Crescono i ricoveri Covid in Abruzzo, siamo alle soglie della zona arancione



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

AbruzzoDa zona gialla a zona arancione, con relative ulteriori restrizioni, il passo, per l’Abruzzo, sembra essere piuttosto breve. I parametri che determinano il passaggio sono allarmanti e i numeri dei ricoveri, nella nostra Regione, sono cresciuti in pochissimo tempo.

Le terapie intensive, infatti, hanno raggiunto quote preoccupanti e tutto fin dal secondo giorno di zona gialla. Gli indicatori ci stanno conducendo alle soglie della zona arancione. Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva è salito al 18% (il limite per la zona arancione è del 20%) mentre per l’area non critica si è arrivati al 26% (il limite per la zona arancione è del 30%).

L’incidenza dei contagi settimanali (per 100.000 abitanti) è arrivata a 2.275 (soglia limite 150). Le terapie intensive in Abruzzo, in soli sette giorni, hanno visto un incremento di ricoveri pari al 33%. E’ evidente che la situazione di pressione dei nostri presidi ospedalieri, fin da ora, non è quella che, forse, si sperava che fosse. Ciò che desta preoccupazione è il fatto che ci si aspetta un ulteriore peggioramento nei prossimi giorni e, con esso, probabilmente, anche l’ingresso in zona arancione.