Diffamazione aggravata, l’accusa all’assessore Presutti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – L’assessore Presutti è stato rinviato a giudizio, con l’accusa di diffamazione aggravata, e dovrà comparire dinanzi al giudice del tribunale di Avezzano il prossimo 9 ottobre.

Fatale, all’Assessore, più volte finito nell’occhio del ciclone per esternazioni “social” che hanno scatenato le ire dei cittadini, proprio un post, rivolto a Daniela Stati, ex assessore regionale alla protezione civile con il Presidente Chiodi, chiamata, a inizio 2016, nella squadra di governo cittadino dall’allora sindaco Giovanni Di Pangrazio.

Di fatto, la Stati aveva assunto il compito che era stato in precedenza proprio di Presutti, che aveva dato l’addio alla giunta Di Pangrazio dopo circa 8 mesi nella carica di assessore all’Ambiente; le deleghe dell’Assessorato erano state conferite a Roberto Verdecchia, rifiuti e viabilità, e verde pubblico e arredo urbano a Daniela Stati. Doppiata la metà di giugno erano “volati gli stracci” su facebook.

Presutti aveva pubblicato sul suo profilo due post in cui dichiarava: “Se non fai il bando e distribuisci tanti piccoli incarichi a svariate ditte e cooperative (sempre sotto la soglia comunitaria) ti fai tanti amici. Le elezioni si avvicinano. La precarietà rende schiavi. Vale anche per i voucher” e, ancora, “Non hai fatto rispettare la legge. Avete frazionato il contratto e fatto affidamenti diretti senza indire gara. In ogni caso osservo che il nuovo codice degli appalti che non comprendete è entrato in vigore a fine aprile. Tu sei stata nominata assessore il 6 gennaio. Ecco la differenza tra noi. Io pretendevo il rispetto delle regole. Così le avete violate. Continuate così…”.

I post avevano fatto sobbalzare Daniela Stati che, respingendo ogni ipotesi di addebito di condotte illecite era andata spedita in Procura a presentare querela. A conclusione delle indagini il Pm Andrea Padalino Morichini ha disposto il processo, rinviando a giudizio Presutti per l’ipotesi di reato di diffamazione, nella composizione di tutte e tre i commi dell’art. 595 del codice penale. Daniela Stati sarà assistita dall’avvocato Alfredo Iacone, mentre Crescenzo Presutti sarà difeso dall’avvocato. Franco Colucci, presidente dell’Ordine Forense di Avezzano.




Lascia un commento