Commissione regionale per la salvaguardia dei tribunali minori, il sindaco De Angelis illustra la convenzione salva tribunale: “Atto immediatamente fattibile, ora intervenga il Governo”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Questa mattina il sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, ha illustrato al presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio e agli altri membri della “Commissione regionale per la salvaguardia dei tribunali minori”, la bozza di convenzione per sostenere i costi di gestione del Tribunale di Avezzano, da sottoscrivere dai Comuni che hanno già deliberato la disponibilità a farlo, dalla Regione, dalla Provincia e dal Governo.

«Il Tribunale risulta già soppresso», commenta il sindaco De Angelis, «bisogna agire ora e non si può attendere la scadenza del periodo di proroga, il 2020. Come avvalorato dalla documentazione depositata dal presidente dell’Ordine, Franco Colucci, il nostro Tribunale presenta eccellenti indici di produttività che dovrebbero bastare da soli al suo salvataggio. La Commissione regionale deve tagliare i tempi e pretendere che l’attuale Governo, nel pieno delle proprie funzioni ancora per mesi, agisca».

«Dal nostro canto, già 28 sindaci, rappresentativi del 97% della popolazione della Marsica, hanno deliberato la disponibilità a sostenere i costi del Tribunale», conclude il primo cittadino, «un fatto di assoluto rilievo, in una situazione di grave difficoltà delle finanze pubbliche locali. Da sottolineare che secondo una prima valutazione, ma già attendibile, si evince che i costi a carico dei Comuni sarebbero assolutamente sostenibili, inferiori ai tre euro per residente, all’anno. E se la Regione partecipasse alla spesa, come auspichiamo, l’onere a carico dei Comuni sarà ovviamente ancora inferiore. È fuori dubbio che Comuni, Provincia e Regione possano stipulare da subito una Convenzione con il Governo: non occorrono modifiche legislative, né pronunciamenti delle Camere e nemmeno deliberazioni del Governo. La Convenzione è un atto amministrativo quindi immediatamente realizzabile».

Il sindaco De Angelis ha consegnato alla Commissione regionale la bozza della Convenzione auspicando che si possa andare immediatamente ad un costruttivo confronto anche con il Governo.




Lascia un commento