone il servizio gratuito di trasporto disabili ai seggi
Isweb Avezzano Rugby: promozione storica orgoglio d’Abruzzo
mercato
WhatsApp Image 2024-05-20 at 09.14
Incentivi economici alle imprese abruzzesi che assumono giovani disoccupati fino a 35 anni
Sciame sismico in area flegrea, la Protezione Civile attiva l'unità di crisi e allestisce aree di accoglienza per la popolazione
Inaugurazione nuova Big Bench a Pescocanale: domenica 26 Maggio presentazione della panchina gigante sulla montagna della Renga
Una femmina di lupo avvistata tra i campi di Fucino (video)
Comune di Celano
José Borges
Sirente Bike Marathon 20052024 camp reg fci abruzzo marathon
IMG-20240521-WA0000
FB_IMG_1716223877738
pietrucci-pierpaolo
WhatsApp Image 2024-05-20 at 12.48
60 mila prodotti contraffatti finiti sotto sequestro grazie alle indagini eseguite dalle Fiamme Gialle
Pescasseroli si prepara alla magnifica infiorata del Corpus Domini, i lavori prenderanno il via il 1° Giugno
Cammino dell'Accoglienza, 3 giorni di trekking dalla Valle Roveto ad Avezzano attraverso la montagna di Luco e la cresta del Salviano
L'antica Torre medievale di Collarmele è interessata da lavori di manutenzione straordinaria
Avezzano si prepara a commemorare le circa 100 vittime civili del bombardamento del 1944
Comune di Capistrello
Lavoro agricolo di qualità e lotta al caporalato: istituzione della Sezione Territoriale della rete nella provincia dell'Aquila

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina